Le nostre Firme

Jeffrey Sachs

Jeffrey Sachs è professore di Sviluppo sostenibile e di Politica e gestione della salute alla Columbia University, nonché direttore dell'influente "The Earth Institute" presso la stessa università; questo ente è stato costituito con il compito di sostenere progetti interdisciplinari per la soluzione di problemi mondiali quali la lotta all'Aids, i cambiamenti climatici e l'estrema povertà in cui versa una larga parte della popolazione del nostro pianeta.

Direttore del programma delle Nazioni Unite "Millennium Project" tra il 2002 e il 2006, Jeffrey Sachs è consulente del segretario generale dell'Onu Ban Ki-Moon, dopo esserlo stato anche di Kofi Annan.

Gli studi e le attività internazionali di Jeffrey Sachs sono stati rivolti alla riduzione della povertà, in particolare nei paesi in via di sviluppo e in quelli ex-socialisti che si sono trasformati in paesi con economie di mercato.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Jeffrey Sachs
    • News24

    Facebook, se il nostro profilo non è nostro

    Chris Hughes, uno dei cofondatori di Facebook, ha osservato di recente che lo scrutinio pubblico del portale era «atteso da tempo», dichiarando di «trovare scioccante che i suoi amministratori non abbiano dovuto rispondere ad altre domande di questo tipo prima d'ora». Sono anni che alcuni leader

    – di Jeffrey Sachs

    • News24

    Alleanza M5S-Pd per ridare peso all'Italia

    L'Unione europea ha più che mai bisogno di unità per affermare i suoi valori e i suoi interessi in un'era in cui la leadership globale statunitense è sull'orlo del crollo, la Cina è in fase di ascesa e la Russia vacilla nuovamente tra la collaborazione e lo scontro con la Ue. Divisa, la Ue è una

    – di Jeffrey Sachs

    • News24

    Per le aziende la nuova «chiave a stella» si chiama sostenibilità

    La sostenibilità è una delle nuove chiavi a stella del capitalismo contemporaneo. Ed è una occasione fondamentale per l'economia italiana. Forse irripetibile. Ed è così per quattro ragioni. Prima di tutto, per la natura specifica della manifattura europea, dunque anche italiana, nella sua

    – di Paolo Bricco

    • Agora

    Credere nel Mediterraneo nonostante tutto

    Il Mediterraneo è l'immagine di Aylan inerme sul bagnasciuga di una spiaggia turca. Sono i migranti, involontariamente responsabili della mutazione del consenso elettorale in Europa e causa del successo o della sconfitta dei governi sulla sponda Nord. Il Mediterraneo è l'Isis ed è la nuova contesa - già iniziata - per occupare il vuoto geografico lasciato dai terroristi. Tuttavia, il Mediterraneo sponda Sud nella sua dimensione geopolitica allargata che incomincia nel Maghreb e arriva al Golfo ...

    – Ugo Tramballi

    • News24

    What are you doing? Lavazza fotografa gli eroi del cambiamento

    "Cosa posso fare io? Come posso essere un agente di cambiamento per gli altri e per il Pianeta nel 2017? Questa domanda dovrebbero porsela tutti, soprattutto chi ha visibilità. Perché grazie alla visibilità si può portare un messaggio alla gente e diventare un agente di cambiamento fondamentale. Ma

    – di Maria Teresa Manuelli

    • News24

    Il futuro del commercio tra leader populisti e capri espiatori

    Con l'ampio incoraggiamento da parte del presidente Usa Donald Trump e di altri demagoghi populisti, la paura pubblica della globalizzazione è diventata una delle questioni dominanti del nostro tempo. Tra tutte le molteplici manifestazioni della globalizzazione, i populisti hanno preso di mira gli

    – di Rohinton P. Medhora

    • News24

    Cento giorni di inquietudine

    La convenzione di valutare i primi 100 giorni di un leader nazionale risale a Napoleone, passando da Franklin Delano Roosevelt. Mentre i 100 giorni di Napoleone prima di Waterloo sono stati un profilo di alterigia, e i primi 100 giorni di FDR un ritratto della speranza, la presidenza di Donald

    – di Roman Frydman, Ken Murphy, Stuart Whatley e Jonathan Stein

    • News24

    Da dove vengono (e dove ci porteranno) i nuovi populismi

    Nell'ultimo anno, il populismo ha gettato nello scompiglio le democrazie occidentali. Forze populiste diverse, sotto forma di partiti, leader e idee, hanno contribuito alla vittoria dei sostenitori della Brexit nel referendum britannico sulla permanenza nell'Ue e all'elezione di Donald Trump alla

    – di Brigitte Granville

    • News24

    L'Artico denudato è sotto assedio

    Il sottile sole del Nord è appena tornato ad attraversare l'acqua plumbea del porto di Tromsø e, con la fine della notte artica, la stagione della caccia alla foca è cominciata. Eppure, per la prima volta da secoli, dalla tradizionale base di partenza per le spedizioni verso l'estremo Nord nessuna

    – di Lara Ricci

    • News24

    Il cambiamento climatico nell'Era del Trumpocene

    Nell'anno in cui è stato siglato l'Accordo di Parigi sul clima, i tentativi del mondo di limitare il riscaldamento globale a 2º Celsius al di sopra dei livelli pre-industriali sembravano aver acquistato slancio. Un numero sufficiente di Paesi firmatari aveva preso le necessarie misure per

    – di Bo Lidegaard

1-10 di 122 risultati