Persone

Jeremy Corbyn

Jeremy Bernard Corbyn nato a Chippenham il 26 maggio 1949 è un politico inglese. Dal 2015 è leader del partito Laburista e dell'opposizione e dal 1983 membro della Camera dei comuni. Alle elezioni dell’8 giugno 2017 il leader Labour che ha riportato il partito ai livelli del 2010 recuperando una trentina di seggi, ha invitato Theresa May, che ha perso voti e seggi, a dimettersi: “It is time for Theresa May to go”.

Figlio di un ingegnere e di una insegnante di matematica conosciutisi durante la Guerra civile spagnola, Jeremy cresce in un clima di attivismo politico destinato a segnarne tutte le scelte future. Dopo essere stato funzionario sindacale, diventa deputato nel collegio londinese di Islington a 34 anni.

Le sue cause spaziano dai diritti dei lavoratori alla pace in Irlanda del Nord e in Palestina. Per il leader sudafricano Nelson Mandela, allora in cella nelle galere del regime razzista sostenuto dai governi di Margaret Thatcher, si fa pure arrestare. Difensore del disarmo nucleare, contrario all'interventismo militare, é radicale anche nella vita privata.

Vegetariano, astemio e ambientalista, si è sposato 3 volte: la seconda moglie, Claudia Bracchitta, origini italiane, gli ha dato tre figli e ha divorziato nel 1999, pare per aver voluto iscrivere uno dei ragazzi alla scuola privata. L'attuale consorte è cilena e gli ha portato in dote il micio El Gato. La svolta nel suo destino arriva nel 2015, quando viene eletto a sorpresa leader dei laburisti, sull'onda del rifiuto dilagante nella base verso ex blairiani liberal.

Durante la campagna elettorale per le elezioni anticipate dell’8 giugno 2017 volute dalla premier May Corbyn, il leader molto amato dai giovani, riempie le piazze e conquista consensi. Il suo programma prevede investimenti pubblici, rilancio del welfare, aumento delle tasse sui ricchi e una soft brexit.

Ultimo aggiornamento 09 giugno 2017

Ultime notizie su Jeremy Corbyn
    • News24

    Londra zoppica verso l'uscita

    Il governo Tory è debole a causa dei numeri in Parlamento e a causa delle divisioni interne, Jeremy Corbyn, da una piattaforma massimalista, ha ripreso, invece, le redini del Labour e spinge per nuove elezioni politiche. Oggi, potrebbe vincere se davvero riconoscesse una realtà scomoda: su di lui e sul suo partito, l'8 giugno, è confluito il consenso di chi si oppone alla Brexit, nonostante Jeremy Corbyn sia favorevole all'addio, non diversamente da Theresa May, seppure sulla base di...

    – di Leonardo Maisano

    • Agora

    Quella Torre di Babele che sta infiammando l'anima di un Paese

    Non a caso al festival all'aperto di Glastonebury, dove accanto ai gruppi rock, salgono sul palco personaggi amati dai giovani (come Johnny Depp che ha minacciato con uno scherzo macabro di ammazzare Trump) Jeremy Corbyn è stato accolto come una star.

    – Marco Niada

    • News24

    «Brexit a misura di imprese»

    Lo è da un pezzo, in realtà, ma forse il momento è arrivato perché l'alternativa al compromesso per i conservatori è un ritorno alle urne che probabilmente consegnerebbe Downing streer a mister Jeremy Corbyn, leader del Labour, scatenato ieri ai Comuni nel rivendicare la sua dottrina di governo.

    – Leonardo Maisano

    • News24

    Incendio Londra: si temono oltre 100 vittime. Al via l'inchiesta pubblica

    La prima vittima identificata dell'incendio alla Grenfell Tower, il grattacielo residenziale di 24 piani a North Kensington, a Londra, è un rifugiato siriano di 23 anni. Si tratta di Mohammed Alhajali, che studiava ingegneria civile alla University of West London. Il suo sogno era quello di tornare

    • News24

    Il flop della May e i capitali in uscita dal Regno Unito

    Anche solo in termini di mera improbabilità, l'elettorato britannico ha appena dato vita a un "cigno nero" politico più nero per i mercati di quanto si potesse immaginare. Il fiasco di Theresa May - che non ha ottenuto la maggioranza in elezioni anticipate indette proprio perché era sicura di

    – di John Authers

    • News24

    Kensington, il rogo nella torre degli immigrati a due passi dal lusso

    DAL NOSTRO CORRISPONDENTELONDRA - I voti per aggiudicarsi il seggio di Kensington, il leader laburista Jeremy Corbyn, li ha trovati anche lì dove un cerino bruciato è quanto resta di Grenfell Tower, Lancaster West Estate, Latimer street. Centoventi appartamenti impilati uno sull'altro, lungo 24

    – di Leonardo Maisano

    • News24

    Le elezioni anticipate logorano chi le indice

    La perdita da parte del Partito conservatore della maggioranza parlamentare nelle elezioni anticipate del Regno Unito ancora una volta ha dimostrato che esperti di politica, sondaggisti e altri che fanno pronostici avevano torto. E, ancora una volta, fioccano le spiegazioni per un risultato che

    – di Ray Persaud e Adrian Furnham

    • News24

    Sondaggio Gb: la maggioranza degli elettori vuole le dimissioni della premier May

    In caduta libera, dopo le elezioni, il gradimento di Theresa May: la maggioranza dei britannici vuole le dimissioni della premier. E' quanto emerge da un sondaggio di YouGov per il Sunday Times, secondo cui il 48% degli intervistati è favorevole a una sua uscita da Downing Street dopo che nelle urne

1-10 di 137 risultati