Persone

Jean-Pierre Mustier

Jean-Pierre Mustier è nato il 18 gennaio 1961 a Chamalieres (Francia) ed è stato nominato nuovo amministratore delegato di Unicredit S.p.A. quotata in borsa, carica assunta a partire dal 12 luglio del 2016.

La designazione da parte del cda è arrivata all'unanimità dopo il via libera del comitato nomine.

Mustier è già stato a capo del Corporate & investment banking del gruppo di Piazza Cordusio e succede a Federico Ghizzoni.

Jean-Pierre Mustier ha frequentato l'Ecole Polytechnique (Francia) e l'Ecole des Mines de Paris (Francia), quindi ha fatto carriera nella Société Générale, dove ha lavorato tra il 1987 ed il 2009.
Amministratore delegato dell'asset management di Société Générale (nel periodo dello scandalo legato al trader Jerome Kerviel) è uscito da UniCredit a fine 2014 e da allora è stato partner di Tikehau Capital, fondo di private debt transalpino.

Il suo nome è sempre stato in pole position negli ultimi tempi, grazie soprattutto alla conoscenza diretta del gruppo e insieme all'esperienza maturata nel mercato dei capitali (non secondaria nel caso in cui UniCredit dovesse a breve rivolgersi per un eventuale aumento).

Forte dell'appoggio degli azionisti esteri - dal blocco tedesco agli arabi, i fondi - e di CrTorino, Mustier ha dovuto attendere anche il via libera della vigilanza della Banca centrale europea (Bce).

Mustier è sposato e padre di due figli.

Con la sua nomina UniCredit ha messo fine alla ricerca del nuovo ceo che si protraeva da oltre 40 giorni e che destava preoccupazione anche nelle alte sfere della politica, visto il delicato momento attraversato dal settore finanziario a livello internazionale.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Jean-Pierre Mustier
    • News24

    Alitalia, soci e creditori verso l'azzeramento

    Fino a domani o al più tardi al 2 maggio, giorno dell'assemblea di Alitalia-Sai che dovrebbe approvare la richiesta di amministrazione straordinaria, sulla carta soci e creditori potrebbero ancora ripensarci. Avallando una ennesima ricapitalizzazione o finanziando un nuovo piano di ristrutturazione

    – di Marco Ferrando

    • News24

    Intesa e UniCredit ferme sul «no» ad altri sforzi

    Il "no" dei lavoratori difficilmente farà cambiare idea a Intesa Sanpaolo e UniCredit. «Impossibile», tagliava corto ieri sera un manager di prima linea: il problema, come dimostra il vertice convocato ieri a Palazzo Chigi, ora è tutto politico. Entrambe le banche avevano legato la propria

    – Marco Ferrando

    • News24

    Alitalia, dagli azionisti conferme sul rilancio

    In attesa di conoscere lunedì sera il risultato del referendum tra i circa 12.500 lavoratori di Alitalia- dall'esito difficilmente prevedibile - l'attenzione è rivolta sull'altro tassello del complicato mosaico, ovvero sugli azionisti che saranno impegnati nel salvataggio della compagnia solo se

    – di Giorgio Pogliotti

    • News24

    II futuro della compagnia appeso al referendum

    Cinque giorni per decidere il futuro di Alitalia. Da questa mattina sono aperti i nove seggi dove i dipendenti di Alitalia - compreso il personale a tempo determinato - potranno votare sul preaccordo del 14 aprile. C'è tempo fino a lunedì alle 16, quando verranno chiuse le urne e nella stessa

    – di Giorgio Pogliotti

    • News24

    Parigi scatta sul finale e salva la giornata, Milano +0,13%

    Difendono le posizioni le Borse europee (segui qui i principali indici), incoraggiate dallo scatto di Parigi (+1,64%) che a tre giorni dal primo round delle presidenziali, in calendario domenica, archivia la performance migliore del Vecchio Continente. Gli ultimi sondaggi danno in testa Emmanuel

    – di Eleonora Micheli

    • News24

    Alitalia, soci appesi al voto del referendum

    Il referendum tra i lavoratori sull'accordo di giovedì notte che si apre oggi è «l'ultima chiamata» per Alitalia, ha detto ieri il ministro per lo sviluppo, Carlo Calenda. Secondo il quale la strada della nazionalizzazione «non esiste». Ma non esiste neanche un'alternativa privata: i soci (e

    – di Marco Ferrando e Giorgio Pogliotti

    • News24

    UniCredit al primo test dei fondi esteri

    A meno di due mesi dalla chiusura dell'aumento di capitale da 13 miliardi, oggi in assemblea si scoprirà che cos'è la nuova UniCredit. O meglio, si avrà qualche elemento in più per identificare il nuovo azionariato, a trazione estera, che ha consentito a Jean Pierre Mustier di portare a casa la più

    – Marco Ferrando

    • News24

    «UniCredit, dopo l'aumento è diventata una vera public company paneuropea»

    «UniCredit è stata e sarà, anche e soprattutto dopo il recente successo dell'aumento di capitale da 13 miliardi, una grande banca paneuropea con sede e testa in Italia. Ma il nuovo azionariato ha una vocazione da vera public company internazionale che necessita di una struttura di governance più

    – di Marco Ferrando e Alessandro Graziani

    • News24

    La società è senza cassa i risparmi non sono sufficienti

    Luigi Gubitosi, il manager di fiducia delle banche che è entrato nel cda di Alitalia (per ora senza deleghe) perché le banche non si fidano di Etihad e di Cramer Ball, l'a.d. di Alitalia, ha in tasca un biglietto per partire oggi per New York alle 14.50, con il volo Az 610. Una vacanza pianificata

    – di Gianni Dragoni

    • News24

    Unicredit

    C'è anche una società italiana nella top 5 delle aziende che hanno fatto più perdite nell'ultimo quinquennio: è Unicredit. La banca di piazza Gae Aulenti non ha avuto i problemi di Rbs con i titoli tossici così come buona parte del settore bancario italiano. I problemi però sono arrivati dopo:

1-10 di 219 risultati