Persone

John Maynard Keynes

John Maynard Keynes è stato un economista britannico. È l’autore della cosiddetta "rivoluzione keynesiana" ed è considerato il padre della macroeconomia. Ha pubblicato diverse opere di Economia, ha rivestito ruoli chiave durante la I e la II Guerra Mondiale e per la Banca Mondiale e inoltre è stato direttore dell’Economic Journal.

In cerca di una fonte di reddito, Keynes ha rimandato la scrittura della tesi a Cambridge per partecipare al concorso di ammissione al civil service, dove ha ottenuto l'India Office. Diventato lettore universitario, è stato finanziato da Alfred Marshall e ha iniziato a costruire la propria reputazione di economista. Nel 1912 è diventato direttore dell’Economic Journal, la principale rivista accademica economica dell'epoca. Entrato nella Royal Commission on Indian Currency and Finance, alla vigilia della I Guerra Mondiale è diventato consigliere del Cancelliere dello Scacchiere e del Ministero del Tesoro per le questioni economico-finanziarie. Nel 1919 ha partecipato alla Conferenza di pace di Versailles in qualità di Rappresentante economico del Tesoro. Nel 1944 durante la II Guerra Mondiale, Keynes ha guidato la delegazione inglese a Bretton Woods, negoziando l'accordo finanziario tra la Gran Bretagna e gli Stati Uniti. Nello stesso periodo è stato a capo della commissione per l'istituzione della Banca Mondiale.

L’opera principale di Keynes è la Teoria generale dell'occupazione, dell'interesse e della moneta (1936), nella quale getta le basi della macroeconomia e della domanda aggregata. Nel 1942 ha ottenuto il titolo di baronetto, diventando il primo Barone Keynes di Tilton.

John Maynard Keynes è venuto a mancare nel 1946, all'età di 63 anni.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su John Maynard Keynes
    • Agora

    I 150 anni del «Capitale» e l'equilibrio economico generale

    Alcuni tra gli economisti classici - Adam Smith, ma anche John Stuart Mill - erano anche filosofi; da altri - compresi John Maynard Keynes o Amartya Sen - è possibile "estrarre" un pensiero che vada oltre il discorso scientifico; tanti altri... Un'idea, quella della liberazione dal lavoro, non diversa dalla profezia - una previsione, in questo caso - di John Maynard Keynes (le Possibilità economiche per i nostri nipoti) che il capitalismo, invece, apprezzava molto e voleva salvare (si...

    – Riccardo Sorrentino

    • News24

    Trump e l'America: una convivenza contrastata

    E' stato il sociologo francese Emile Durkheim (1858-1917) piuttosto che l'economista inglese John Maynard Keynes (1883-1946) ad essere con più frequenza citato.

    – di Sergio Fabbrini

    • News24

    Diritto, finanza, arte: le «passioni civili» di un gran borghese

    Rileggendo in chiave storica l'insistenza tedesca in questa direzione, e con spunti di riflessione che oggi sarebbe interessante poter discutere con l'autore, Rossi osservava su questo giornale: «Se la Germania vuole rimanere nell'euro non può continuare a imporre agli altri Paesi una politica recessiva e impedire che i Paesi debitori possano partecipare a un'Unione politica e economica che realizzi il sogno di John Maynard Keynes di un sistema monetario internazionale nel quale creditori e...

    – di Salvatore Carrubba

    • News24

    Innovazione per abbracciare le opportunità

    Di certo, esistono periodi nei quali la velocità con la quale si trovano strumenti per risparmiare lavoro è superiore alla capacità di trovare nuovi modi per usare il lavoro, come osservava John Maynard Keynes.

    – di Luca De Biase

    • News24

    Il «pianeta ufficio» spiegato da chi studia i segreti del lavoro

    Jerry Davis intravede due possibili scenari per il futuro: quello più luminoso prospettato da John Maynard Keynes negli anni Trenta, nel quale le ore di lavoro sono ridotte e la gente ha tempo per dedicarsi a nipotini, poesia e passatempi vari, e quello di un futuro più cupo, altrettanto plausibile, con un numero sempre più grande di aziende che non seguirà il modello Uber.

    – di Emma Jacobs

    • News24

    Le Borse ora valgono più del Pil del pianeta. Quali sono i rischi?

    Certo, da qui a dicembre sarà un bel testa a testa perché - sempre ipotizzando che la stima dell'Fmi venga centrata - allora il valore della domanda aggregata globale (così piaceva all'economista John Maynard Keynes definire il Pil) salirà a 78.200 miliardi.

    – di Vito Lops

    • News24

    Maggiore stabilità solo con regole e autorità globali

    Caro Giordani, in effetti l'ipotesi di una moneta unica mondiale, che avrebbe dovuto chiamarsi "Bancor" era stata avanzata e difesa da John Maynard Keynes, nella sua qualità di delegato inglese alla conferenza di Bretton Woods chiamata a disegnare il nuovo sistema finanziario dopo la seconda guerra mondiale: la proposta prevedeva la creazione di una stanza di compensazione all'interno della quale i singoli Paesi avrebbero partecipato con quote proporzionali al valore del loro commercio...

    • News24

    La forza latente dell'Eurozona

    Per anni l'Eurozona è stata percepita come un'area disastrosa, e spesso le discussioni sul futuro dell'unione monetaria hanno paventato un suo possibile crollo. Quando i britannici hanno votato per abbandonare l'Unione europea lo scorso anno, erano spinti in parte dalla percezione che l'Eurozona

    – di Daniel Gros

    • News24

    La «filosofia» dell'euro e la memoria di Bretton Woods

    Nel cercare di analizzare la natura dei problemi che rendono difficile il cammino dell'Unione Monetaria Europea e dell'euro in particolare, vi è molto da imparare dalle discussioni che precedettero ed accompagnarono la Conferenza di Bretton Woods del luglio del 1944, nella quale venne definito

    – di Robert Skidelsky e Giorgio La Malfa

    • News24

    La filosofia dell'euro e la memoria di Bretton Woods

    Nel cercare di analizzare la natura dei problemi che rendono difficile il cammino dell'Unione Monetaria Europea e dell'euro in particolare, vi è molto da imparare dalle discussioni che precedettero ed accompagnarono la Conferenza di Bretton Woods del luglio del 1944, nella quale venne definito

    – di Robert Skidelsky e Giorgio La Malfa

1-10 di 307 risultati