Persone

Marco Pannella

Giacinto, meglio noto come Marco Pannella era nato il 2 maggio del 1930 a Teramo ed è deceduto a Roma il 19 maggio del 2016.

E' stato un politico italiano, fondatore, segretario e presidente del Partito Radicale e della Lista Pannella.

Per sessanta anni ha avuto con un ruolo unico e irripetibile sul palcoscenico della politica italiana.

Dopo essersi laureato in giurisprudenza presso l'Università di Urbino ed aver esercitato per un anno la professione di avvocato, decide di fondare, insieme a Ernesto Rossi, Leo Valiani, Mario Pannunzio ed Eugenio Scalfari, il Partito radicale (PR).

Nel 1963 Pannella assunse la segreteria e diventò il dominus indiscusso del PR.

Nel 1965 iniziò la campagna per il referendum sul divorzio. Sarà uno dei suoi tanti successi politici.

Anni dopo verrà anche la vittoria sull'aborto.

La lotta non violenta sarà la cifra di tutta l'azione politica di Pannella e dei Radicali: non si contano gli scioperi della fame e della sete, le clamorose proteste, sempre non violente, di disobbedienza civile, i sit-in.

Lunghissima la sua esperienza politica:

nel 1976 viene eletto per la prima volta alla Camera.

Ci tornerà nel 1979, nel 1983 e nel 1987.

Innumerevoli le sue campagne e le iniziative referendarie: dall'abolizione della pena di morte alla fame nel mondo, dalla legge elettorale alla giustizia, alla drammatica situazione delle carceri italiane.

Nel 1992 Marco Pannella si è presentato per la prima volta alle elezioni politiche con la Lista Pannella, ottenendo l’1,2% dei voti e 7 deputati.

Nel 1999 e nel 2004 viene invece eletto al Parlamento Europeo.

Fino agli ultimi anni della sua vita ha condotto le sue battaglie, nell'estate del 2014 nonostante gli fosse stato diagnosticato un tumore polmonare con metastasi epatica, decide di continuare lo sciopero della fame in segno di protesta contro le condizioni disumane dei carceri italiani.

Il 18 maggio del 2016 viene ricoverato, a causa del peggioramento delle sue condizionidi salute presso la clinica Nostra Signora della Mercede a Roma, dove si spegne nel primo pomeriggio del 19 maggio 2016.

Conviveva dal 1974 con la ginecologa Mirella Parachini, che lo ha accompagnato fino alla fine.

Il 20 maggio del 2016 è stata allestita, nella sala Aldo Moro della Camera dei deputati, la camera ardente di Pannella ed il giorno successivo si sono tenute le esequie in forma laica in piazza Navona.

Il 22 maggio il feretro di Pannella è stato tumulato nella tomba di famiglia, presso il cimitero di Cartecchio (frazione di Teramo).

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Elezioni | Marco Pannella | Partito Radicale | Mirella Parachini | Eugenio Scalfari | Leo Valiani | Ernesto Rossi | Teramo | Aldo Moro | Mario Pannunzio | Roma | Club Pannella Riformatori | Camera dei deputati | PR |

Ultime notizie su Marco Pannella

    Elezioni 2018: Casini, Bonino e Prestigiacomo i decani del nuovo Parlamento

    Alle elezioni politiche del 1983 la Democrazia cristiana portò alla Camera due esordienti: uno si chiamava Sergio Mattarella; l'altro, più giovane (28 anni), era Pier Ferdinando Casini. Un quarto di secolo dopo il primo si ritrova al Quirinale a ricoprire il più alto ruolo istituzionale, il secondo

    – di Riccardo Ferrazza

    Montalbano e i suoi fratelli: quando il leader lo decide anche la Tv

    Papabili candidati per la poltrona di segretario del nascituro nuovo Pd ne abbiamo? Certo che sì: «Io ci sarò. Anche alle primarie, non escludo nulla», dice Nicola Zingaretti, appena confermato governatore della regione Lazio da una tornata elettorale che lo ha visto imporsi di misura su

    – di Francesco Prisco

    «La nostra Italia, nonostante tutto»

    Giuseppe De Rita accende un toscanello. «Ho sempre preferito i toscani. Ora ho cambiato. Guardi il pacchetto: questi toscanelli sono fatti con il Kentucky di Pontecorvo. Pontecorvo è vicino a Cassino. Questo tabacco è coltivato nei campi appartenuti più di un secolo fa ai miei bisnonni».

    – di Paolo Bricco

    Bartelloni, lo scrittore avvocato che "ruba" nelle aule penali

    A pagina 186 mi è venuto da pensare a Fabrizio De Andrè e al suo giudice che provava "un piacere del tutto mio" ad affidare gli imputati "al boia". Come dev'essere privare un uomo - se pur colpevole - della sua libertà? E come dev'essere, per un uomo abituato a privare gli altri della loro libertà, venire privato della sua? Una risposta prova a darla Fabrizio Bartelloni in uno dei suoi racconti contenuti nel libro "Testimoni d'accusa - Manuale di confessioni involontarie". Giudici, testimoni, ac...

    – Francesca Milano

    +Europa, "incursione tv di Emma Bonino

    Il simbolo della formazione radicale è comparso per la prima volta domenica in tv: a mostrarlo, su un cartello, è stata Emma Bonino con una mossa a sorpresa che ha ricordato le celebri incursioni di Marco Pannella. E' successo durante la puntata di "Che tempo Che fa". Un fuori scaletta che ha

    Un'alleanza ipotetica di 14 sigle: così torna l'incubo Unione

    Utopia o incubo? E' ancora presto per dire quali risultati porterà la ritrovata voglia di unità di Matteo Renzi. Certo è che se l'obiettivo di una coalizione «la più vasta possibile» dovesse andare in porto ci sarebbe quasi da preoccuparsi: l'elenco di movimenti e partiti che Piero Fassino e Lorenzo

    – di Riccardo Ferrazza

    M5S, Di Maio unico big in corsa. L'ironia di Saviano: mi candido io

    Sancita l'uscita di Alessandro Di Battista dalla competizione per la leadership dei Cinque Stelle in vista delle elezioni politiche nazionali, per Luigi Di Maio è corsa in solitaria. Al di fuori del vicepresidente della Camera nessuno dei personaggi più in vista si è fatto avanti. Vincenzo

    – di Nicola Barone

    Il Pd rinuncia allo streaming, finisce una fase aperta da Pannella

    Ora che la decisione di Matteo Renzi di far svolgere a porte chiuse la direzione del Pd di oggi segna la fine - o perlomeno la sospensione - dell'epoca dello streaming, si può provare a guardare indietro per capire quando la pubblicità a ogni costo degli incontri e riunioni di partito è stata

    – di Riccardo Ferrazza

    E' morto a 84 anni il giurista Stefano Rodotà

    E' morto, dopo una breve malattia, il giurista ed ex parlamentare Stefano Rodotà. Aveva 84 anni. Nato nel 1933, discendente di una famiglia di intellettuali e religiosi, dal 1997 al 2005 è stato il primo presidente dell'Autorità Garante per la protezione dei dati personali, mentre dal 1998 al 2002

1-10 di 286 risultati