Aziende

Linux

Sistema operativo libero, ovvero utilizzabile gratuitamente dopo averlo installato, per computer e processori, Linux è costituito dall’integrazione del software chiamato “kernel Linux” (che è distribuito con licenza Gnu General Public License dopo essere stato creato da Linus Torvalds e sviluppato da Richard Stallman) con elementi di programmazione del sistema Gnu e con altre licenze libere. Inizialmente pensato dal programmatore finlandese Linus Torvalds come sistema operante su base Unix, col passare del tempo è stato utilizzato esso stesso come base per la realizzazione dei sistemi operativi open source che vengono normalmente identificati con lo stesso nome. Molto conosciuto nella progettazione della tecnologia server, Linux ha goduto dopo la sua crescita del supporto informatico di importanti società dell’elettronica, tra le quali Ibm, Sun Microsystems, Hewlett-Packard, Red Hat e Novell ed è usato come sistema operativo di base per computer e hardware di ogni tipo (dagli strumenti tecnologici più avanzati come computer desktop e supercomputer, fino ai sistemi embedded come cellulari e palmari, e ai netbook). È nel 1994 che Linus Torvalds ha presentato all’Università di Helsinki la prima versione “stabile” del sistema operativo che è poi diventato uno tra i più utilizzati e scambiati tra il popolo di internet. Non esiste però un’unica versione di Linux ma ci sono diverse “distribuzioni” che sono create da comunità di sviluppatori o società, che hanno scelto, preparato e compilato i programmi da includere. Tutte le distribuzioni condividono l’originario kernel Linux (il nucleo realizzato da Torvalds e sul quale si basa la programmazione delle diverse versioni), mentre si differenziano tra loro per il cosiddetto “parco software”, cioè i programmi preparati e selezionati dagli sviluppatori, per il sistema di gestione del software e per i servizi di assistenza e manutenzione offerti.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Linux
    • News24

    Google, l'antitrust e le ragioni del mercato

    Il successo di Linux, non fu dovuto solo alle sue caratteristiche tecniche, ma al fatto che fosse gratuito, pubblico, aperto alla fantasia e all'inventiva di utenti e di sviluppatori. ... Ma mentre Linux era un prodotto per sviluppatori (1,6 milioni nella sola Europa), Android è per utenti "normali", un miliardo e passa nel mondo, che hanno a disposizione 24mila tipi di apparecchi di 1.300 marchi diversi.

    – di Franco Debenedetti

    • News24

    Microsoft investe nel software aperto e acquisisce GitHub per 7,5 miliardi

    La Microsoft degli anni Novanta non c'è davvero più. Il colosso di Redmond ha annunciato l'acquisizione di GitHib, la piattaforma per lo sviluppo di software aperto più grande delo mondo. Si tratta di una operazione da 7,5 miliardi di dollari in azioni. In una raccolta fondi del 2015, GitHub fu

    – di L.Tre.

    • NovaCento

    I sogni di Michele. Storie di silicio, di stringhe di codice e di sonno perduto

    Caro Diario, Michele Cignarale l'ho conosciuto un settembre di due anni fa, a Potenza, nel corso di una bella festa realizzata ogni anno dalla Cgil Basilicata. Lo arruolo abbastanza presto nel dipartimento sognatori, reparto più talento che organizzazione, ufficio ho tante idee ma faccio a pugni con il tempo, però lo sai come funziona, alla fine a me i tipi così piacciono assai e insomma diventiamo amici, e quando a Novembre dello scorso anno me lo ritrovo a BTOTEN che racconta della sua scatole...

    – Vincenzo Moretti

    • News24

    Perché Microsoft intende investire 5 miliardi di dollari nell'internet of things?

    Microsoft ha annunciato che nell'arco dei prossimi quattro anni investirà cinque miliardi di dollari nel cosiddetto internet delle cose. L'obiettivo «è dare a ogni cliente la possibilità di trasformare le proprie attività con soluzioni connesse». Gli analisti di A.T. Kearney citati dal gruppo di

    – di Luca Tremolada

    • NovaCento

    #DigitalTransformation: da Kevin Kelly una sintesi inevitabile

    Utopie tecnoentusiaste e distopie neoluddiste Da qualche mese è disponibile la traduzione italiana dell'ultima opera di Kevin Kelly, L'inevitabile. Un testo che, a ben vedere, non dice nulla di nuovo, ma sintetizza bene i trend in atto rispetto a quella che, con un termine sintetico, generalmente indichiamo come 'Digital Transformation'. Io l'ho letto subito dopo avere divorato un romanzo, Il cerchio, di Dave Eggers, che, simbolicamente, ne rappresenta la controparte. Kelly è un inguaribile tec...

    – Marco Minghetti

    • News24

    Big tech alla sfida delle competenze

    Nonostante il termine "economie di rete" abbia un preciso e chiaro significato economico, i non-economisti tendono a confonderlo con altri concetti, come i rendimenti di scala incrementali e il learning-by-doing.

    – di Hal Varian

1-10 di 677 risultati