Persone

Manuel Valls

Manuel Valls, nato a Barcellona nel 1962, è un politico francese. E’ stato primo ministro dal 31 marzo 2014 al 6 dicembre 2016 e ministro dell’Interno dal 2012 al 2014.

Figlio di un pittore catalano e un’insegnante svizzera, passa la sua infanzia nel Marais a Parigi e nel 1982 viene naturalizzato cittadino francese.

Inizia la sua carriera politica nei movimenti studenteschi socialisti durante gli anni della Sorbona per poi diventare membro del Partito Socialista francese, sindaco di Évry dal 2001 al 2012, consigliere regionale dell'Île-de-France dal 1986 al 2002 e deputato. E’ stato un pupillo di Lionel Jospin e consigliere speciale di François Hollande durante la campagna presidenziale del 2012.

A dicembre del 2016 ha lasciato i suoi incarichi per presentarsi alle primarie socialiste in vista delle elezioni presidenziali ma viene battuto da Benoît Hamon.

Dopo la vittoria di Macron alle presidenziali ha dichiarato che il partito socialista è morto e che si presenterà nella lista “En marche” alle elezioni amministrative del 2017. Ma la sua richiesta è stata respinta dal partito del presidente Emmanuel Macron.

Sposato con Nathalie Soulié, ha quattro figli. Dopo il divorzio si è risposato nel 2010 con la violinista Anne Gravoin. Parla francese, spagnolo, catalano e italiano. Nel suo passato anche l’iscrizione alla più potente loggia massonica d'Oltralpe, il Grande Oriente di Francia.

Ultimo aggiornamento 10 maggio 2017

Ultime notizie su Manuel Valls

    Il multilateralismo è finito?

    Nella fase immediatamente successiva alla sua elezione alla presidenza degli Stati Uniti, ci si era giustamente domandati se Donald Trump si sarebbe rivelato «tutto fumo e niente arrosto» una volta assunta la carica. Per varie ragioni, molti erano convinti che la sua personalità e le sue

    – di Zaki Laïdi

    La freddezza che si cela dietro il fascino di Emmanuel Macron

    Emmanuel Macron si guarda il video sul telefonino di un evento della campagna elettorale in cui qualcuno gli aveva lanciato un uovo che gli si era rotto in testa. Fa una sonora risata e se lo rivede di nuovo. «Non mi ha fatto male. Lo ha lanciato da una bella distanza, vede?» commenta con la moglie

    – di Simon Kuper

    Spagna, Sanchez vince le primarie e torna leader del Psoe

    La rivolta della base contro l'apparato ha riportato in sella nel Psoe, il partito socialista spagnolo, l'ex segretario Pedro Sanchez, defenestrato il primo ottobre scorso da una rivolta dei "baroni" del partito. Sanchez ha vinto a sorpresa le primarie con il 49% davanti alla presidente

    L'Europa riscopre le virtù del centrismo

    Si sta assistendo a un ritorno in auge del centrismo in Europa, quasi come ai tempi lontani della creazione nel 1957 della Cee, quando ne erano stati protagonisti Robert Schuman, Konrad Adenauer e Alcide De Gasperi. Naturalmente si tratta di una situazione ben diversa da quella di allora, in cui

    – di Valerio Castronovo

    La sfida semplice ma complicata di madame #LePen

    La prossima sfida di Marine Le Pen, sconfitta alle presidenziali ma agguerrita in vista delle legislative, è molto semplice, anche se molto complicata. La sfida per lei è rispondere positivamente alla seguente domanda: riuscirà madame Le Pen a fare ai neogollisti ciò che Emmanuel Macron ha fatto ai socialisti? Ovvero, svuotare i Repubblicani prima di elettori e poi di eletti come Macron ha prima sottratto voti alla candidatura socialista di Benoit Hamon e ora inizia sottrarre esponenti al fu par...

    – Daniele Bellasio

    Macron verso la nomina del premier. Stop alla candidatura di Valls

    PARIGI - L'annuncio è previsto per lunedì prossimo, all'indomani dell'insediamento all'Eliseo. Ma da domenica sera, quando ancora i sostenitori di Emmanuel Macron stavano festeggiando sulla spianata del Louvre, non si parla d'altro: chi sarà il premier del nuovo presidente?

    – dal nostro corrispondente Marco Moussanet

    #Macron ha vinto perché ha lasciato la casa del padre

    "Il presidente francese, François Hollande, a margine delle celebrazioni per la vittoria dell'8 maggio a Parigi, esclude che Emmanuel Macron lo abbia tradito e preferisce parlare di emancipazione". Così recita l'incipit di un'agenzia Ansa del giorno dopo l'elezione di Macron, uomo dell'anno 2017, all'Eliseo. Certo, Hollande ora ha tutto l'interesse a dipingere un po' Macron come un suo delfino se non designato almeno coltivato, visto che lo stesso Macron ha iniziato la sua carriera "politica" d...

    – Daniele Bellasio

    Perché i socialisti non sanno più vincere

    In quasi mezzo secolo di vita, il partito socialista francese non aveva mai subìto una sconfitta così bruciante come quella accusata domenica scorsa nel primo turno delle elezioni presidenziali. Tanto che Benoit Hamon è risultato, con uno striminzito 6% dei suffragi, il meno votato fra i cinque

    – di Valerio Castronovo

    In Francia i giochi sono ancora aperti

    Emmanuel Macron, 39 anni, ha vinto "marciando" il primo turno delle presidenziali francesi. Tutto bene, dunque? Non proprio. Il quotidiano parigino Le Monde, bandiera della sinistra, avverte in un accorato editoriale "Le refus du Front National" a non abbassare la guardia perché i giochi sono ancora aperti. Scaramanzia da intellighenzia di gauche? Forse ma il Front National di Marine Le Pen ha preso 7,6 milioni di voti , 2,8 milioni in più che nel 2002 con Le Pen padre che batté a sorpresa il pr...

    – Vittorio Da Rold

1-10 di 321 risultati