Aziende

Kellogg

Kellogg Company è una multinazionale alimentare americana, specializzata nella produzione di cibo per la prima colazione, snack, biscotti, e cracker. Nel 2009 l’azienda ha realizzato un fatturato di circa 13 miliardi di dollari (10,0724 miliardi di euro). Con sede a Battle Creek, nel Michigan, Kellogg Company è presente in 180 Paesi con unità produttive in 18 Stati tra cui Gran Bretagna, Germania, Spagna, India, Cina, Australia, Sudafrica, Brasile, Messico, Canada e Usa. Oggi il gruppo impiega 31.000 persone e il suo business è suddiviso in cereali per la prima colazione (53%), cracker e biscotti (32%) e altri prodotti a base cereali (15%).

La società è nata nel 1906 con il nome di Battle Creek Toasted Corn Flake Company, per idea di William Keith Kellogg. La compagnia ha prodotto i celebri Corn flakes, che nel 1922 hanno cambiato la ragione sociale del gruppo in Kellogg Company. Dal 1969 al 1977, la società ha acquisito piccole aziende alimentari come Salad Foods, Fearn International, Mrs. Smith's Pies, Eggo e Pure Packed Foods. Nel 1988 Kellogg ha lanciato nuovi prodotti come Crispix, Raisin Squares e i biscotti Nutri-Grain, oltre che cibi indirizzati a precise aree geografiche come i Just Right in Australia ed i Genmai Flakes in Giappone. Nel 2001, Kellogg ha acquisito la Keebler Company. Nel corso degli anni l'azienda aveva già rilevato Morningstar Farms e Kashi, oltre ad avere proprietà di Bear Naked, Natural Touch, Cheez-It, Murray, Austin, Famous Amos, Gardenburger e Plantation brands.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Kellogg
    • News24

    The Craftory aiuta le start up nella lotta ai colossi dei beni di consumo

    Un numero enorme di marchi di beni di consumo nati da poco, come i rasoi Dollar Shave Club e il gelato Halo-Top, hanno dato più di un grattacapo alle grandi aziende che producono beni di consumo intaccandone il business. Adesso, un gruppo di investimento si ripropone un'iniziativa per far crescere

    – di Scheherazade Daneshkhu

    • News24

    Una ricetta italiana per rilanciare Campbell's: meno zuppe e più snack

    NEW YORK - Non più la solita minestra. Anzi. Campbell Soup ridimensiona la propria storica ragion d'essere, a caccia di nuova crescita nei mercati americani e globali che oggi contano, quelli ad alto potenziale degli snack. E lo fa sotto l'egida d'un dirigente italiano, il neo-promosso chief

    – di Marco Valsania

    • News24

    Con gli «abbinamenti simbiotici» il team cresce e valorizza i singoli

    Che si tratti di partecipare a progetti della scuola di business, di creare una start-up o entrare a farne parte, o ancora di lavorare in grandi organizzazioni, gli studenti degli MBA spesso devono focalizzarsi sul fare squadra. Di sicuro è importante scegliere le persone migliori e più

    – di Dylan Minor

    • News24

    Il «pianeta ufficio» spiegato da chi studia i segreti del lavoro

    Amy Wrzesniewski, professoressa di comportamento organizzativo alla Yale School of Management, parla di JR Keller della Cornell: secondo lei, infatti, il professor Keller ha un «approccio utile alle risorse umane, che consente di comprendere e prevedere dove si stanno dirigendo i sistemi

    – di Emma Jacobs

    • News24

    Agroalimentare, Italia campione dei «nuovi gusti»

    Il segnale, forte e chiaro, lo ha dato qualche giorno fa Denise Morrison, Ceo della celebre Campbell Soup Co. «Quelle companies che non vogliono o scelgono di non cambiare, sono fuori dalla corsa contro il tempo». Con queste parole la top manager americana descrive bene la situazione in cui si

    – di Roberto Iotti

    • News24

    Exxon sta con Parigi Così si è spaccata la Corporate America

    Sul clima la Casa Bianca non è la sola ad aver tradito divisioni. Anche la Corporate America arriva in ordine sparso - e a volte silenziosa - alla sfida dell'effetto serra. Il dibattito dentro la Casa Bianca sull'uscita dall'accordo di Parigi si è riprodotto nelle spaccature di una Corporate

    – Marco Valsania

    • News24

    I giovani ridisegnano il food

    Bai Brands è stata fondata nel 2009, a Princeton, con l'obiettivo di produrre bibite ricche di antiossidanti e a basso contenuto calorico. Un sogno impossibile, negli Stati Uniti dominati da Coca Cola e Pepsi? Non proprio: sette anni dopo, nell'ottobre 2016, è stata acquisita per 1,7 miliardi di

    – di Alberto Magnani

    • News24

    Dieta Brexit: prodotti al consumo più piccoli per non alzare i prezzi

    All'inizio era stata Unilever ad aprire le ostilità chiedendo ai supermercati inglesi Tesco di alzare i prezzi per adeguarli al deprezzamento della sterlina dopo la Brexit. Poi il Toblerone si è messo a dieta modificando la forma del tradizionale cioccolato svizzero per ridurre il peso delle

    – di P.Sol.

    • News24

    In Italia un bambino su 10 non si può permettere una colazione adeguata

    Nel giorno in cui è stato definitivamente approvato dal Senato il Ddl per il contrasto alla povertà e il riordino delle prestazioni sociali, una buona notizia arriva dalla sinergia proficua tra mondo profit e non profit. In Italia, in base agli ultimi dati Istat disponibili, più di un milione di

    – di Marco Biscella

    • News24

    I benefici finanziari di un MBA controbilanciano le spese?

    Quando ha deciso di presentare domanda per frequentare un MBA alla Stanford Graduate School of Business, l'istituto della California noto per la formazione degli imprenditori, Matt Bulloch aveva già fondato la sua azienda TentCraft. All'epoca si stava trastullando con l'idea di abbandonare il mondo

    – di Della Bradshaw

1-10 di 62 risultati