Persone

Jeremy Corbyn

Jeremy Bernard Corbyn nato a Chippenham il 26 maggio 1949 è un politico inglese. Dal 2015 è leader del partito Laburista e dell'opposizione e dal 1983 membro della Camera dei comuni. Alle elezioni dell’8 giugno 2017 il leader Labour che ha riportato il partito ai livelli del 2010 recuperando una trentina di seggi, ha invitato Theresa May, che ha perso voti e seggi, a dimettersi: “It is time for Theresa May to go”.

Figlio di un ingegnere e di una insegnante di matematica conosciutisi durante la Guerra civile spagnola, Jeremy cresce in un clima di attivismo politico destinato a segnarne tutte le scelte future. Dopo essere stato funzionario sindacale, diventa deputato nel collegio londinese di Islington a 34 anni.

Le sue cause spaziano dai diritti dei lavoratori alla pace in Irlanda del Nord e in Palestina. Per il leader sudafricano Nelson Mandela, allora in cella nelle galere del regime razzista sostenuto dai governi di Margaret Thatcher, si fa pure arrestare. Difensore del disarmo nucleare, contrario all'interventismo militare, é radicale anche nella vita privata.

Vegetariano, astemio e ambientalista, si è sposato 3 volte: la seconda moglie, Claudia Bracchitta, origini italiane, gli ha dato tre figli e ha divorziato nel 1999, pare per aver voluto iscrivere uno dei ragazzi alla scuola privata. L'attuale consorte è cilena e gli ha portato in dote il micio El Gato. La svolta nel suo destino arriva nel 2015, quando viene eletto a sorpresa leader dei laburisti, sull'onda del rifiuto dilagante nella base verso ex blairiani liberal.

Durante la campagna elettorale per le elezioni anticipate dell’8 giugno 2017 volute dalla premier May Corbyn, il leader molto amato dai giovani, riempie le piazze e conquista consensi. Il suo programma prevede investimenti pubblici, rilancio del welfare, aumento delle tasse sui ricchi e una soft brexit.

Ultimo aggiornamento 09 giugno 2017

Ultime notizie su Jeremy Corbyn
    • News24

    Se la Germania resta l'egemone riluttante

    «Prendendo a prestito una felice immagine dell'Economist del 2013 "The reluctant hegemon" penso che la Germania sia una potenza egemone riluttante», ha affermato Mario Monti, senatore a vita e presidente dell'Università Bocconi durante un affollato dibattito seguito in diretta su Facebook live da

    – di Vittorio Da Rold

    • News24

    Il Regno (Unito) contro Trump e le ombre del razzismo

    Al presidente americano Donald Trump è riuscita un'impresa epica, vista dall'osservatorio di Londra. Con un tweet di condivisione - seguito da un altro tweet per far sapere a tutti di non essersi sbagliato - ha riunito la scena politica britannica nel momento di massima confusione del Paese.

    – di Leonardo Maisano

    • News24

    Il realismo (forse) tardivo di May e dei Tories

    Gli ottimisti contano su un artificio lessicale capace di placare al tempo stesso le ansie irlandesi e nord irlandesi. Un cerotto per andare avanti non sarebbe una novità nella storia delle relazioni intraeuropee, i precedenti si sprecano. E' possibile che il vertice di metà dicembre finisca davvero

    – di Leonardo Maisano

    • News24

    Il realismo (forse) tardivo di May e dei Tories

    Gli ottimisti contano su un artificio lessicale capace di placare al tempo stesso le ansie irlandesi e nord irlandesi. Un cerotto per andare avanti non sarebbe una novità nella storia delle relazioni intraeuropee, i precedenti si sprecano. E' possibile che il vertice di metà dicembre finisca davvero

    – Leonardo Maisano

    • News24

    Scontro a distanza Trump-May sui tweet antimusulmani

    Sembra non avere fine la polemica a distanza tra il presidente Usa Donald Trump e il primo ministro inglese Theresa May, dopo che il primo aveva ritwittato tre post della vice leader di Britain First, partito di estrema destra xenofobo, anti-immigrati e anti-musulmani. Alla risposta della May, che

    • News24

    Effetto Brexit: brusco taglio alle stime di crescita del Regno Unito

    LONDRA - Finanziaria all'insegna del pessimismo per la Gran Bretagna: le previsioni di crescita del Pil per il 2017 sono state ridotte dal 2 all'1,5% a causa soprattutto della «produttività deludente». Lo ha annunciato oggi Philip Hammond, cancelliere dello Scacchiere, presentando il Budget in

    – di Nicol Degli Innocenti

    • News24

    L'evitabile declino dei partiti tradizionali

    Circa ventisei anni fa, il presidente Boris Eltsin emanò un decreto che vietava l'attività delle cellule del Partito comunista all'interno di fabbriche, università e in tutti i posti di lavoro della Federazione russa. Ma quel decreto audace era per molti versi ormai superfluo: il Partito comunista

    – di Nina L. Khrushcheva

    • News24

    May sotto pressione ora cerca un euroscettico per sostituire Patel

    Il Governo britannico perde i pezzi, mentre un accordo su Brexit si fa sempre più lontano. La premier Theresa May, costretta a licenziare due ministri-chiave nel giro di una settimana, si trova in una posizione di estrema debolezza.La May sta decidendo in queste ore chi nominare come responsabile

    – di Nicol Degli Innocenti

    • News24

    Apple spunta nei Paradise Papers

    Dall'Irlanda a Jersey. Le email segrete dei Paradise Papers rivelano che Apple avrebbe creato una nuova struttura nell'isola del Canale della Manica per continuare a ridurre il carico fiscale dopo che l'Irlanda ha interrotto dal 2014 la possibilità di utilizzare il cosiddetto "double Irish",

    – di Angelo Mincuzzi

1-10 di 157 risultati