Persone

John Kerry

John Kerry è nato l'11 dicembre del 1943 ad Auora (USA) ed è un politico statunitense, attualmente Segretario di Stato degli Stati Uniti.

Nel 2004 è stato candidato, per il Partito Democratico, alle presidenziali statunitensi poi vinte da George W. Bush.

Dal 6 marzo del 1983 al 2 gennaio del 1985, è stato il 66° Vice governatore del Massachusetts.

Tra il 3 gennaio del 1985 ed il 1° febbraio del 2013, è stato Senatore del Massachusetts.

Ha rivestito a periodi alterni il ruolo di Presidente della Commissione Piccole e Medie Imprese del Senato degli Stati Uniti d'America.

Proveniente da una famiglia borghese di origini ebraiche, John Kerry si è laureato in scienze politiche alla Yale University nel 1966.

Amante dello sport e della musica, Kerry si è avvicinato alla politica nel 1960, quando tenne il suo primo discorso a sostegno della candidatura di John Fitzgerald Kennedy, alla presidenza statunitense.

E' stato ufficiale pluridecorato nella guerra del Vietnam.

Il 1° febbraio del 2013 è stato nominato 68° Segretario di Stato degli Stati Uniti, succedendo ad Hillary Clinton.

John Kerry è stato sposato dal 1970 al 1985 con Julia Thorne Stimson, da cui ha avuto due figlie: Alexandra (nata nel 1973) e Vanessa Bradford (nata il 1976).

Nel 1995 ha sposato l'attuale moglie Teresa Heinz, gia madre di tre figli nati da un precedente matrimonio.

Ultimo aggiornamento 21 settembre 2016

Ultime notizie su John Kerry
    • News24

    Visti, la Silicon Valley sfida Trump

    Un ulteriore appello, per affermare che l'ordine presidenziale in realtà mina gli interessi nazionali e di sicurezza del Paese, è stato preparato da un gruppo di otto ex esponenti della politica estera e della difesa statunitense, da John Kerry a Leon Panetta.

    – Marco Valsania

    • News24

    Le ultime ore di Barack alla Casa Bianca

    Nessuno poteva pensare allora, dopo la sconfitta di John Kerry, che sarebbe diventato presidente da lì a quattro anni.

    – di Mario Platero

    • News24

    Davos riporta al centro la globalizzazione

    Tra i presenti spiccano il primo ministro britannico, Theresa May alle prese con Brexit, il vice presidente uscente degli Stati Uniti, Joe Biden con il segretario di Stato, anche lui in uscita John Kerry, il presidente ucraino Petro Poroshenko.

    – di Vittorio Da Rold

    • News24

    Perché Trump vincerà la battaglia con i servizi segreti

    Il Wall Street Journal pubblicò addirittura un editoriale dal titolo «L'insurrezione della Cia», nel quale si accusavano «ranghi superiori dell'agenzia» di voler chiaramente «contribuire alla sconfitta del presidente Bush e fare eleggere John Kerry».

    – di Gideon Rachman

    • Agora

    Isolare Israele? Meglio di no. Ma perché no?

    A 23 giorni dalla fine del mandato, John Kerry aveva finalmente mostrato il volto dell'America, quasi sempre tenuto nascosto nel conflitto fra israeliani e palestinesi: quello dell'honest broker, del mediatore onesto fra le due parti in conflitto. ... Nel suo discorso d'addio al dipartimento di Stato, una specie di cammino a ritroso sui passi perduti, John Kerry aveva denunciato gli ostacoli alla pace posti dal governo israeliano di estrema destra, il cui obiettivo è sempre più chiaramente quello...

    – Ugo Tramballi

    • News24

    Su Israele Londra contro Kerry

    La May ha obiettato al discorso del segretario di Stato John Kerry perché troppo critico verso il Governo di Benjamin Netanyahu. ... Dopo che gli Usa avevano rotto con anni di prassi, astenendosi dal voto del Consiglio di Sicurezza Onu di condanna degli insediamenti israeliani nei territori occupati, Kerry ha accusato il Governo israeliano di voler impedire la creazione di uno Stato palestinese. ...del segretario Kerry, che ha parlato di tutti i vari rischi per la soluzione dei due Stati,...

    – Nicoletta Degli Innocenti

    • News24

    Le pillole avvelenate che Obama lascia a Trump

    Non c'è stata reazione che non abbia messo in evidenza l'inutilità della prima astensione americana per un voto all'Onu contro Israele e del discorso di giovedì del segretario di Stato John Kerry. Discorso che ha avuto tuttavia un risultato contrario a quello desiderato: invece che rafforzare l'idea di una soluzione per la creazione di due Stati, il discorso di Kerry è stato considerato nella regione come un'orazione funebre per la soluzione con due Stati.

    – di Mario Platero

    • News24

    Putin conferma: cessate il fuoco in Siria, negoziati ad Astana

    Confermando le attese della vigilia, Vladimir Putin ha annunciato giovedì mattina che il governo siriano di Bashar Assad e rappresentanti dell'opposizione hanno firmato un accordo per un cessate il fuoco esteso a tutto il Paese - con l'esclusione delle zone in mano a terroristi dell'Isis, di Jabhat

    – di Antonella Scott

    • News24

    Kerry a Netanyahu: pace a rischio

    La giornata è cominciata con un lungo discorso pronunciato ieri mattina dal segretario John Kerry al dipartimento di Stato. Kerry ha accusato Israele di aver minato alla base il processo di pace e i negoziati per la creazione di due stati perseguendo aggressive espansioni degli insediamenti in Cisgiordania. Kerry ha chiaramente accusato Netanyahu di perseguire «politiche contro l'interesse di Israele» e ha detto che toccherà al popolo israeliano scegliere se «proseguire lungo questa strada».

    – Mario Platero

    • News24

    Kerry accusa Israele:?mette a rischio la soluzione dei due Stati. Ma Trump è con Netanyahu

    YORK - Il segretario di Stato John Kerry ha riaffermato oggi in un lungo discorso al dipartimento di Stato che l'unica via per la pace fra israeliani e palestinesi resta nella soluzione con due stati «indipendenti e sicuri in grado di rispondere... Il segretario di Stato John Kerry ha riaffermato oggi in un lungo discorso al dipartimento di Stato che l'unica via per la pace fra israeliani e palestinesi resta nella soluzione con due stati «indipendenti e sicuri in grado di rispondere alle...

    – di Mario Platero

1-10 di 779 risultati