Persone

Luchino Visconti

Luchino Visconti di Modrone è nato il 2 novembre del 1906 a Milano ed è deceduto a Roma il 17 marzo del 1976, è stato un regista e sceneggiatore italiano.

E' considerato assieme a Roberto Rossellini ed a Vittorio De Sica uno dei padri del Neorealismo italiano.

Di origini nobiliari e figlio quartogenito del duca Giuseppe Visconti di Modrone e di Carla Erba, proprietaria della più grande casa farmaceutica italiana, frequenta il liceo classico Berchet di Milano, dove viene bocciato al ginnasio, per passare al Liceo classico Dante Alighieri diretto dalla famiglia Pollini.

Fin da ragazzo studia violoncello, sotto la guida del violoncellista e compositore Lorenzo de Paolis (1890 - 1965) e sente l'influsso del mondo della lirica e del melodramma, anche perchè il salotto di casa Visconti è frequentato, tra gli altri, da Arturo Toscanini mentre la residenza estiva di famiglia - collocata a Villa Erba nel comune di Cernobbio sul Lago di Como - viene frequentata da numerosi artisti durante il perido estivo.

Visconti inizia la sua carriera cinematografica nel 1936 a Parigi, come assistente alla regia ed ai costumi per Jean Renoir. Col grande regista francese Visconti contribuisce alla realizzazione di "Les basfonds" e di "Une partie de campagne", ereditando da Renoir l'influenza del realismo del cinema francese degli anno '30.

Avvicinatosi ad alcuni intellettuali del Partico Comunista, mette in cantiere insieme a Pietro Ingrao, Mario Alicata e Giuseppe De Santis, il suo primo film "Ossessione", ispirato al romanzo "Il postino suona sempre due volte" di James Cain.

Con "Ossessione" Visconti inaugura il filone epressivo cinematografico del neorealismo, che vede in lui uno dei maggiori rappresentanti.

Nel secondo dopoguerra Visconti è tra i collaborazionisti del movimento della Resistenza si da alla latitanza ed ospita presso le sue residenze numerosi antifascisti.

Nel 1948 realizza un film di denuncia delle disagiati condizioni sociali delle classi più povere, "La terra trema", adattamento dal romanzo "I Malavoglia" di Giovanni Verga.

Nel 1951 è la volta del film "Bellissima", tratto da un soggetto di Cesare Zavattini, con Anna Magnani e Walter Chiari.

Nel 1960 gira il film "Rocco e i suoi fratelli", che gli vale la vittoria del Gran Premio della Giuria a Venezia.

Nel 1962 esce il film "Il Gattopardo", tratto dal romanzo di Giuseppe Tomasi di Lampedusa, vincitore della Palma d'oro ed interpretato da Burt Lancaster e Claudia Cardinale.

Il suo ultimo film è "L'innocente", uscito nel 1976 e tratto dal romanzo omonimo di Gabriele d'Annunzio.

Il film ha visto la partecipazione, tra gli interpreti, di Giancarlo Giannini e Laura Antonelli ed è stato presentato fuori concorso al Festival di Cannes 1976, due mesi dopo la morte di Visconti.

Luchino Visconti ha vinto tra l'altro:

- 1 Leone d'Oro nel 1965 alla Mostra del cinema di Venezia per il film "Vaghe stelle dell'Orsa";

- 2 David di Donatello come migliore regista per i film "Morte a Venezia" (1971) e "Ludwig" (1973);

- 4 Nastri d'Argento come migliore regista per i film "Rocco e i suoi fratelli" (1961), "La caduta degli dei" (1970), "Morte a Venezia" (1972) e "Gruppo di famiglia in un interno" (1975);

- 4 Premi David Europeo, come migliore regia e miglior film, nel 1971, 1973 e 1975.

Dal 2003 le ceneri sono conservate, assieme a quelle della sorella Uberta, sotto una roccia sull'isola d'Ischia, nella sua storica residenza estiva "La Colombaia",

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Luchino Visconti
    • News24

    Vigevano, prezioso gioiello lombardo

    Il cuore antico di Vigevano è il Castello, voluto da Luchino Visconti nel '300 come residenza signorile di caccia, e costruito ampliando e impreziosendo l'antico borgo fortificato.

    – di Francesca Pace

    • News24

    La città dove la cultura è sempre in movimento

    Sono realtà che si abbracciano e la prova si aveva già negli anni seguenti l'ultima guerra: Luchino Visconti, impegnato per le regie alla Scala dava sovente, prima di cominciare prove e lavori, appuntamento al Cenacolo.

    – di Armando Torno

    • News24

    La città dove la cultura è sempre in movimento

    Sono realtà che si abbracciano e la prova si aveva già negli anni seguenti l'ultima guerra: Luchino Visconti, impegnato per le regie alla Scala dava sovente, prima di cominciare prove e lavori, appuntamento al Cenacolo.

    – di Armando Torno

    • News24

    Borghetto, Mincio - Veneto

    Lungo il corso del fiume Mincio, prima che confluisca nel Po, troviamo questa bella frazione del comune di Valeggio sul Mincio, nella provincia di Verona. Talmente suggestivo da essere inserito nella classifica dei Borghi più belli d'Italia, Borghetto conquista i suoi visitatori con i suoi mulini a

    • News24

    Stalin e i brividi di Ingrao

    Anagrafe. Pietro Ingrao, secondo dei quattro figli Renato Ingrao e Celestina Notarianni, nato a Lenola, provincia di Latina, si spostò con la famiglia a Formia perché il padre diventò segretario comunale, quindi a Roma. Laureato in Lettere, nel 1935 aveva iniziato a seguire un corso di regia.

    – di Giorgio Dell'Arti

    • News24

    Goliarda Sapienza, la gioia della scrittura

    Goliarda Sapienza muore venti anni fa, il 30 agosto 1996 a Gaeta. Non ancora nota al grande pubblico come scrittrice, nel 1996 viene ricordata come attrice di teatro e di cinema, interprete per Citto Maselli, Luchino Visconti, Luigi Comencini, Alessandro Blasetti, Silverio Blasi e altri.

    – di Anna Toscano

    • News24

    Non solo americani, al Castello di Casole sempre più turisti cinesi e indiani

    Non c'è niente da fare: gli statunitensi hanno un'attrazione fatale per la Toscana. Arrivano, la vedono e la vogliono subito possedere. Che nel caso specifico significa trovare un casale, un borgo, un castello, andare dal notaio, e farlo proprio per trasformarlo in dimora o albergo. Negli anni

    – di Sara Magro

    • News24

    Monicelli non le mandava a dire

    Il mio sogno? Essere Luis Buñuel. Così nel 2004, quasi novantenne, racconta Mario Monicelli a Sebastiano Mondadori. Quell'intervista, pubblicata nel maggio 2005, poco prima della sua morte, viene ora riedita dal Saggiatore. Un'ottima occasione per ritrovare l'opera e l'intelligenza di uno dei

    • News24

    Il Risorgimento al cinema

    Il Risorgimento è stato visto con occhio amorevole da parte dei registi del Bel Paese, che hanno narrato le fortune e sfortune dell'Italia, come quelle di una madre. Tullia Giardina, studiosa del cinema, ha pubblicato un importante saggio per Marsilio, esito felice di un'accurata ricerca di storia

    – di Roberto Coaloa

1-10 di 178 risultati