Persone

John Kerry

John Kerry è nato l'11 dicembre del 1943 ad Auora (USA) ed è un politico statunitense, attualmente Segretario di Stato degli Stati Uniti.

Nel 2004 è stato candidato, per il Partito Democratico, alle presidenziali statunitensi poi vinte da George W. Bush.

Dal 6 marzo del 1983 al 2 gennaio del 1985, è stato il 66° Vice governatore del Massachusetts.

Tra il 3 gennaio del 1985 ed il 1° febbraio del 2013, è stato Senatore del Massachusetts.

Ha rivestito a periodi alterni il ruolo di Presidente della Commissione Piccole e Medie Imprese del Senato degli Stati Uniti d'America.

Proveniente da una famiglia borghese di origini ebraiche, John Kerry si è laureato in scienze politiche alla Yale University nel 1966.

Amante dello sport e della musica, Kerry si è avvicinato alla politica nel 1960, quando tenne il suo primo discorso a sostegno della candidatura di John Fitzgerald Kennedy, alla presidenza statunitense.

E' stato ufficiale pluridecorato nella guerra del Vietnam.

Il 1° febbraio del 2013 è stato nominato 68° Segretario di Stato degli Stati Uniti, succedendo ad Hillary Clinton.

John Kerry è stato sposato dal 1970 al 1985 con Julia Thorne Stimson, da cui ha avuto due figlie: Alexandra (nata nel 1973) e Vanessa Bradford (nata il 1976).

Nel 1995 ha sposato l'attuale moglie Teresa Heinz, gia madre di tre figli nati da un precedente matrimonio.

Ultimo aggiornamento 21 settembre 2016

Ultime notizie su John Kerry
    • News24

    Iran, oggi Trump decide se uscire dall'accordo sul nucleare

    La decisione americana sul futuro dell'accordo nucleare con l'Iran incombe. E oggi Trump, come ha preannunciato in un twitter, scioglierà le riserve. Il nervosismo scuote la politica e i mercati. Ieri, davanti allo spettro di un'uscita di Donald Trump dal patto, sulle piazze delle commodities il

    – di Marco Valsania

    • News24

    Trump: martedì annuncerò mia decisione sull'accordo iraniano

    Martedì alle 20 italiane il presidente americano Donald Trump annuncerà la sua decisione sull'accordo sul nucleare iraniano, stipulato dal suo predecessore Barack Obama. Lo ha detto lui stesso in un tweet. Lunedì Trump aveva criticato l'ex segretario di Stato John Kerry per avere incontrato

    • News24

    Marco Gualtieri: «Il cibo? Per l'Italia è innovazione»

    E' successo. Un imprenditore del ticketing online ha immaginato da zero la creazione di un evento di portata internazionale sull'industria innovativa del cibo italiano. Voleva connettere l'ecosistema delle startup al sistema produttivo più consolidato e renderlo parte della dinamica che genera

    – di Luca De Biase

    • News24

    Missione compiuta? Storia della (presunta) distruzione dell'arsenale chimico di Assad

    Missione davvero compiuta? L'annuncio, euforico, del presidente americano Donald Trump - «Mission accomplished», a cui ha fatto eco la dichiarazione da parte del ministro francese degli Esteri Jean-Yves Le Drian - «Obiettivi raggiunti, non sono programmati altri raid»- sollevano più di qualche

    – di Roberto Bongiorni

    • News24

    Nobel per la Pace all'Ican: un messaggio a Kim (e Trump)

    Anche quest'anno il Nobel per la pace, assegnato all'Ican -l'organizzazione per il bando delle armi nucleari fondata a Ginevra nel 2007 e composta da 460 associati in cento Paesi- ha una connotazione assai politica e di grande attualità, quasi stringente. E' stato conferito nel mezzo delle tensioni

    – di Alberto Negri

    • News24

    Elezioni annullate, il Kenya riparte dalla Corte Suprema

    Una giornata storica per l'Africa: neppure l'ex segretario di Stato americano John Kerry avrebbe potuto immaginare che potesse accadere. La decisione della Corte Suprema di Nairobi di annullare le elezioni presidenziali vinte da Uhuru Kenyatta contro l'eterno rivale Raila Odinga non ha precedenti e

    – di Alberto Negri

    • News24

    Paradosso Iran: sempre più sclerotico e influente

    Degli Stati emersi dalle tre grandi rivoluzioni del XX secolo - in Russia nel 1917, in Cina nel 1949 e in Iran nel 1979 - la Repubblica islamica d'Iran da sola persevera in qualcosa che somiglia alla sua forma originale. L'Iran moderno è quindi un relitto storico, ma allo stesso tempo una dinamo

    – di Michael Mandelbaum

    • Agora

    Se il mondo fosse normale: non tanto, solo un po'

    Nessuno s'illude di poter vivere la propria vita di citoyen in un mondo perfetto. Magari per breve tempo, per assaggiare eccitato una parvenza di esemplarità: come nei mesi successivi la sconfitta del nazismo; o quando finì la Guerra fredda e alla fine degli anni '80 credemmo che la democrazia si sarebbe diffusa in Unione Sovietica e da lì, nel resto del mondo non democratico. Fu un trompe-l'oeil. Tuttavia, se non perfetto, fra alti e bassi verso la fine del XX secolo il mondo apparve più vicin...

    – Ugo Tramballi

1-10 di 791 risultati