Persone

Lorenzo Guerini

Lorenzo Guerini è nato il 21 novembre del 1966 a Lodi (MI) ed è l'attuale portavoce e vicesegretario del Partito Democratico.

Diploatosi in ragioneria, si è laureato in Scienze politiche presso l'Università Cattolica di Milano.

Ha intrapreso la carriera politica nei primi anni novanta quando è stato eletto, con la Democrazia Cristinana, prima consigliere comunale poi assessore ai servizi sociali del comune di Lodi.

Nel 1994, grazie alle sua doti di mediatore è stato scelto quale coordinatore del neo Partito popolare italiano.

Nel 1995 è diventato, a soli 28 anni risultando così il più giovane d'Italia, il primo presidente della nuova Provincia di Lodi.

Affascinato dalla figura di Ciriaco De Mita, di cui ammirava le doti di ragionamento, Guerini non si è mai schierato apertamente a favore di una corrente di partito, infatti è transitato alla Margherita ed infine al Pd, ottenendo nell'elezioni provinciali anche i voti del Pds e di Rifondazione.

Nel 2005 è stato eletto sindaco di Lodi, carica che ha mantenuto fino al 31 dicembre 2012 quando, a metà del suo secondo mandato, ha deciso di rassegnare le proprie dimissioni per candidarsi alle elezioni politiche del febbraio 2013.

Tra il 2005 ed il 2010 è stato anche presidente della sezione lombarda dell'Associazione Nazionale Comuni Italiani.

Candidatosi alla Camera e risutato eletto deputato nella circoscrizione Lombardia, il 9 dicembre del 2013 è stato nominato membro della segreteria nazionale del Partito Democratico col ruolo di portavoce.

Nel febbraio del 2014 ha prestato la sua collaborazione allo svolgimento delle consultazioni per la formazione del nuovo governo Renzi.

Il 14 giugno del 2014 è stato nominato dall'assemblea nazionale del Pd, in coppia con Debora Serracchiani, nuovo vicesegretario del partito.

E' sposato ed è padre di tre figli.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Lorenzo Guerini
    • News24

    Camere, Pd verso la presidenza del Copasir: in commissione anche Renzi

    Il Comitato per la sicurezza (Copasir) dovrebbe essere guidato dal Pd. In pole c'è Lorenzo Guerini ma nella stessa commissione bicamerale potrebbe sedere anche l'ex segretario Pd Matteo Renzi. Dovrebbe essere questo questo l'esito della contesa sul Copasir (la commissione di controllo parlamentare

    – di Andrea Gagliardi

    • News24

    Nomine, un maxi-risiko da 350 poltrone. Costamagna lascia Cdp

    Dagli incarichi di sottogoverno, alle presidenze delle commissioni parlamentari passando per i vertici delle partecipate, delle Authority e i membri laici elettivi del Csm: un maxi-risiko con quasi 350 caselle da riempire entro la fine dell'anno. E anche per questo motivo quella delle nomine si

    – di Marco Rogari e Laura Serafini

    • News24

    Dopo Conte premier si apre la partita delle presidenze delle commissioni

    Con il mandato affidato dal capo dello Stato a Giuseppe Conte per formare un governo a maggioranza Lega-M5s, le lancette dell'orologio della politica, dopo 81 giorni dal 4 marzo, sono tornate a muoversi. Una volta insediato il nuovo governo, e di conseguenza delineati i rapporti di forza tra

    – di Andrea Gagliardi e Andrea Marini

    • News24

    Direzione Pd, sì alla relazione Martina: «Con M5S capitolo chiuso»

    In apertura della Direzione nazionale dem, convocata al Nazareno a Roma, il segretario reggente Maurizio Martina liquida come un «capitolo ormai chiuso» il diaologo con i 5 Stelle, così come è impossibile per i dem «un governo a trazione leghista», due fronti politici superati «dal rischio di un

    – di Vittorio Nuti

    • News24

    Un Pd spaccato che non aiuta Mattarella nelle sue scelte

    L'attesa direzione del Pd di oggi finirà per rimandare la vera resa dei conti all'assemblea, che probabilmente sarà convocata entro maggio, per imboccare la strada che il partito seguirà per scegliere il successore del segretario dimissionario Matteo Renzi: o far eleggere il nuovo leader

    – di Emilia Patta

    • News24

    Pd, il caso delle «liste» di favorevoli all'intesa con i Cinque stelle

    Niente «conte interne» alla Direzione di domani. Lo «stallo» politico è «frutto dell'irresponsabilità» di M5s e centrodestra. Sì al confronto, ma niente fiducia «a un governo guidato da Salvini o Di Maio». Sono questi i tre punti di un breve documento redatto dai renziani sui quali da ieri è

    – di Alessia Tripodi

    • News24

    Martina contro Renzi dopo stop al M5s: «così è impossibile guidare il partito»

    Un fuoco di sbarramento. Prima il reggente Maurizio Martina. Poi, a seguire i ministri Franceschini e Orlando, nonché il governatore del Lazio Zingaretti. L'intervista di Matteo Renzi a "Che tempo che fa", nella quale l'ex segretario dem ha chiuso senza mezzi termini a un governo Pd-M5S

    – di Andrea Gagliardi

1-10 di 455 risultati