Persone

Jeroen Dijsselbloem

Jeroen Dijsselbloem è nato il 29 marzo del 1966 ad Eindhoven ed è un politico olandese membro del Partito del Lavoro (PvdA).

Dal 5 novembre del 2012 è ministro delle finanze del secondo Governo Rutte.

Dal 21 novembre del 2013 è presidente dell'Eurogruppo.

Il 21 gennaio del 2013 è diventato presidente del consiglio dei governatori.

Dal 12 febbraio 2013 è presidente del consiglio dei governatori del Meccanismo europeo di stabilità (European Stability Mechanism - ESM).

Tra il 1985 ed il 1991 ha frequentato il corso di laurea in economia e politica agraria presso l'Università di Wageningen.

Nel 1991 ha ottenuto la laurea in ingenieur, titolo equipollente ad un Master of Science.

Dal 1991 ha svolto l'attività di ricercatore in economia presso l'University College Cork in Irlanda.

Negli anni '90 è sceso in politica, prima come membro del consiglio municipale di Wageningen (1994–1997) poi come membro della Tweede Kamer, la camera bassa dei Paesi Bassi nelle legislature (2000–2002) e (2002–2012).

Nel marzo del 2013 Dijsselbloem ha guidato i negoziati per la gestione della "Crisi finanziaria di Cipro".

Dall'inizio del 2015 è impegnato nelle trattative per la gestione della crisi del debito greco, trattative rese più difficili dal recente pronunciamento negativo del popolo greco contro la politica di austerity proposta dall'UE.

A proposito del recente referendum greco Jeroen Dijsselbloem ha detto che "Il risultato è molto spiacevole per il futuro della Grecia" tuttavia mantenere la Grecia nell'unione europea, ha aggiunto il politico "rimane il loro obiettivo e il mio obiettivo".

Jeroen Dijsselbloem è sposato ed è padre di due figli.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Jeroen Dijsselbloem
    • News24

    Renzi rilancia: con Ue film già visto, vinceremo partita sul deficit

    E non si fa frenare neppure dal deciso no arrivato ieri dal commissario agli Affari monetari Pierre Moscovici («E' interesse dell'Italia ridurre il debito») e dal presidente dell'Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem che ha parlato di ipotesi fuori dalle regole di bilancio.

    – di Andrea Gagliardi

    • Agora

    Se Schauble promuove l'Italia su Popolare Vicenza e Veneto Banca...

    Il caldo fa brutti scherzi. Ma oggi a Bruxelles la massima era di 22 gradi, quindi il ministro delle finanze tedesco Wolfgang Schauble doveva essere pienamente in sé quando ha dichiarato che il salvataggio delle popolari venete "è andato molto bene". Non pago, ha aggiunto che "l'Italia è uscita bene da una situazione difficile". Schaeuble ha anche definito "gestibili" i rischi legati alle banche in Italia, rilevando che "negli ultimi mesi gli italiani hanno dimostrato di fare bene. Sono fiducios...

    – Marco Ferrando

    • News24

    La Ue respinge la ricetta Renzi sul deficit. Il leader Pd: pensino ai migranti

    La sfida all'Europa sul deficit, il veto all'introduzione del fiscal compact nei trattati e il patto di legislatura sul deficit. Sui temi al centro della proposta del segretario del Pd Matteo Renzi, nell'anticipazione affidata al Sole 24 Ore, si discute fuori e dentro il governo, ma ormai il

    – di Redazione Online

    • News24

    Banche venete, decreto in Aula. Schaeuble: bene piani di salvataggio

    In Aula alla Camera la discussione generale sul decreto per il salvataggio delle banche venete, per il quale il governo ha autorizzato oggi il ricorso alla questione di fiducia. La commissione Finanze giovedì scorso ha licenziato il testo dando il mandato al relatore ma senza votare gli

    – di Laura Di Pillo

    • News24

    Dai creditori nuovi aiuti alla Grecia: 8,5 miliardi di euro

    LUSSEMBURGO - Dopo lunghe trattative, i creditori della Grecia hanno concesso ieri ad Atene nuovi aiuti: 8,5 miliardi di euro nell'ambito del terzo piano economico di cui gode Atene dal 2015. Quanto a nuove misure di alleggerimento del debito greco, la questione è stata rinviata alla fine

    – dal nostro inviato Beda Romano

    • News24

    Che accade alla Grecia se il Fmi non trova l'intesa con l'eurozona?

    Dopo l'ennesimo eurogruppo sul debito greco, andato a vuoto a Bruxelles dopo sette ore di discussioni fino a mezzanotte, tra la Germania che vuole il Fmi a bordo ma senza tagliare il debito, il Fondo monetario che vuole un debito «sostenibile» per entrare in partita altrimenti resta fuori, e gli

    – di Vittorio Da Rold

    • News24

    Una nuova governance economica dell'Eurozona

    Dagli interventi apparsi all'interno del dibattito sull'euro organizzato dal Sole 24 Ore emerge una convinzione molto diffusa: uscire dalla moneta unica creerebbe più problemi che opportunità. Lo dicono anche coloro che sostengono che sarebbe stato meglio non entrarci (Feldstein, Il Sole 24 Ore 28

    – di Carlo Dell'Aringa e Paolo Guerrieri

    • News24

    Prima intesa all'Eurogruppo per sbloccare gli aiuti alla Grecia

    LA VALLETTA - A piccoli passi, tra brusche accelerazioni e altrettanto brusche frenate, la Grecia si sta avvicinando all'agognato accordo con i suoi creditori su una seconda verifica relativa al terzo programma di aiuti finanziari iniziato nel 2015. Riuniti qui a La Valletta, i ministri delle

    – dal nostro inviato Beda Romano

1-10 di 448 risultati