Persone

Jean-Pierre Mustier

Jean-Pierre Mustier è nato il 18 gennaio 1961 a Chamalieres (Francia) ed è stato nominato nuovo amministratore delegato di Unicredit S.p.A. quotata in borsa, carica assunta a partire dal 12 luglio del 2016.

La designazione da parte del cda è arrivata all'unanimità dopo il via libera del comitato nomine.

Mustier è già stato a capo del Corporate & investment banking del gruppo di Piazza Cordusio e succede a Federico Ghizzoni.

Jean-Pierre Mustier ha frequentato l'Ecole Polytechnique (Francia) e l'Ecole des Mines de Paris (Francia), quindi ha fatto carriera nella Société Générale, dove ha lavorato tra il 1987 ed il 2009.
Amministratore delegato dell'asset management di Société Générale (nel periodo dello scandalo legato al trader Jerome Kerviel) è uscito da UniCredit a fine 2014 e da allora è stato partner di Tikehau Capital, fondo di private debt transalpino.

Il suo nome è sempre stato in pole position negli ultimi tempi, grazie soprattutto alla conoscenza diretta del gruppo e insieme all'esperienza maturata nel mercato dei capitali (non secondaria nel caso in cui UniCredit dovesse a breve rivolgersi per un eventuale aumento).

Forte dell'appoggio degli azionisti esteri - dal blocco tedesco agli arabi, i fondi - e di CrTorino, Mustier ha dovuto attendere anche il via libera della vigilanza della Banca centrale europea (Bce).

Mustier è sposato e padre di due figli.

Con la sua nomina UniCredit ha messo fine alla ricerca del nuovo ceo che si protraeva da oltre 40 giorni e che destava preoccupazione anche nelle alte sfere della politica, visto il delicato momento attraversato dal settore finanziario a livello internazionale.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Jean-Pierre Mustier
    • News24

    Unicredit

    C'è anche una società italiana nella top 5 delle aziende che hanno fatto più perdite nell'ultimo quinquennio: è Unicredit. La banca di piazza Gae Aulenti non ha avuto i problemi di Rbs con i titoli tossici così come buona parte del settore bancario italiano. I problemi però sono arrivati dopo:

    • Agora

    Poste, Leonardo, Eni, Alitalia, PopVicenza, Veneto banca (e Sole): questa settimana forse ho capito che/5

    Lo Stato entra, lo Stato decide, lo Stato controlla. C'è un po', un po' tanto Stato, in tutte le vicende che hanno tenuto banco in questi giorni. A partire dalle nomine nelle aziende della galassia pubblica: Eni, Enel, Poste, Leonardo (la vecchia Finmeccanica). Ieri sera doveva arrivare la lenzuolata, che invece è stata rinviata di qualche ora. Ma sembra ormai delineata nei suoi pezzi forti: in Poste a Francesco Caio non è bastato presentare un bilancio record e un maxi-dividendo (anzitutto a T...

    – Marco Ferrando

    • News24

    Mustier a Francoforte: UniCredit caso di successo tra le banche europee

    Jean-Pierre Mustier, amministratore delegato di UniCredit, si è presentato a una platea di alcune centinaia di banchieri e investitori a ... Jean-Pierre Mustier, amministratore delegato di UniCredit, si è presentato a una platea di alcune centinaia di banchieri e investitori a Francoforte, forte del successo dell'aumento da 13 miliardi di euro, per discutere della situazione del sistema bancario europeo con altri suoi colleghi fra cui il numero uno di Deutsche Bank, John Cryan, che a sua volta ha...

    – dal nostro corrispondente Alessandro Merli

    • News24

    Alitalia, serve un miliardo e 400 milioni. Gubitosi in cda

    Lunga riunione del consiglio di amministrazione di Alitalia per l'esame del piano industriale e la cooptazione come consigliere di Luigi Gubitosi. Il cda è cominciato verso mezzogiorno, si è concluso a tarda sera. La riunione, presieduta da Luca Cordero di Montezemolo, mentre non si è visto a Roma

    – di Gianni Dragoni

    • Agora

    Alitalia, UniCredit, Palenzona, Mps, Deutsche, Carige: questa settimana forse ho capito che

    Eni, stante il piano industriale presentato mercoledì, di qui al 2020 punta a confermare redditività e dividendi. Come? Soprattutto grazie alle nuove scoperte di idrocarburi, previste - appunto - in crescita nonostante una riduzione degli investimenti per le esplorazioni. Alitalia vola ancora basso, ma anche stavolta dovrebbe scampare lo schianto: in settimana una bozza di piano industriale ha preso forma, non pare soddisfare completamente Intesa e UniCredit, creditrici e azioniste, ma le due b...

    – Marco Ferrando

    • News24

    UniCredit, Palenzona lascia la vicepresidenza

    A poche ore dalla chiusura dell'aumento di capitale si riapre ufficialmente il cantiere della governance di UniCredit. Passaggio inevitabile, visto il profondo rimescolamento nell'azionariato innescato dalla manovra da 13 miliardi; sta di fatto che ad aprire le danze ieri è stato il vice presidente

    • News24

    UniCredit, ecco chi sale nel nuovo azionariato

    A due giorni dall'ultimo atto dell'aumento di capitale, concluso lunedì con il collocamento delle briciole dell'inoptato, si cominciano a fare i conti sul nuovo azionariato di Unicredit. La fotografia si avrà solo a metà aprile con l'assemblea, ma intanto spuntano le prime posizioni forti come

    – di Marco Ferrando

    • News24

    Mustier: «UniCredit sarà indipendente»

    A due giorni dall'ultimo atto dell'aumento di capitale, concluso lunedì con il collocamento delle briciole dell'inoptato, si cominciano a fare i conti sul nuovo azionariato di UniCredit. La fotografia si avrà solo a metà aprile con l'assemblea, ma intanto spuntano le prime posizioni forti come

    – Marco Ferrando

    • Agora

    UniCredit, Intesa, Generali, Mps, Alitalia, Peugeot-Opel: questa settimana forse ho scoperto che

    UniCredit ha sfiorato il tutto esaurito nell'aumento di capitale da 13 miliardi avviato il 6 febbraio. Nonostante avessimo ormai fatto l'abitudine alla cifra, si tratta di una mezza finanziaria, nonché dell'aumento più grande mai tentato in Italia (il vecchio primato spettava già a UniCredit, con 7,5 miliardi). Considerato il clima intorno alle banche (che mediamente interessano ben poco al mercato) e i precedenti, si può dire che a un francese, Jean Pierre Mustier, è riuscito un colpaccio: p...

    – Marco Ferrando

    • News24

    Incertezza finita, ora il Leone guarda avanti

    Per Generali si chiude una fase assai tormentata. Negli ultimi mesi è stata spesso al centro di rumor che la dipingevano come preda di ogni genere di appetiti: da quelli stranieri, dei colossi Axa e Allianz, a quelli italiani manifestati da una banca chiave per il paese, Intesa Sanpaolo.

    – Laura Galvagni

1-10 di 210 risultati