Persone

Jeff Bezos

Jeffrey Bezos (classe 1964) è il fondatore di Amazon.

Nasce ad Albuquerque, Nuovo Messico, e si laurea a Princeton nel 1986 in inegneria elettronica e informatica. Nel 1994 Bezos lascia il lavoro a Wall Street per fondare Amazon.com. Nel 1999 viene nominato dal settimanale Time persona dell'anno.

Nel 2000 fonda Blue Origin, una compagnia che punta al settore del turismo spaziale che dovrebbe iniziare a operare nel 2020.

Il 6 agosto 2013 ha comprato per 250 milioni di dollari il Washington Post. Bezos è l’uomo più ricco del pianeta, nel 2017 ha superato Bill Gates con una ricchezza personale che ammonta a 99,6 miliardi di dollari (dati ottobre 2017).

Filantropo è sposato con MacKenzie e ha quattro figli.

Ultimo aggiornamento 28 dicembre 2017

Ultime notizie su Jeff Bezos
    • Econopoly

    Tra i Rocket men miliardari c'è anche l'Italia che guarda alle stelle

    L'autore di questo post, Raffaele Perfetto, ha acquisito esperienza decennale in ambito Oil & Gas con una Major Oil Company. Ha conseguito un MBA in Oil & Gas Management nel 2016. Scrive preferibilmente di energia e geopolitica - Ultimamente non si parla altro che di razzi: di quelli iraniani, degli S-400 russi, dell'americano THHAD, che in realtà è un sistema anti-razzo, e dei razzi coreani di Mr Rocket Man (così il presidente Trump aveva affettuosamente battezzato il suo collega Kim Jong-Un p...

    – Econopoly

    • News24

    Dal 90esimo minuto a Jeff Bezos: la grande battaglia per i diritti tv

    Paolo Valenti e Jeff Bezos. Due immagini che, mai come oggi, messe una al fianco dell'altra permetterebbero di cogliere quel "Panta Rei" che sull'asse calcio-tv (ma forse sarebbe meglio parlare di asse sport-video) riflette la mutazione genetica che sta interessando il mondo dell'audiovisivo. E

    – di Andrea Biondi

    • News24

    Amazon, ai clienti Prime anche lo streaming di musica gratis

    La grande corsa allo streaming delle tech è sempre di più una guerra di tutti contro tutti. Con ciascun player che punta a occupare le nicchie di mercato già presidiate dai propri competitor. Eloquentissima l'ultima mossa di Amazon: già dotata dall'autunno scorso del servizio premium di streaming

    – di Francesco Prisco

    • Agora

    Modernità autoritaria

    Riemerso dall'umiliazione di un licenziamento via twitter, Rex Tillerson, segretario di Stato fino a un mese fa, è apparso in pubblico. E subito, nel suo discorso al Virginia Military Institute ha attaccato Donald Trump: "Se i nostri leader cercano di occultare la verità o se noi ci abituiamo ad accettare realtà alternative, allora noi cittadini americani siamo sulla strada di perdere la nostra libertà". Le bugie che un presidente degli Stati Uniti può raccontare senza vergogna, non mettono in ...

    – Ugo Tramballi

    • Econopoly

    La cura contro la crisi dei giornali esiste: si chiama "Digital Transformation"

    La crisi è la più grande benedizione per le persone e le nazioni, perché la crisi porta progressi. La creatività nasce dall'angoscia come il giorno nasce dalla notte oscura. E' nella crisi che sorge l'inventiva, le scoperte e le grandi strategie. Chi supera la crisi supera sé stesso senza essere 'superato'. -- Albert Einstein Premessa Sono felice di cominciare questa mia collaborazione con Econopoly, parlandovi di come, a mio modesto parere, si può provare a tirar fuori la stampa da questa peren...

    – Emiliano Pecis

    • Agora

    Amazon farà anche la banca?

    Forse non tutti lo sanno, ma Amazon fa già la banca. Amazon Lending concede prestiti alle imprese che vendono i loro prodotti sulla piattaforma, senza peraltro dover fare alcuna istruttoria burocratica. Di chi vende sul proprio sito il gruppo di Jeff Bezos sa sostanzialmente tutto senza dover muovere un dito: giro d'affari, andamento delle vendite, magazzino, solidità finanziaria, affidabilità creditizia. Tutti dati che può ricavare al suo interno. La divisione è arrivata ad avere un giro d'affa...

    – Pierangelo Soldavini

    • News24

    Facebook, il peggio è passato: in Borsa torna ai livelli pre-datagate

    Nemmeno due mesi. Lo scandalo Cambridge Analytica sembrava l'inizio dell'apocalisse per Facebook. A metà marzo, in Borsa il titolo precipitò vertiginosamente, bruciando un centinaio di miliardi di dollari in poco tempo. A distanza di 55 giorni, però, il gap è stato ricolmato, e il titolo Facebook è

    – di Biagio Simonetta

    • News24

    Amazon all'assalto della moda: con le sue private label lancia la sfida ai big

    Se ci sono voluti pochi microsecondi per far nascere l'Universo, ad Amazon sono bastati due anni per lanciare ben 80 "private label", vale a dire marchi di sua proprietà realizzati da terzi. Da mero canale di vendita, dunque, il gruppo di Jeff Bezos si sta trasformando in creatore di marchi e di

    – di Chiara Beghelli

1-10 di 479 risultati