Persone

Joaquin Almunia

Joaquín Almunia è nato il 17 giugno del 1948 a Bilbao (Spagna) ed è un politico spagnolo.

Dal 26 aprilde del 2004 al 9 febbraio del 2010 è stato Commissario europeo per gli Affari Economici e Monetari.

Tra il 9 febbraio del 2010 ed il 31 ottobre del 2014, è stato Commissario europeo per la Concorrenza.

E' stato vicepresidente della seconda Commissione europea presieduta da José Manuel Barroso.

Dopo la laurea in giurisprudenza a Lisbona, Joaquín Almunia si è specializzato in studi europei a Ginevra ed ha intrapreso la carriera accademica.

Negli anni ’80 è entrato nel Partito Social Democratico (PSD), di cui nel 1999 è stato presidente.

Nel 1979 è diventato deputato per il Partito Socialista Operaio Spagnolo (Psoe) della provincia di Madrid e per due volte ha ricoperto la carica di ministro nel governo di Felipe Gonzales. Dal 1994 al 1997 Almunia è stato portavoce parlamentare e segretario generale del partito, carica mantenuta fino al 2000, quando è stato sostituito da Zapatero.

Nell’aprile del 2002 è diventato Primo ministro del Portogallo, carica che ha ricoperto fino al 2004.

Nell'aprile dello stesso anno Joaquín Almunia è diventato Commissario europeo per gli Affari Economici e Monetari nella Commissione Prodi, in sostituzione del connazionale Pedro Solbes, entrato nel governo spagnolo. Ha ricoperto questa carica congiuntamente con il commissario estone Siim Kallas, insediatosi all'ingresso dell'Estonia nell'Ue.

Con l'insediamento della Commissione Barroso I, Alumnia ha mantenuto il proprio ruolo di Commissario, con il medesimo portafoglio.

Nella Commissione Barroso II, Joaquin Almunia è stato Commissario europeo per la Concorrenza fino al 31 ottobre 2014.

Nel 1993 Alumnia è stato insignito dell'onorificienza di Gran Croce dell'Ordine di Carlo III.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Joaquin Almunia
    • News24

    Con la Ue due partite intrecciate sul debito

    Ci si muove su un terreno scivoloso, e non a caso il presidente dell'eurogruppo, Jeroen Dijsselbloem, ha ricordato che prima di attivare l'intervento statale si dovrebbe passare dal bail-in. Aspetti controversi come non mancò di rilevare il presidente della Bce, Mario Draghi, nella lettera inviata all'allora commissario alla Concorrenza Joaquin Almunia nel luglio 2013: con l'unione bancaria ancora in fieri (manca la gamba fondamentale della garanzia europea sui depositi) coinvolgere nelle...

    – di Dino Pesole

    • News24

    Washington studia un fisco leggero per fermare la fuga

    Non è un caso che il ministro del Tesoro americano, Jack Lew, subito dopo la decisione dell'Antitrust europeo di imporre all'Irlanda il recupero da Apple di 13 miliardi di euro per tasse non versate, abbia sollecitato l'approvazione di una riforma per tassare gli utili delle multinazionali

    – Giuseppe Chiellino

    • Econopoly

    Concorrenza alla europea: Tre più Wind è o non è il magic number?

    Quello del livello di frammentazione dell'industria europea delle telecomunicazioni non è un tema nuovo nel dibattito comunitario. Le imprese sembrano essersi pronunciate, come si evince dalla fotografia scattata dal Wall Street Journal all'inizio di giugno: da almeno due anni si registra un significativo fermento nel mercato dei merger tra gli operatori del settore - e nel computo vanno ormai inclusi anche i gestori delle reti via cavo coassiale, tradizionalmente utilizzate per la trasmissione ...

    – Massimiliano Trovato

    • Agora

    Doppio colpo a Google, ma ora si apre una fase di discussione

    Oltre Atlantico si parla di vero e proprio attacco europeo a un gruppo multinazionale americano, anche se i toni sono un po' diversi rispetto ai tempi del blocco della fusione General Electric-Honeywell (allora era Mario Monti il guardiano della concorrenza europea). Di certo, dopo l'urto Bruxelles-Microsoft, che è costato al gruppo di Bill Gates multe per circa 2 miliardi di euro, la decisione della Ue di mettere Google con le spalle al muro due volte sotto l'accusa di abuso di posizione domina...

    – Antonio Pollio Salimbeni

    • News24

    L'Europa accusa Google: «Abuso di posizione dominante e indagine su Android»

    La Commissione europea ha aperto oggi due fronti legali con il colosso americano del Web, Google, inviando una lettera di accuse formali sull'abuso di posizione dominante nel mercato della ricerca online, e avviando un'indagine sulla possibile violazione delle regole antitrust Ue da parte del

    – Marco Valsania

    • Agora

    LuxLeaks, appena arrivato Juncker è già fortemente indebolito

    E' subito diventato un caso politico europeo la conclusione dell'inchiesta internazionale denominata 'LuxLeaks' (fuga di notizie sul Lussemburgo) che mette sotto accusa il Granducato per pratiche fiscali a favore di 340 società multinazionali, tra cui 31 italiane. Due i motivi. Il primo riguarda il particolare momento economico: l'ampiezza dell'evasione fiscale e la condotta di alcuni Stati tra cui il Lussemburgo stridono con la condizione dei cittadini e delle imprese "normali" sottoposte a ter...

    – Antonio Pollio Salimbeni

1-10 di 364 risultati