Persone

Licio Gelli

Licio Gelli è nato il 21 aprile del 1919 a Pistoia ed è deceduto il 15 dicembre del 2015 ad Arezzo.

E' stato un imprenditore e faccendiere italiano, noto alla cronaca quale maestro venerabile della loggia massonica segreta P2.

E' stato condannato per depistaggio delle indagini della strage di Bologna del 1980 ma poi anche per il caso Ambrosiano e per la P2, per essere poi detenuto prima in Svizzera e Francia, poi agli arresti domiciliari ad Arezzo, presso Villa Wanda.

Gelli è stato l'emblema di un'epoca che ha profondamente segnato la storia d'Italia, con i suoi scandali e soprattutto i suoi misteri mai fino in fondo svelati.

Di certo il ruolo di burattinaio (uno dei soprannomi che gli venne attribuito) di un progetto dichiaratamente anti-democratico, lo giocò a lungo con efficacia, ricevendo politici, e militari ed influenzando la vita pubblica italiana in uno scorcio tragico come quello a cavallo tra la fine degli anni 70 e l'inizio degli 80, tra l'uccisione di Aldo Moro (molti di quelli che diressero le indagini erano suoi affiliati) alla fine della solidarieta' nazionale ed il ritorno al pentapartito.

Lo scandalo P2 scoppiò il 17 marzo del1981, quando i giudici Gherardo Colombo e Giuliano Turone nell'ambito dell'inchiesta sul finto rapimento del finanziere Michele Sindona (altro tassello di un'era di fatti oscuri) fecero perquisire la villa aretina di Gelli. Da lì spuntarono le liste infinite di nomi: parlamentari, alti ufficiali, imprenditori, giornalisti, nobiluomini piu' o meno decaduti.

L'Italia tremò e lui scappò in Svizzera, dove poi sarà arrestato e rimarrà in carcere mesi dopo, e dalla quale evadrà.

Anni dopo si costituisce, e siamo già nel 1987 e finalmente l'estradizione in Italia nel 1988, quando nel frattempo tutto, molto è cambiato nella politica ma lo strascico lasciato dalla P2 si sente ancora.
Prima la libertà provvisoria poi di nuovo un arresto nel 1997 e nel 1988 la conferma della condanna a 12 anni per il crack Ambrosiano. Di nuovo irreperibile, fuga di quattro mesi e gli vongono concessi i domiciliari che sconterà nella solita villa Wanda, ad un certo punto sequestrata per debiti con il fisco (poi prescritti).

Resta il dubbio (ma forse è ben piu' di un dubbio) che molti misteri mai svelati della storia italiana ormai siano sepolti con lui, simbolo (non unico) di uno spaccato di storia italiana della quale non si va per niente fieri.

Licio Gelli è stato insignito di diverse onorificienze quali:

— Commendatore dell'Ordine al merito della Repubblica Italiana dal 2 giugno 1966 al 29 luglio 2013 (revocata ope legis a seguito di interdizione perpetua dai pubblici uffici);

— Cavaliere di Gran croce dell'ordine del liberatore San Martín;

— Grand'ufficiale dell'ordine di San Silvestro Papa;

— Commendatore con placca dell'ordine equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme.

Gelli era padre di quattro figli nati dal matrimonio con Wanda Vannacci (scomparsa nel 1993), Raffaello (nato nel 1947) Maria Rosa (nata nel 1952), Maria Grazia (nata il 1952 e scomparsa nel 1988, in seguito ad un incidente stradale) e Maurizio (nato nel 1959).

Il 2 agosto del 2006 Gelli aveva sposato ad Arezzo, in seconde nozze, Gabriela Vasile (nata nel 1958 a Lupsa (Romania).

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Licio Gelli
    • News24

    Tutte le grane dei candidati ministri M5S

    Come già avvenuto per i "super competenti" esterni al M5S schierati nei collegi uninominali, anche per la squadra dei 17 candidati ministri è subito partita la caccia agli scheletri negli armadi e alle contraddizioni.

    – di Redazione Roma

    • Agora

    Harvey Dent di Gotham City, la Commissione parlamentare antimafia e la segretezza della massoneria

    Amati lettori di questo umile e umido da lunedì vi sto raccontando quanto è contenuto nel paragrafo "Mafia e massoneria" della relazione generale e conclusiva della Commissione parlamentare antimafia presieduta da Rosy Bindi e consegnata la scorsa settimana ai commissari.  Ribadisco che alcune riflessioni dei commissari potrebbero essere integrate. La sostanza non cambia. Per quanto ho scritto ieri e lunedì rimando la link a fondo pagina. Anche oggi proseguiamo sull'abbrivo di ieri sul general...

    – Roberto Galullo

    • Agora

    Idea geniale della Commissione antimafia: attribuire per legge al prefetto il potere di scioglimento delle logge massoniche!

    Amati lettori di questo umile e umido blog, rieccomi a voi con una nuova tappa di approfondimento della relazione della Commissione parlamentare antimafia sul rapporto tra mafia e massoneria. Per quello che finora ho scritto rimando ai link sotto (oltre che alla ricerca dei servizi sul sito del Sole-24 Ore) e oggi continuo a ragionare sulla  segretezza del rapporto massonico. Abbiamo visto che la Costituzione considera segreto il sodalizio che mira a mantenere occulta la propria esistenza o la...

    – Roberto Galullo

    • News24

    Cala il sipario su Etruria. «Arezzo in crisi di fiducia»

    Per Arezzo significa dire addio a un pezzo fondamentale di storia economica e sociale. Lunedì prossimo, 27 novembre, Banca Etruria, l'istituto di credito che ha accompagnato la crescita e lo sviluppo internazionale del distretto orafo, che ha inventato prodotti finanziari unici nel settore e canali

    – di Silvia Pieraccini

    • News24

    Olof Palme, delitto perfetto

    L'assassinio del primo ministro svedese Olof Palme nel 1986 resta a tutt'oggi avvolto nel mistero, e, per gli abitanti della nazione da lui guidata per diversi anni, costituisce un gorgo oscuro di dubbi e incertezze, risolto attraverso una sorta di generale e radicale rimozione collettiva. Proprio

    – di Antonio Audino

    • Agora

    Aiello "faccia di mostro" e la stagione stragista in Calabria/2 Anche un killer dei due Carabinieri nel '94 lo riconosce in foto

    Cari lettori di questo umile e umido blog, da ieri vi sto raccontando quando e come lo Stato, la magistratura e l'informazione vanno contro la propria natura che è quella di far evolvere una società, garantirne la giustizia e assicurare la conoscenza dei fatti. Per tutta la settimana mi sono limitato a raccontarvi il primo aspetto: lo Stato contro natura. Oggi concludo questo filone. Lo faccio prendendo spunto dall'ultima e fondamentale indagine della Procura di Reggio Calabria (capo della Proc...

    – Roberto Galullo

    • Agora

    Aiello "faccia di mostro" e la stagione stragista in Calabria/1 Il pentito Nino Lo Giudice lo teme: per questo fugge e ritratta

    Cari lettori di questo umile e umido blog, da ieri vi sto raccontando quando e come lo Stato, la magistratura e l'informazione vanno contro la propria natura che è quella di far evolvere una società, garantirne la giustizia e assicurare la conoscenza dei fatti. Lo faccio prendendo spunto dall'ultima e fondamentale indagine della Procura di Reggio Calabria (capo della Procura Federico Cafiero De Raho, procuratore aggiunto Giuseppe Lombardo e, dalla Dna, il sostituto procuratore nazionale Frances...

    – Roberto Galullo

    • Agora

    Stato "contro natura"/3 Nella stagione stragista Licio Gelli aveva in mano le mafie e i servizi deviati. Potevano vivere...

    Cari lettori di questo umile e umido blog, da ieri vi sto raccontando quando e come lo Stato, la magistratura e l'informazione vanno contro la propria natura che è quella di far evolvere una società, garantirne la giustizia e assicurare la conoscenza dei fatti. Lo faccio prendendo spunto dall'ultima e fondamentale indagine della Procura di Reggio Calabria (capo della Procura Federico Cafiero De Raho, procuratore aggiunto Giuseppe Lombardo e, dalla Dna, il sostituto procuratore nazionale Frances...

    – Roberto Galullo

    • Agora

    Rosy Bindi, dopo le dichiarazioni della figlia di Borsellino, faccia subito luce sui nomi dei massoni negli elenchi nisseni e siciliani dal '90

    Amati lettori di questo umile e umido blog, continuo ad onorare la memoria del giudice Paolo Borsellino (e dunque anche del suo collega di vita e di morte Giovanni Falcone, unitamente alle loro scorte) con una nuova analisi. Anche quella odierna (così come quella degli ultimi due giorni) trae spunto dalle dichiarazioni, rese per il venticinquennale della strage di via D'Amelio, da Fiammetta Borsellino, figlia del giudice, secondo la quale, come ha dichiarato al giornalista del Corriere della Se...

    – Roberto Galullo

    • Agora

    Fiammetta Borsellino, massoneria e verità negata sulla strage di Via D'Amelio/2 La "massoneria mafiosa di Stato" nelle parole dei pentiti

    Amati lettori di questo umile e umido blog, continuo ad onorare la memoria del giudice Paolo Borsellino (e dunque anche del suo collega di vita e di morte Giovanni Falcone, unitamente alle loro scorte) con una nuova analisi. Anche quella odierna (così come quella di ieri e quella di domani) trae spunto dalle dichiarazioni, rese per il venticinquennale della strage di via D'Amelio, da Fiammetta Borsellino, figlia del giudice, secondo la quale, come ha dichiarato al giornalista del Corriere della...

    – Roberto Galullo

1-10 di 129 risultati