Persone

Lorenzo Guerini

Lorenzo Guerini è nato il 21 novembre del 1966 a Lodi (MI) ed è l'attuale portavoce e vicesegretario del Partito Democratico.

Diploatosi in ragioneria, si è laureato in Scienze politiche presso l'Università Cattolica di Milano.

Ha intrapreso la carriera politica nei primi anni novanta quando è stato eletto, con la Democrazia Cristinana, prima consigliere comunale poi assessore ai servizi sociali del comune di Lodi.

Nel 1994, grazie alle sua doti di mediatore è stato scelto quale coordinatore del neo Partito popolare italiano.

Nel 1995 è diventato, a soli 28 anni risultando così il più giovane d'Italia, il primo presidente della nuova Provincia di Lodi.

Affascinato dalla figura di Ciriaco De Mita, di cui ammirava le doti di ragionamento, Guerini non si è mai schierato apertamente a favore di una corrente di partito, infatti è transitato alla Margherita ed infine al Pd, ottenendo nell'elezioni provinciali anche i voti del Pds e di Rifondazione.

Nel 2005 è stato eletto sindaco di Lodi, carica che ha mantenuto fino al 31 dicembre 2012 quando, a metà del suo secondo mandato, ha deciso di rassegnare le proprie dimissioni per candidarsi alle elezioni politiche del febbraio 2013.

Tra il 2005 ed il 2010 è stato anche presidente della sezione lombarda dell'Associazione Nazionale Comuni Italiani.

Candidatosi alla Camera e risutato eletto deputato nella circoscrizione Lombardia, il 9 dicembre del 2013 è stato nominato membro della segreteria nazionale del Partito Democratico col ruolo di portavoce.

Nel febbraio del 2014 ha prestato la sua collaborazione allo svolgimento delle consultazioni per la formazione del nuovo governo Renzi.

Il 14 giugno del 2014 è stato nominato dall'assemblea nazionale del Pd, in coppia con Debora Serracchiani, nuovo vicesegretario del partito.

E' sposato ed è padre di tre figli.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Lorenzo Guerini
    • News24

    Da Guerini a Brunetta e Toninelli, chi sono i plenipotenziari dei partiti sulla legge elettorale

    Pd mette in campo Guerini, Richetti, Rosato e Fiano ... La palla è in mano di fatto a una cabina di regia di suoi fedelissimi: Lorenzo Guerini, Matteo Richetti e Ettore Rosato ed Emanuele Fiano. Guerini, da vicesegretario Pd, è già stato il plenipotenziario di Renzi che lo ha affiancato durante la trattativa che portò poi alla nascita dell'Italicum.

    – di Andrea Marini

    • News24

    Pd, Renzi: domenica illustrerò le mie proposte ai mille delegati

    «Domenica 7 maggio l'Assemblea nazionale ufficialmente darà il via al mandato 2017-2021 della nuova segreteria. In quella sede illustrerò le mie proposte di lavoro ai mille delegati. Umiltà e responsabilità significa che c'è un grande lavoro da fare e con Maurizio Martina lo faremo volentieri. Lo

    – di Nicola Barone

    • News24

    Numeri in Aula, il maggioritario in vantaggio sul proporzionale

    Il premio di maggioranza alla sola lista e non alla coalizione unisce il Pd di Renzi e il M5s. E questa non è una novità, essendo da sempre i grillini allergici alle coalizioni. Su questa base si è riaperta sottotraccia la trattativa in Parlamento, che gli sherpa renziani del Pd (a partire dal

    – di Emilia Patta e Manuela Perrone

    • News24

    Renzi: ora presento querele a chi insulta. Consip? M5S cerca visibilità

    «Non avendo più responsabilità istituzionali, ho deciso anche io di farmi sentire: nelle prossime ore depositerò alcune querele molto corpose anche come richiesta di risarcimento danni contro chi in questa fase politica continua a insultare, offendere e denigrare». Lo ha detto l'ex premier Matteo

    – di Alessia Tripodi

    • News24

    Pd, tesseramento irregolare a Napoli. Orfini: a ore provvedimenti

    Il caso tessere "gonfiate" a Napoli scuote il Pd. «Ieri si è chiuso il tesseramento del Pd. Purtroppo ci vengono segnalati anche casi - per fortuna isolati - di gestione poco trasparente. Ovunque verranno segnalate anomalie provvederò a inviare commissari per il tesseramento e chiederò alla

    • News24

    Congresso Pd, primarie il 30 aprile: via libera della Direzione

    Alla fine le primarie Pd si svolgeranno il 30 aprile. Una data che sembra allontanare l'ipotesi di elezioni politiche anticipate a giugno. La proposta, votata dalla commissione per il congresso, è stata ratificata dalla Direzione del partito, che ha approvato il regolamento congressuale con 104 sì,

    – di Andrea Gagliardi

1-10 di 410 risultati