Persone

Jeremy Corbyn

Jeremy Bernard Corbyn nato a Chippenham il 26 maggio 1949 è un politico inglese. Dal 2015 è leader del partito Laburista e dell'opposizione e dal 1983 membro della Camera dei comuni. Alle elezioni dell’8 giugno 2017 il leader Labour che ha riportato il partito ai livelli del 2010 recuperando una trentina di seggi, ha invitato Theresa May, che ha perso voti e seggi, a dimettersi: “It is time for Theresa May to go”.

Figlio di un ingegnere e di una insegnante di matematica conosciutisi durante la Guerra civile spagnola, Jeremy cresce in un clima di attivismo politico destinato a segnarne tutte le scelte future. Dopo essere stato funzionario sindacale, diventa deputato nel collegio londinese di Islington a 34 anni.

Le sue cause spaziano dai diritti dei lavoratori alla pace in Irlanda del Nord e in Palestina. Per il leader sudafricano Nelson Mandela, allora in cella nelle galere del regime razzista sostenuto dai governi di Margaret Thatcher, si fa pure arrestare. Difensore del disarmo nucleare, contrario all'interventismo militare, é radicale anche nella vita privata.

Vegetariano, astemio e ambientalista, si è sposato 3 volte: la seconda moglie, Claudia Bracchitta, origini italiane, gli ha dato tre figli e ha divorziato nel 1999, pare per aver voluto iscrivere uno dei ragazzi alla scuola privata. L'attuale consorte è cilena e gli ha portato in dote il micio El Gato. La svolta nel suo destino arriva nel 2015, quando viene eletto a sorpresa leader dei laburisti, sull'onda del rifiuto dilagante nella base verso ex blairiani liberal.

Durante la campagna elettorale per le elezioni anticipate dell’8 giugno 2017 volute dalla premier May Corbyn, il leader molto amato dai giovani, riempie le piazze e conquista consensi. Il suo programma prevede investimenti pubblici, rilancio del welfare, aumento delle tasse sui ricchi e una soft brexit.

Ultimo aggiornamento 09 giugno 2017

Ultime notizie su Jeremy Corbyn
    • News24

    Gran Bretagna, Theresa May esce rafforzata dalle amministrative

    LONDRASospiro di sollievo a Downing Street: i risultati delle elezioni amministrative di ieri in Gran Bretagna non hanno portato alla temuta sconfitta del partito conservatore. In molte aree del Paese i Tories hanno "ereditato" tutti i voti di Ukip, il partito anti-Ue che come previsto è stato

    – di Nicol Degli Innocenti

    • News24

    Theresa May rischia di perdere anche la roccaforte di Westminster

    LONDRA - Effetto Brexit sulle elezioni amministrative in Gran Bretagna. Il voto di oggi per eleggere 4.400 consiglieri in 150 circoscrizioni è il primo test per il Governo di Theresa May dalle disastrose elezioni dell'anno scorso che avevano fatto perdere al partito conservatore la maggioranza in

    – di Nicol Degli Innocenti

    • News24

    May sugli attacchi aerei in Siria: «Giusti sul piano legale e morale»

    LONDRA - Gli attacchi aerei in Siria sono «giusti sia dal punto di vista legale che morale»: parola di Theresa May. La premier britannica oggi pomeriggio ha difeso in Parlamento la sua decisione di autorizzare i bombardamenti del fine settimana assieme agli alleati francesi e americani, sostenendo

    – di Nicol Degli Innocenti

    • News24

    L'ok di Theresa May all'attacco in Siria è una sfida a Westminster

    Londra -La via per Damasco passa da Salisbury. La decisione di Theresa May di autorizzare gli attacchi aerei sulla Siria è strettamente collegata al tentato omicidio con un agente nervino dell'ex spia russa Serghej Skripal e della figlia Yulia nella cittadina inglese.Il legame è stato sottolineato

    – di Nicol Degli Innocenti

    • News24

    Sinistra anno zero: perché ha perso il popolo e chi la sta sostituendo

    Nel bene e nel male, Matteo Renzi ha lasciato il segno due volte nella storia del Pd. Nessuno era riuscito a portare il centrosinistra così in alto e così in basso, dalla vertigine del 40% alle europee del 2014 al crollo sotto al 20% alle politiche del 4 marzo. Un'emorragia di cinque milioni di

    – di Alberto Magnani

    • News24

    Una campagna elettorale senza «modelli stranieri»

    Pietro Grasso che vola a Londra per incontrare il leader laburista Corbyn fa venire in mente che il capo politico di Liberi e uguali è un'eccezione in una campagna elettorale in cui sono svaniti i "modelli stranieri". Le citazioni di Emmanuel Macron nei discorsi di Matteo Renzi si sono diradate,

    – di Riccardo Ferrazza

    • News24

    Schulz rinuncia agli Esteri, partito nel caos

    Resa dei conti in casa Spd: Martin Schulz è stato costretto a rinunciare al ministero degli Esteri che aveva riservato a se stesso nell'accordo di Grande Coalizione con Angela Merkel, dopo aver giurato, in campagna elettorale, che non sarebbe entrato in un governo guidato dalla cancelliera.

    – di Roberta Miraglia

    • News24

    In Italia la tassa sui robot non funzionerebbe: ecco perché

    Bill Gates, Jeremy Corbyn, Matteo Salvini. Non sono troppe le affinità che si potrebbero scovare a prima vista tra il fondatore di Microsoft, il leader del partito laburista britannico e il segretario della Lega. A parte una: tutti e tre hanno proposto la tassazione dei robot, intesa come un

    – di Alberto Magnani

1-10 di 170 risultati