Persone

Lorenzo Guerini

Lorenzo Guerini è nato il 21 novembre del 1966 a Lodi (MI) ed è l'attuale portavoce e vicesegretario del Partito Democratico.

Diploatosi in ragioneria, si è laureato in Scienze politiche presso l'Università Cattolica di Milano.

Ha intrapreso la carriera politica nei primi anni novanta quando è stato eletto, con la Democrazia Cristinana, prima consigliere comunale poi assessore ai servizi sociali del comune di Lodi.

Nel 1994, grazie alle sua doti di mediatore è stato scelto quale coordinatore del neo Partito popolare italiano.

Nel 1995 è diventato, a soli 28 anni risultando così il più giovane d'Italia, il primo presidente della nuova Provincia di Lodi.

Affascinato dalla figura di Ciriaco De Mita, di cui ammirava le doti di ragionamento, Guerini non si è mai schierato apertamente a favore di una corrente di partito, infatti è transitato alla Margherita ed infine al Pd, ottenendo nell'elezioni provinciali anche i voti del Pds e di Rifondazione.

Nel 2005 è stato eletto sindaco di Lodi, carica che ha mantenuto fino al 31 dicembre 2012 quando, a metà del suo secondo mandato, ha deciso di rassegnare le proprie dimissioni per candidarsi alle elezioni politiche del febbraio 2013.

Tra il 2005 ed il 2010 è stato anche presidente della sezione lombarda dell'Associazione Nazionale Comuni Italiani.

Candidatosi alla Camera e risutato eletto deputato nella circoscrizione Lombardia, il 9 dicembre del 2013 è stato nominato membro della segreteria nazionale del Partito Democratico col ruolo di portavoce.

Nel febbraio del 2014 ha prestato la sua collaborazione allo svolgimento delle consultazioni per la formazione del nuovo governo Renzi.

Il 14 giugno del 2014 è stato nominato dall'assemblea nazionale del Pd, in coppia con Debora Serracchiani, nuovo vicesegretario del partito.

E' sposato ed è padre di tre figli.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Lorenzo Guerini
    • News24

    Governo, consultazioni al Quirinale 4 e 5 aprile: chiude M5S giovedì

    Inizieranno mercoledì prossimo 4 aprile, alle 10,30 le consultazioni al Quirinale del Capo dello Stato, Sergio Mattarella, per la formazione del nuovo Governo. I colloqui si concluderanno il pomeriggio del giorno successivo. La lista delle convocazioni si apre con i presidenti di Senato e Camera,

    – di Redazione Roma

    • News24

    Mediazione nel Pd, Delrio-Marcucci alla guida dei gruppi parlamentari

    Graziano Delrio sarà il capogruppo del Partito democratico alla Camera.Il nome del ministro dei Trasporti è frutto della mediazione del reggente del partito, Maurizio Martina, che è riuscito a evitare che a guidare i parlamentari dem per la legislatura fossero due esponenti considerati fedelissimi

    – di Redazione Roma

    • News24

    Capigruppo: Forza Italia verso il rinnovo, nel Pd rischio conta al Senato

    Mentre i vincitori Matteo Salvini e Luigi Di Maio si apprestano alla difficile trattativa per la formazione del governo, gli "sconfitti" si apprestano per ora a una difficile conta interna per l'elezione dei capigruppo: non solo il Pd, sconfitto alle urne, ma anche Forza Italia, sconfitta dal

    – di Emilia Patta

    • News24

    L'asse M5S-Lega "salva" (per ora) il Pd

    Il Pd non ha toccato palla, viva il Pd. Dopo il blitz targato Salvini-Di Maio che ha portato alla rapida elezione del pentastellato Roberto Fico alla presidenza della Camera e dell'azzurra Maria Elisabetta Casellati a quella del Senato a Largo del Nazareno si respira una curiosa aria di

    – di Emilia Patta

    • News24

    Primo round a Di Maio e Salvini. Rebus premiership, già si guarda a Mattarella

    C'è un'immagine che fotografa meglio di ogni altra il senso degli eventi: i due "giovani leoni" Luigi Di Maio e Matteo Salvini che danno le carte nella partita delle presidenze delle Camere e i due vecchi Silvio Berlusconi e Umberto Bossi che a Palazzo Grazioli cercano invano di resistere. Hanno

    – di Manuela Perrone

    • News24

    Esordio al buio per il nuovo Parlamento. Scintille Fi-M5S, Salvini media

    L'unica certezza è che oggi le prime sedute del nuovo Parlamento convocate per eleggere i presidenti dei due rami si apriranno all'insegna di una pioggia di schede bianche e del muro contro muro tra Forza Italia e M5S. Inasprito dalla girandola di veti e controveti fioccati ieri: quello di Luigi Di

    – di Manuela Perrone

    • News24

    Presidenze Camere, dopo la riunione dei capigruppo posizioni ancora distanti

    Sulla partita per le presidenze di Camera e Senato M5S e centrodestra, i vincitori delle elezioni, cercano la quadra. Che però sembra ancora lontana. Dopo il no dei Cinque Stelle al nome proposto dal centrodestra per la presidenza del Senato, Paolo Romani, si riparte infatti da zero. Domani le due

    – di Redazione Roma

    • News24

    Con le dimissioni formali di Renzi nasce il partito dei «responsabili»

    La rivolta dei notabili del Pd ha in un certo senso costretto Renzi alla resa immediata, trasformando le dimissioni congelate di lunedì sera in dimissioni operative. Non sarà dunque il segretario uscente a gestire la delicata fase delle consultazioni al Quirinale, bensì in vice-segretario Maurizio

    – di Emilia Patta

1-10 di 441 risultati