Aziende

JP Morgan Chase

JP Morgan Chase&Co è una società con sede a New York, leader nei servizi finanziari globali. Attiva in 60 Paesi, serve nel complesso 90 mila clienti ed è l’azienda di servizi finanziari più vecchia al mondo. JP Morgan Chase&Co ha la più vasta capitalizzazione di mercato e il suo hedge fund è il più grande degli Stati Uniti, con 53,5 miliardi di dollari in attività (42,4255 miliardi di euro). Il gruppo basa il proprio core business nelle 6 unità: Investment Bank, Servizi finanziari retail, Card Services, Asset & Wealth Management, Commercial Banking e Treasury & Securities Services. La società è stata fondata nel 1799, quando Aaron Burr ha creato la Bank of the Manhattan Company, che nel 1955 si è fusa con la Chase National Bank e nel 1991 con la Chemical Banking Corp, dando così vita alla maggiore holding bancaria dell’epoca. L’attuale assetto di Jp Morgan Chase&Co è frutto della fusione di diversi istituti di credito, d’affari e di holding. In particolare, l’attuale configurazione è nata dall’intesa firmata nel 2000 tra Chase Manhattan Corporation e JP Morgan & Co (nata nel 1887). Tra le acquisizioni più recenti, nel 2008 la società finanziaria ha rilevato Bear Stearns e Washington Mutual.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su JP Morgan Chase
    • News24

    Perché oggi chi ha un Mba snobba le banche e punta su Facebook

    Il fenonemo è in atto già da anni, con la grande crisi del 2008 ancora una volta a rappresentare il grande spartiacque tra il "prima" e il "dopo". Le banche d'investimento, che fino a cinque-dieci anni fa erano il grande sogno proibito di chi sceglieva un Mba (un master in business administration),

    – di Enrico Marro

    • News24

    La Borsa di Chicago lancia i future del bitcoin. La criptovaluta vola a 6.400 dollari

    Cme Group intende quotare entro il 2017 future di bitcoin. I prezzi della criptovaluta hanno reagito spingendosi a nuovi livelli record sopra i 6.400 dollari. Il colosso di Borsa con sede a Chicago, numero uno del mondo sul mercato di future e opzioni, punta a lanciare i nuovi contratti nel quarto

    – di Redazione online

    • News24

    Chi guadagna davvero dal taglio delle tasse

    Ci sono due categorie di aziende che guadagnerebbero dal taglio delle tasse di Trump: quelle che oggi pagano più del 35% di corporate tax (non moltissime, per la verità) e quelle che comunque versano più del 20%. Vediamo la media delle ultime cinque trimestrali secondo l'analisi condotta da Philip

    • News24

    Imprenditori ottimisti sul 2017: fatturato in crescita e investimenti in ripresa

    Investimenti che in previsione andranno meglio della media del triennio passato; proiezioni in salita per il fatturato: per il 33,8% sarà superiore al 10% nel 2017 rispetto al 2016, percentuale cui si aggiunge un 39,6% che ipotizza una crescita, pur inferiore al 10 per cento. Se si considera il 23%

    – di Nicoletta Picchio

    • News24

    Brexit, ecco il piano delle banche

    Arabi, russi, cinesi, indiani. Londra che si prepara a uscire dall'Unione europea è una capitale finanziaria che cercherà di fare dell'isolamento un punto di forza. Cercando di attrarre i capitali dei nuovi ricchi. Le incognite sono tante nell'era dei mercati globali. Vuoi per la perdita, centrale,

    – di Riccardo Barlaam

    • News24

    Brexit, ecco il piano delle banche

    Arabi, russi, cinesi, indiani. Londra che si prepara a uscire dall'Unione europea è una capitale finanziaria che cercherà di fare dell'isolamento un punto di forza. Cercando di attrarre i capitali dei nuovi ricchi. Le incognite sono tante nell'era dei mercati globali. Vuoi per la perdita, centrale,

    – Riccardo Barlaam

    • News24

    Banche, la Cina supera gli Stati Uniti

    Tre delle cinque maggiori banche al mondo sono cinesi. Nove dei primi dieci istituti di credito maggiormente cresciuti dal 2009 al 2016 sono cinesi. Che la geografia globale stesse cambiando era noto, ma la mappa delle principali banche mondiali disegnata ieri da R&S Mediobanca lo certifica con

    – Morya Longo

    • News24

    Chi paga il conto del salvataggio del Banco Popular

    La decennale crisi del Banco Popular è arrivata a un punto di svolta grazie al salvataggio operato dal gruppo Santander. Ma l'operazione non è indolore: se correntisti e obbligazionisti senior della banca spagnola sono stati risparmiati, non altrettanto si può dire per azionisti e obbligazionisti

    – di Redazione online

    • News24

    Il Brasile di Temer in grave crisi ma il Pil mostra una ripresina (+1%)

    Recessione finita ? Oppure un rimbalzino tecnico ? Il Brasile di Michel Temer vive difficoltà politiche e soprattutto istituzionali con un impeachment che - secondo i media brasiliani - si fa sempre più probabile ma per fortuna c'è un piccolo segnale congiunturale positivo: l'economia brasiliana,

    – di Roberto Da Rin

    • News24

    Si rischia di più ma si guadagna anche di più: è corsa ai junk bond

    E' corsa ai junk bond. Con le Banche centrali pronte a dare segnali di normalità dopo un decennio di gestione di una crisi finanziaria devastante ventilando un trend rialzista dei tassi (Trump permettendo), le obbligazioni ad alto rischio e alto rendimento continuano ad essere le preferite dagli

    – di Mara Monti

1-10 di 280 risultati