Persone

John Kerry

John Kerry è nato l'11 dicembre del 1943 ad Auora (USA) ed è un politico statunitense, attualmente Segretario di Stato degli Stati Uniti.

Nel 2004 è stato candidato, per il Partito Democratico, alle presidenziali statunitensi poi vinte da George W. Bush.

Dal 6 marzo del 1983 al 2 gennaio del 1985, è stato il 66° Vice governatore del Massachusetts.

Tra il 3 gennaio del 1985 ed il 1° febbraio del 2013, è stato Senatore del Massachusetts.

Ha rivestito a periodi alterni il ruolo di Presidente della Commissione Piccole e Medie Imprese del Senato degli Stati Uniti d'America.

Proveniente da una famiglia borghese di origini ebraiche, John Kerry si è laureato in scienze politiche alla Yale University nel 1966.

Amante dello sport e della musica, Kerry si è avvicinato alla politica nel 1960, quando tenne il suo primo discorso a sostegno della candidatura di John Fitzgerald Kennedy, alla presidenza statunitense.

E' stato ufficiale pluridecorato nella guerra del Vietnam.

Il 1° febbraio del 2013 è stato nominato 68° Segretario di Stato degli Stati Uniti, succedendo ad Hillary Clinton.

John Kerry è stato sposato dal 1970 al 1985 con Julia Thorne Stimson, da cui ha avuto due figlie: Alexandra (nata nel 1973) e Vanessa Bradford (nata il 1976).

Nel 1995 ha sposato l'attuale moglie Teresa Heinz, gia madre di tre figli nati da un precedente matrimonio.

Ultimo aggiornamento 21 settembre 2016

Ultime notizie su John Kerry
    • News24

    Paradosso Iran: sempre più sclerotico e influente

    Secondo Solomon, il capo negoziatore americano, il Segretario di Stato John Kerry, avendo fallito qualsiasi tentativo di risoluzione del conflitto Israelo-Palestinese, era ben disposto a raggiungere un accordo.

    – di Michael Mandelbaum

    • Agora

    Se il mondo fosse normale: non tanto, solo un po'

    Nessuno s'illude di poter vivere la propria vita di citoyen in un mondo perfetto. Magari per breve tempo, per assaggiare eccitato una parvenza di esemplarità: come nei mesi successivi la sconfitta del nazismo; o quando finì la Guerra fredda e alla fine degli anni '80 credemmo che la democrazia si sarebbe diffusa in Unione Sovietica e da lì, nel resto del mondo non democratico. Fu un trompe-l'oeil. Tuttavia, se non perfetto, fra alti e bassi verso la fine del XX secolo il mondo apparve più vicin...

    – Ugo Tramballi

    • News24

    Gli elettori di Trump non ammettono (ancora) l'errore

    I giudizi sui primi 100 giorni sono arrivati, e sono pessimi. I trapianti di faccia della controriforma sanitaria continuano, il «piano» fiscale dell'amministrazione ha lo stesso livello di dettaglio dello scontrino di un supermercato, Trump ha calato le braghe sulle promesse di fare la voce grossa

    – di Paul Krugman

    • News24

    Trump ha il suo Kissinger: al genero il "portafoglio" su Cina, Medio Oriente e Messico

    New York - Se Steve Bannon è soprannominato il "Presidente", allora Jared Kushner è il "Segretario di Stato". L'ascesa del genero e consigliere di Donald Trump quale plenipotenziario ombra dell'intera politica estera americana - quale odierno Henry Kissinger - è ormai innegabile: in questi ultimi

    – di Marco Valsania

    • News24

    Le ultime ore di Barack alla Casa Bianca

    Il suo carattere «non è cambiato», non gli dispiace lasciare «perché vivere in una bolla logora», ma per Barack Obama, 44° Presidente degli Stati Uniti, alla Casa Bianca resteranno un pezzetto di cuore e ricordi infiniti: è qui, «dalle finestre dell'Ufficio Ovale che ho visto visto le mie due

    – di Mario Platero

    • News24

    Davos riporta al centro la globalizzazione

    Cosa ne sarà dei trattati della Wto sul libero scambio o dell'accordo sul clima di Parigi dopo la vittoria di Donald Trump, dopo la Brexit e dopo il no al referendum in Italia? Proprio il World Economic Forum di Davos - che ha contribuito negli anni passati a diffondere il verbo della

    – di Vittorio Da Rold

    • News24

    Perché Trump vincerà la battaglia con i servizi segreti

    James Jesus Angleton, che guidò le attività di controspionaggio per la Cia dal 1954 fino al 1975, una volta descrisse il suo mondo come «un deserto di specchi». I responsabili delle agenzie di intelligence americane potrebbero aver provato un analogo senso di surreale disorientamento quando hanno

    – di Gideon Rachman

    • Agora

    Isolare Israele? Meglio di no. Ma perché no?

    A 23 giorni dalla fine del mandato, John Kerry aveva finalmente mostrato il volto dell'America, quasi sempre tenuto nascosto nel conflitto fra israeliani e palestinesi: quello dell'honest broker, del mediatore onesto fra le due parti in conflitto. Presidenti repubblicani o democratici, gli Stati Uniti hanno sempre privilegiato le ragioni degli israeliani e quasi sempre denunciato i limiti palestinesi. Mai il contrario. Nel suo discorso d'addio al dipartimento di Stato, una specie di cammino a r...

    – Ugo Tramballi

1-10 di 784 risultati