Persone

Luca Cordero di Montezemolo

Nato a Bologna il 31 agosto 1947 Luca Cordero di Montezemolo è un manager italiano. E’ stato presidente di Alitalia da novembre 2014 ad aprile 2017 e vice Presidente di UniCredit fino al 19 aprile 2017. E' socio fondatore, azionista (con il 12,71% ) consigliere di amministrazione di Italo- NTV Nuovo Trasporto Viaggiatori, azienda del settore ferroviario con il marchio Italo.

In passato stato Presidente della Ferrari S.p.A. dal 1991 al 2014 oltre che un industriale ricoprendo diversi ruoli nel corso della lunga carriera professionale.

Dopo essersi laureato in Giurisprudenza a La Sapienza di Roma, nel 1971, ed avere completato gli studi in Diritto Internazionale alla Columbia University di New York, Luca Cordero di Montezemolo ha iniziato la carriera manageriale in Ferrari, prima come assistente di Enzo Ferrari e poi come responsabile della “squadra corse”. Nel 1977 ha assunto quindi il ruolo di responsabile delle relazioni esterne di Fiat, mentre nel 1984 è nominato direttore generale del comitato organizzatore dei Mondiali di Calcio di Italia '90. Nel 1991 è tornato in Ferrari, come presidente, vincendo nel 2000 il campionato mondiale atteso dal 1979.

E’ stato presidente della Fieg, dal 2003 al 2008 ha ricoperto il ruolo di presidente di Confindustria.

Inserito dal Financial Times nella lista dei cinquanta manager più importanti al mondo, Montezemolo ha assunto la Presidenza del Comitato promotore per la candidatura di Roma ai Giochi Olimpici 2024 nel 2015 e presidente di Telethon.

Ultimo aggiornamento 08 febbraio 2018

Ultime notizie su Luca Cordero di Montezemolo
    • News24

    F1, Ferrari: che cosa lascia Sergio Marchionne

    Non vedeva l'ora di lasciare definitivamente FCA, considerando concluso il suo operato, per gettarsi a capofitto nell'avventura Ferrari. Questo Sergio Marchionne aveva in mente, concentrarsi esclusivamente sul Cavallino, vivere il "rosso" a 360 gradi, e per farlo stava pure cercando casa nel

    – a cura di Datasport

    • News24

    2 miliardi di dollari da General Motors - 2005

    Il 14 febbraio 2005 resterà nei libri di storia dell'industria automobilista. Il motivo? General Motors aveva stretto un accordo con Fiat per l'acquisto (obbligato) del gruppo di Torino ma il manager italo-canadese negoziò un accordo per evitare l'acquisto incassando al tempo stesso 2 miliardi di

    • News24

    Marchionne, il generale senza paura da 1 miliardo di profitti l'anno

    Quando nel 2004 Sergio Marchionne prese il timone della Fiat attorno al Lingotto aleggiava un clima da ultima spiaggia. Il gruppo perdeva più di 2 milioni di euro al giorno e la sopravvivenza era garantita solo dalla finanza concessa dalle banche: il convertendo da 3 miliardi di euro. Lo

    – di Laura Galvagni

    • News24

    Alitalia, tre indagati per bancarotta fraudolenta

    Emergono i primi dei nomi degli indagati per bancarotta fraudolenta per il collasso di Alitalia-Sai, nella gestione targata Etihad. Gli indagati sono i tre manager che si sono succeduti alla guida della compagnia dal primo gennaio 2015 al 2 maggio 2017: Silvano Cassano, Luca Cordero di Montezemolo,

    – di Gianni Dragoni

    • News24

    La nuova sfida di Flavio Cattaneo: una società d'investimento da 200-300 milioni

    Manca solo il nome, ma il progetto è pronto. Archiviato l'ennesimo successo, con il rilancio di Italo e la vendita al fondo americano Global Infrastructure Partners (Gip) - di cui ieri è stato firmato il closing -, il numero uno della società, Flavio Cattaneo, si prepara a una nuova sfida che

    – di Celestina Dominelli

    • News24

    Octo Telematics, in stand-by l'Ipo per le sanzioni Usa contro gli oligarchi russi

    L'italiana Octo Telematics rallenta i motori sulla strada della quotazione a Piazza Affari. E, tra gli ostacoli, secondo i rumors, ci sarebbero le nuove misure prese dall'amministrazione statunitense contro gli oligarchi russi. Le nuove sanzioni americane contro Mosca hanno infatti colpito

    – di Carlo Festa

    • Agora

    Octo Telematics mette in stand-by l'Ipo per le sanzioni Usa all'azionista russo Victor Vekselberg

    L'italiana Octo Telematics rallenta i motori sulla strada della quotazione a Piazza Affari. E, tra gli ostacoli, secondo i rumors, ci sarebbero le nuove misure prese dall'amministrazione statunitense contro gli oligarchi russi. Le nuove sanzioni americane contro Mosca hanno infatti colpito pesantemente anche il miliardario Victor Vekselberg (nella foto), proprietario della holding Renova che controlla con il 68,5% delle azioni il gruppo italiano Octo Telematics. L'Ipo di Octo sembrava già a buo...

    – Carlo Festa

    • Agora

    Il sigaro Toscano di Clint Eastwood finisce in Borsa. Per Montezemolo in arrivo un altro mega-incasso

    I tre protagonisti (tutti interpretati da Clint Eastwood) nella trilogia del dollaro di Sergio Leone furono celebri per l'immancabile sigaro che imboccavano. Come poi esplicitato da Carlo Verdone in un'intervista si trattava di sigari Toscano, i più simili ai sigari Virginia che circolavano nel Far West. Questa breve evocazione cinematografica, si dirà, quale correlazione ha con la finanza? Ebbene, sembra secondo i rumors che proprio i soci del gruppo Sigaro Toscano stia discutendo con le banch...

    – Carlo Festa

    • News24

    Sigaro Toscano in Borsa: dopo Italo Montezemolo tenta il bis

    Luca Cordero di Montezemolo tenta il bis. Dopo l'uscita da Italo-Ntv, che gli ha fatto incassare ben 250 milioni di euro, ora è la volta del gruppo Sigaro Toscano, dove Montezemolo è socio assieme alla famiglia Maccaferri e a Piero Gnudi. L'azienda è tornata in mani italiane anni fa. La

    – di Carlo Festa

1-10 di 1040 risultati