Persone

Luca Zaia

Luca Zaia è nato il 27 marzo del 1968 a Conegliano (TV) ed è un politico italiano, attualmente Presidente della regione Veneto.

Si è diplomato alla scuola enologica Giovanni Battista Cerletti di Conegliano, quindi ha conseguito, presso la facoltà di medicina veterinaria dell'Università degli Studi di Udine, la laurea in Scienze della Produzione animale.

Nel 1993 è stato eletto, nelle liste della Lega Nord-Liga Veneta, consigliere comunale a Godena di Sant'Urbano (in provincia di Treviso).

Nel 1995 è entrato nel consiglio provinciale di Treviso, rivestendo la carica di Assessore all'agricoltura.

Tra il giugno del 1998 e l'aprile del 2005 è stato presidente della provincia di Treviso risultando, appena insediato con l'età di 30 anni appena compiuti, il più giovane Presidente di Provincia d'Italia.

Tra il 2005 ed il 2008 ha rivestito diversi incarichi nella giunta regionale della Regione Veneto, ottenendo la titolarità delle deleghe al turismo, all'agricoltura, allo sviluppo montano ed all'identità veneta.

Tra l'8 maggio 2008 e il 16 aprile 2010 ha ricoperto l'incarico di Ministro per le Politiche Agricole nel IV governo Berlusconi.

Il 2009, in qualità di Ministro, ha presieduto a Castelbrando di Cison di Valmarino (in provincia di Treviso) il primo G8 agricolo, dove tra l'altro è stato affrontato il tema della fame nel mondo.

Nel 2010 eletto Presidente della Regione Veneto, si è dovuto dimettere, per incompatibilità, dalla carica di Ministro delle Politiche Agricole; il suo insediamento ufficiale, in qualità di Presidente di Regione, è avvenuto a palazzo Balbi il 13 aprile dello stesso anno.

Nel marzo del 2015, il Consiglio federale della Lega ha votato compatto a favore dell sua ricandidatura alla presidenza delle Regione Veneto per le elezioni regionali del 2015.

La ricandidatura di Zaia ha determinato nella Lega una spaccatura, per la posizione assunta dal sindaco leghista di Verona Flavio Tosi, che, dopo aver costituito, per correre alle regionali venete del 2015, la fondazione Ricostruiamo il Paese, è stato messo alle strette dall'attuale segretario federale della Lega Matteo Salvini, con un aut aut, o dentro la Lega oppure fuori, a capo del nuovo movimento.

Il sindaco di Verona, pur votando a favore della ricandidatura di Zaia alla presidenza della Regione Veneta si è riservato di candidarsi autonomamente ed a capo della nuova fondazione, alla presidenza delle Regione Veneto, con ciò indebolendo, nel caso di una sua effettiva candidatura, il presidente uscente a tutto favore dei candidati delle altre formazioni politiche.

Luca Zaia è sposato dal 1998 con Raffaella Monti.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Luca Zaia
    • News24

    Il territorio si divide sul salvataggio

    E, mentre il presidente del Veneto Luca Zaia alza una voce forse tardivamente ... E, mentre il presidente del Veneto Luca Zaia alza una voce forse tardivamente critica - «E' la Ue che decide per noi o gli italiani hanno ancora qualche diritto di decidere sulla loro economia?», tirando in ballo una presunta mancata spiegazione della prospettiva agli imprenditori veneti, probabilmente, a suo dire, pronti ad intervenire, dimenticando però che le occasioni e le opportunità perché il territorio potesse...

    • News24

    Lo strano caso di Verona e del "derby" tra le due destre

    Verona è stata amministrata ininterrottamente da otto sindaci della Dc dal 1951 al 1994, prima di due giunte di Forza Italia con Michela Sironi, un intermezzo di centrosinistra di cinque anni dal 2002 al 2007 dell'avvocato Paolo Zanotto e gli ultimi dieci anni con il doppio mandato di Flavio Tosi, storico volto della Lega in rotta da qualche anno con il partito e il presidente della regione Luca Zaia.

    – di Alberto Magnani

    • News24

    A Verona scontro interno al centrodestra, decisivi i voti di Pd e M5S

    Sarà un confronto tutto interno al centrodestra quello che interesserà domenica prossima 25 giugno il ballottaggio per scegliere il nuovo sindaco di Verona. Da una parte Federico Sboarina (appoggiato da Lega Nord, Forza Italia, Battiti Verona Domani e Fratelli d'Italia), dall'altra Patrizia

    – di Andrea Marini

    • News24

    Zaia (Veneto): «Decreto vaccini inaccettabile, lo impugneremo davanti alla Consulta»

    «Non siamo né siamo mai stati contro i vaccini, che non ci sogniamo di mettere in discussione. Siamo anzi preoccupati che il decreto voluto dalla ministra della Salute Lorenzin diventi un incentivo all'abbandono. Perché scegliere la strada della coercizione su un tema così delicato, dove la strada

    – di Barbara Gobbi

    • Agora

    Breve riassunto di come si è arrivati al modello tedesco (molto) italianizzato

    Come si è arrivati al minimo comune denominatore tedesco? Matteo Renzi, mentre riconquistava il Partito democratico con le primarie, ha lasciato che si discutesse di ipotesi iper-proporzionaliste nel dialogo con i centristi, ribadendo però che la proposta del Partito democratico era il Mattarellum. Poi, riconquistato il partito, ha abbozzato qualche minuto di politica dei due forni, aprendo al dialogo con Berlusconi e/o con il Movimento 5 Stelle, sapendo in realtà di poter contare sull'appoggio ...

    – Daniele Bellasio

    • News24

    A Verona Fi e Lega uniti contro Tosi, che candida a sindaco la compagna

    Centrodestra e centrosinistra si presentano divisi alla corsa per la carica di primo cittadino di Verona, con il Movimento 5 Stelle che si candida a sparigliare le carte. Le Amministrative a Verona si presentano ai nastri di partenza con un quadro frammentato che rende quanto mai incerto l'esito

    – di Andrea Marini

    • News24

    Verona, città delle multinazionali, ora chiede di investire in bellezza e turismo

    Ambiente, trasporti, mobilità: sono le priorità espresse dai veronesi dopo un decennio di governo di Flavio Tosi. Chi lo sostituirà dovrà affrontare un elenco di questioni tanto sentite da superare in qualche caso anche la sicurezza, per anni in cima alle preoccupazioni della città. Cultura e

    – di Barbara Ganz

    • Agora

    La forza di #Salvini e le tre anime della #Lega

    La Lega che esce dalle primarie che hanno (re)incoronato Matteo Salvini segretario ha tre anime, di dimensioni e forze molto differenti tra loro. Vediamole in ordine di grandezza decrescente. La prima è l'anima sovranista incarnata dalla leadership di Salvini, indebolita nel contesto europeo dalla sconfitta di Marine Le Pen in Francia e di Gert Wilders in Olanda, ma rafforzata dall'ampio successo alle primarie della Lega e senza una reale alternativa all'interno della Lega nord. Sottolineato "a...

    – Daniele Bellasio

1-10 di 752 risultati