Persone

Marco Pannella

Giacinto, meglio noto come Marco Pannella era nato il 2 maggio del 1930 a Teramo ed è deceduto a Roma il 19 maggio del 2016.

E' stato un politico italiano, fondatore, segretario e presidente del Partito Radicale e della Lista Pannella.

Per sessanta anni ha avuto con un ruolo unico e irripetibile sul palcoscenico della politica italiana.

Dopo essersi laureato in giurisprudenza presso l'Università di Urbino ed aver esercitato per un anno la professione di avvocato, decide di fondare, insieme a Ernesto Rossi, Leo Valiani, Mario Pannunzio ed Eugenio Scalfari, il Partito radicale (PR).

Nel 1963 Pannella assunse la segreteria e diventò il dominus indiscusso del PR.

Nel 1965 iniziò la campagna per il referendum sul divorzio. Sarà uno dei suoi tanti successi politici.

Anni dopo verrà anche la vittoria sull'aborto.

La lotta non violenta sarà la cifra di tutta l'azione politica di Pannella e dei Radicali: non si contano gli scioperi della fame e della sete, le clamorose proteste, sempre non violente, di disobbedienza civile, i sit-in.

Lunghissima la sua esperienza politica:

nel 1976 viene eletto per la prima volta alla Camera.

Ci tornerà nel 1979, nel 1983 e nel 1987.

Innumerevoli le sue campagne e le iniziative referendarie: dall'abolizione della pena di morte alla fame nel mondo, dalla legge elettorale alla giustizia, alla drammatica situazione delle carceri italiane.

Nel 1992 Marco Pannella si è presentato per la prima volta alle elezioni politiche con la Lista Pannella, ottenendo l’1,2% dei voti e 7 deputati.

Nel 1999 e nel 2004 viene invece eletto al Parlamento Europeo.

Fino agli ultimi anni della sua vita ha condotto le sue battaglie, nell'estate del 2014 nonostante gli fosse stato diagnosticato un tumore polmonare con metastasi epatica, decide di continuare lo sciopero della fame in segno di protesta contro le condizioni disumane dei carceri italiani.

Il 18 maggio del 2016 viene ricoverato, a causa del peggioramento delle sue condizionidi salute presso la clinica Nostra Signora della Mercede a Roma, dove si spegne nel primo pomeriggio del 19 maggio 2016.

Conviveva dal 1974 con la ginecologa Mirella Parachini, che lo ha accompagnato fino alla fine.

Il 20 maggio del 2016 è stata allestita, nella sala Aldo Moro della Camera dei deputati, la camera ardente di Pannella ed il giorno successivo si sono tenute le esequie in forma laica in piazza Navona.

Il 22 maggio il feretro di Pannella è stato tumulato nella tomba di famiglia, presso il cimitero di Cartecchio (frazione di Teramo).

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Marco Pannella
    • News24

    M5S, Di Maio unico big in corsa. L'ironia di Saviano: mi candido io

    Sancita l'uscita di Alessandro Di Battista dalla competizione per la leadership dei Cinque Stelle in vista delle elezioni politiche nazionali, per Luigi Di Maio è corsa in solitaria. Al di fuori del vicepresidente della Camera nessuno dei personaggi più in vista si è fatto avanti. Vincenzo

    – di Nicola Barone

    • News24

    Il Pd rinuncia allo streaming, finisce una fase aperta da Pannella

    Durò appena 29 minuti la diretta che Marco Pannella riuscì a improvvisare con Radio radicale trasmettendo dal suo telefonino la relazione di Romano Prodi davanti a ministri e segretari di partito riuniti a Caserta per quello che venne definito il "conclave" dell'Unione.

    – di Riccardo Ferrazza

    • News24

    E' morto a 84 anni il giurista Stefano Rodotà

    E' morto, dopo una breve malattia, il giurista ed ex parlamentare Stefano Rodotà. Aveva 84 anni. Nato nel 1933, discendente di una famiglia di intellettuali e religiosi, dal 1997 al 2005 è stato il primo presidente dell'Autorità Garante per la protezione dei dati personali, mentre dal 1998 al 2002

    • News24

    Un anno senza Pannella. L'autocritica di Napolitano

    E' un generale sentimento di riconoscenza, quello che ancora oggi, ad un anno dalla sua scomparsa, risuona attorno alla figura di Marco Pannella. Il leader radicale è stato oggi omaggiato da ricordi, giornate di studio, iniziative che hanno riportato vivo il suo lascito. La Camera dei Deputati l'ha

    • Agora

    La battaglia di Marco

    "Sai cosa penso, no? Lo Stato è distrutto dal regime. Ormai il regime è un'entità infinitamente più forte, più incisiva, un'entità così potente da potersi permettere il lusso di mandare a fare in culo lo Stato ogni volta che vuole. Ora, sai cos'è successo? Che tutti si sono ormai convinti che più o meno c'è un regime, non uno Stato. E questo conduce a una serie terribile di effetti. Quando tenti di proporre programmi di riforma, programmi precisi e dettagliati, e quando potremmo prendere come es...

    – Daniele Bellasio

    • Agora

    L'affermazione di Macron e la lezione di Simone Weil

    Qualche giorno fa, venerdì 21 aprile, cioè soltanto due giorni prima del primo turno delle presidenziali francesi che hanno sancito l'affermazione di Emmanuel Macron ("Uomo dell'anno 2017", vedi Danton dell'11 gennaio 2017), il quotidiano le Monde ha pubblicato la recensione di un libro di Simone Weil, "Note sur la suppression générale des partis politiques". Coincidenza voluta? L'articolo ha un attualissimo esordio: "Niente è più pericoloso in politica della passione collettiva". Ma la recensio...

    – Daniele Bellasio

    • Agora

    Electorali's Karma

    Forza Europa a Milano, con Emma Bonino, Benedetto Della Vedova, Francesco Rutelli e Mario Monti, sabato, presente anche Giorgio Gori, sindaco di Bergamo (e aspirante candidato alla presidenza della Lombardia?), ha rimesso la palla dell'integrazione continentale al centro di un dibattito (per una volta) dai toni positivi. Centristi per l'Europa a Roma, con Pierferdinando Casini, il ministro Gian Luca Galletti e il deputato Gianpiero D'Alia, ha fatto più o meno la stessa cosa. Perfino l'intervista...

    – Daniele Bellasio

    • News24

    Amnistia: favorevoli e contrari dopo l'appello di papa Francesco

    L'appello di Papa Francesco per «un atto di clemenza» nei confronti dei carcerati ha rinvigorito il dibattito sull'amnistia, per la quale occorre il voto dei due terzi del Parlamento. Le parole del Pontefice sono state pronunciate al termine della marcia del partito radicale per l'amnistia, la

    – di Nicoletta Cottone

    • News24

    Nei premi Nobel il segno dei tempi

    Nel Museo della Pace di Hiroshima è esposto un orologio che riporta l'ora dell'esplosione, le 8.15 del 6 agosto 1945. In quell'attimo la vita degli uomini è definitivamente cambiata. I coniugi Hibakusha sono sopravvissuti ma non hanno più avuto un futuro: intrappolati in un mondo inghiottito dalla

    – di Claudia Galimberti

    • News24

    Il Papa chiede atto di clemenza per i detenuti

    Il Papa chiede «un atto di clemenza» per i carcerati. «In modo speciale, sottopongo alla considerazione delle competenti autorità civili - ha detto Papa Francesco dopo l'Angelus - la possibilità di compiere, in questo Anno Santo della Misericordia, un atto di clemenza verso quei carcerati che si

1-10 di 279 risultati