Persone

Licio Gelli

Licio Gelli è nato il 21 aprile del 1919 a Pistoia ed è deceduto il 15 dicembre del 2015 ad Arezzo.

E' stato un imprenditore e faccendiere italiano, noto alla cronaca quale maestro venerabile della loggia massonica segreta P2.

E' stato condannato per depistaggio delle indagini della strage di Bologna del 1980 ma poi anche per il caso Ambrosiano e per la P2, per essere poi detenuto prima in Svizzera e Francia, poi agli arresti domiciliari ad Arezzo, presso Villa Wanda.

Gelli è stato l'emblema di un'epoca che ha profondamente segnato la storia d'Italia, con i suoi scandali e soprattutto i suoi misteri mai fino in fondo svelati.

Di certo il ruolo di burattinaio (uno dei soprannomi che gli venne attribuito) di un progetto dichiaratamente anti-democratico, lo giocò a lungo con efficacia, ricevendo politici, e militari ed influenzando la vita pubblica italiana in uno scorcio tragico come quello a cavallo tra la fine degli anni 70 e l'inizio degli 80, tra l'uccisione di Aldo Moro (molti di quelli che diressero le indagini erano suoi affiliati) alla fine della solidarieta' nazionale ed il ritorno al pentapartito.

Lo scandalo P2 scoppiò il 17 marzo del1981, quando i giudici Gherardo Colombo e Giuliano Turone nell'ambito dell'inchiesta sul finto rapimento del finanziere Michele Sindona (altro tassello di un'era di fatti oscuri) fecero perquisire la villa aretina di Gelli. Da lì spuntarono le liste infinite di nomi: parlamentari, alti ufficiali, imprenditori, giornalisti, nobiluomini piu' o meno decaduti.

L'Italia tremò e lui scappò in Svizzera, dove poi sarà arrestato e rimarrà in carcere mesi dopo, e dalla quale evadrà.

Anni dopo si costituisce, e siamo già nel 1987 e finalmente l'estradizione in Italia nel 1988, quando nel frattempo tutto, molto è cambiato nella politica ma lo strascico lasciato dalla P2 si sente ancora.
Prima la libertà provvisoria poi di nuovo un arresto nel 1997 e nel 1988 la conferma della condanna a 12 anni per il crack Ambrosiano. Di nuovo irreperibile, fuga di quattro mesi e gli vongono concessi i domiciliari che sconterà nella solita villa Wanda, ad un certo punto sequestrata per debiti con il fisco (poi prescritti).

Resta il dubbio (ma forse è ben piu' di un dubbio) che molti misteri mai svelati della storia italiana ormai siano sepolti con lui, simbolo (non unico) di uno spaccato di storia italiana della quale non si va per niente fieri.

Licio Gelli è stato insignito di diverse onorificienze quali:

— Commendatore dell'Ordine al merito della Repubblica Italiana dal 2 giugno 1966 al 29 luglio 2013 (revocata ope legis a seguito di interdizione perpetua dai pubblici uffici);

— Cavaliere di Gran croce dell'ordine del liberatore San Martín;

— Grand'ufficiale dell'ordine di San Silvestro Papa;

— Commendatore con placca dell'ordine equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme.

Gelli era padre di quattro figli nati dal matrimonio con Wanda Vannacci (scomparsa nel 1993), Raffaello (nato nel 1947) Maria Rosa (nata nel 1952), Maria Grazia (nata il 1952 e scomparsa nel 1988, in seguito ad un incidente stradale) e Maurizio (nato nel 1959).

Il 2 agosto del 2006 Gelli aveva sposato ad Arezzo, in seconde nozze, Gabriela Vasile (nata nel 1958 a Lupsa (Romania).

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Licio Gelli
    • Agora

    Rapimento di Aldo Moro/1 Traffico di armi sull'asse Roma-Reggio Calabria-Beirut: anomalie, divergenze, doppi verbali e mancati riscontri

    Per quanto attiene allo svolgimento dell'inchiesta, conclusasi con condanne minori per Guardigli e con l'assoluzione degli altri imputati, anche a causa di una perizia di Aldo Semerari (criminologo e psichiatra di fama, collaboratore dei servizi, iscritto alla Loggia P2 di Licio Gelli e ad un certo punto della sua vita entrato a strettissimo contatto con ambienti criminali, trovato decapitato il 1° aprile 1982 all'interno della sua automobile parcheggiata ad Ottaviano di fronte alla casa del...

    – Roberto Galullo

    • Agora

    Oggi i funerali di Tina Anselmi: la Procura di Reggio Calabria le rende omaggio con le sue indagini (e le altre procure?)

    Il nome di Anselmi - la staffetta "Gabriella" della Brigata Cesare Battisti, morta a Castelfranco Veneto dove era nata il 25 marzo 1927 e della quale oggi si svolgono i funerali - è legato indissolubilmente al rigore con il quale ha svolto il ruolo di parlamentare e ministro (fu tra i fautori della riforma che nel 1978 introdusse il Servizio sanitario nazionale) e che poi ha trasfuso in quella Commissione parlamentare sulla loggia massonica guidata ufficialmente da Licio Gelli.

    – Roberto Galullo

    • News24

    Il rigore di una vera servitrice dello Stato

    A proporre per primo il suo nome come presidente della Repubblica fu Beppe Grillo nel suo blog il 27 marzo 2012. Tina Anselmi, scrisse, è il presidente della Repubblica ideale.La storia prese poi un'altra piega. Il 20 aprile 2013 l'uscente capo dello Stato Giorgio Napolitano diede la disponibilità

    – di Roberto Galullo

    • Agora

    Che fine ha fatto l'obbligo di dichiararsi massoni nella Pa sancito dal Consiglio di Stato? Rosy Bindi ce lo ricorda

    Amati lettori di questo umile e umido blog da alcuni giorni racconto l'audizione del 3 agosto presso la Commissione parlamentare antimafia del gran maestro del Grande oriente d'Italia, Goi Stefano Bisi (rimando ai link a fondo pagina). Una parte decisiva in questa audizione è la "battaglia" dialettica - so che è un termine abusato ma corrisponde in questo caso al vero - tra Bisi e il presidente della Commissione Rosy Bindi sulla consegna degli elenchi dei massoni iscritti al Goi. Di questo scr...

    – Roberto Galullo

    • Agora

    Mammasantissima/9 Prossima tappa dell'indagine: i nomi dei servitori infedeli dello Stato nella cupola mafiosa

    Cari e amati lettori di questo umile e umido blog, dopo un periodo di pausa, riprendo a scrivere dell'indagine Mammasantissima della Procura di Reggio Calabria (molto ne ho già scritto sul Sole-24 Ore). Per i servizi precedenti rimando ai link a fondo pagina. Al centro di ogni più recente manovra, per investigatori e inquirenti, c'è sempre lui, l'avvocato già condannato per concorso esterno in associazione mafiosa Paolo Romeo, forse proprio per questo amato e benvoluto deus ex machina di ogni m...

    – Roberto Galullo

    • News24

    Al vaglio dei pm la «connection» 'ndrangheta-P2

    Il pentito di 'ndrangheta Nino Lo Giudice i colpi migliori li aveva lasciati in canna. Non sarà direttamente lui - che pure manderà alla storia due memoriali contraddittori, uno dei quali pieno zeppo di nomi di presunti massoni calabresi - a raccontare ai pm reggini parti del passato di Paolo Romeo

    – Roberto Galullo

    • News24

    Una Dda per i reati finanziari

    E' di questa mattina la notizia di una perquisizione della Guardia di Finanza in corso presso la sede della Banca popolare di Vicenza, ordinata dalla locale Procura della Repubblica. Inutile ironizzare sulla tempestività di iniziative giudiziarie intraprese ad anni di distanza (nella fattispecie

    – Stefano Elli

    • Econopoly

    Quel 24 marzo di 37 anni fa. L'attacco politico-affaristico-giudiziario alla Banca d'Italia

    A 37 anni dagli eventi possiamo ancora sostenere che il 24 marzo 1979 sia un giorno nero per la storia italiana. Paolo Baffi, governatore della Banca d'Italia e Mario Sarcinelli, vicedirettore generale con delega alla vigilanza, in modo pretestuoso e grottesco vengono accusati dalla Procura di Roma di interesse privato in atti d'ufficio e favoreggiamento personale per non aver trasmesso all'autorità giudiziaria le notizie contenute in un rapporto ispettivo sul Credito Industriale Sardo, istituto...

    – Beniamino Piccone

    • News24

    L'Eco di mille complotti

    IL SOLE 24 ORE - DOMENICA (11 GENNAIO 2015)Numero zero, il nuovo romanzo di Umberto Eco, impone a chi legge due opposti esercizi mentali. Il primo, naturale per chiunque si immerga in una narrazione, ci spinge a seguirne la trama e la coerenza costruttiva. E' insomma il modo normale di leggere una

    – Armando Massarenti

1-10 di 110 risultati