Persone

Jean-Claude Juncker

Jean-Claude Juncker è nato il 9 dicembre del 1954 a Redange-sur-Attert (Lussemburgo) ed è un politico ed avvocato del Lussemburgo, Presidente della Commissione europea.

Dal 20 luglio del 1984 al 7 agosto del 1999 è stato Ministro del Lavoro e dell'Occupazione del Lussemburgo.

Tra il 14 luglio del 1989 ed il 23 luglio del 2009 è stato Ministro dell Finanze.

Dal 1° luglio del 1997 al 31 dicembre del 1997 e dal 1° gennaio del 2005 al 30 giugno dello stosso anno è stato Presidente del Consiglio europeo.

Tra il 14 luglio del 1989 ed il 23 luglio del 2009 è stato Ministro delle Finanze.

Dal 1° gennaio del 2005 al 30 aprile del 2012 è stato Presidente dell'Eurogruppo.

Dal 1° novembre del 2014 ha assunto l'incarico di Presidente della Commissione europea.

Laureatosi in Diritto all’Università di Strasburgo (Francia), Jean-Claude Juncker ha svolto la professione di avvocato fino al 1980, dopodichè si è completamente dedicato alla carriera politica.

Nel 1982, a soli 28 anni, viene nominato segretario di stato al Lavoro ed alla Sicurezza Sociale.

Nel 1984 viene eletto per la prima volta al parlamento lussemburghese.

Nominato ministro del Lavoro e ministro al Bilancio, nel 1989 Jean-Claude Juncker viene scelto per la carica di ministro delle Finanze.

Nel 1990 viene nominato presidente del Partito Popolare Cristiano Sociale, incarico che ha lasciato nel 1995, quando ha assunto la carica di Primo Ministro.

Tra il 1989 e il 1995, Juncker è stato inoltre governatore della Banca Mondiale.

E' stato insignito di numerose onorificienze sia lussemburghesi che straniere.

Jean-Claude Juncker è sposato dal 1979 con Christiane Frising, dallo loro unione sono nati due figli.

Ultimo aggiornamento 08 novembre 2016

Ultime notizie su Jean-Claude Juncker
    • News24

    Brexit, diritti dei cittadini priorità Ue

    «I negoziati saranno difficili, e difficile sarà mantenere l'unità dei Ventisette», ha detto in conferenza stampa il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker. ... Secondo il resoconto di alcuni diplomatici, lo stesso Juncker ha riferito ai leader del suo recente incontro con la premier Theresa May: questa gli è parsa indifferente alle condizioni poste dai Ventisette, confermando l'ampio fossato tra Londra e Bruxelles.

    – Beda Romano

    • News24

    Brexit, Merkel e May in rotta di collisione

    LONDRA - In rotta di collisione: la tregua è finita tra Angela Merkel e Theresa May, che si trovano su posizioni dichiaratamente contrapposte alla vigilia del vertice straordinario di domani e in vista dei negoziati su Brexit. La cancelliera tedesca ha dichiarato ieri che la Gran Bretagna non deve

    – di Nicol Degli Innocenti

    • Agora

    Veto britannico sulla revisione del bilancio UE 2014-2020 - Una mossa Brexit?

    Il Regno Unito ha messo questa settimana il veto all'attesa approvazione di una revisione di medio termine del bilancio comunitario 2014-2020. La decisione è giunta a sorpresa ed è stata giustificata dal rappresentante britannico per via delle elezioni anticipate dell'8 giugno. A ridosso del voto, il governo non avrebbe i pieni poteri per dare il suo benestare a livello europeo. Diplomatici qui a Bruxelles si sono detti sorpresi dalla decisione. L'approvazione di martedì era un atto puramente pr...

    – Beda Romano

    • News24

    Lavoro, assistenza e istruzione: ecco il «pilastro» Ue dei diritti sociali

    Venti principi fondamentali per sostenere il buon funzionamento e l'equità dei mercati del lavoro e dei sistemi di protezione sociale. La Commissione europea ha presentato oggi il «pilastro» dei diritti sociali: si tratta di un documento destinato a servire da bussola «per un nuovo processo di

    – di Francesca Milano

    • News24

    Lettera a Juncker: «Garantire uso del patto flessibile»

    Rimettere al centro delle politiche della zona euro il 'pilastro' sociale anche attraverso la riforma del patto di stabilità per «perseguire consolidamento di bilancio e crescita sostenibile rafforzando la responsabilità sui conti pubblici assicurando un grado adeguato di flessibilità per sostenere

    • News24

    Sollievo a Bruxelles e Berlino, Juncker si congratula con Macron

    BRUXELLES - Agli occhi dell'establishment comunitario, è terminato nel modo migliore, viste le circostanze di partenza, il primo turno delle presidenziali francesi. La vittoria di Emmanuel Macron è ritenuta positiva per il futuro dell'Europa. Lo sguardo corre ora al ballottaggio contro la

    – di Beda Romano

    • News24

    Pil a +1,1% e debito stabile. Juncker: «Italia è su strada risanamento»

    «Def e decreto. Conti in ordine senza nuove tasse. Governo promuove riforme, crescita e investimenti per ridurre le disuguaglianze». Così su twitter il premier Paolo Gentiloni sintetizza le misure approvate ieri pomeriggio dal Consiglio dei ministri, accolte positivamente da Bruxelles, almeno in

    • Econopoly

    La prossima recessione, il (basso?) rischio Frexit e la fine della Trumpmania

    Pubblichiamo un post di Steen Jakobsen, capo economista e CIO di Saxo Bank* - E' una vecchia verità di chi investe, che il profitto derivi principalmente da asset erroneamente valutati e illiquidità. Maggiore è l'errore di valutazione nel prezzo dell'asset, più alto sarà il rendimento atteso. E' cosa simile per la liquidità: maggior liquidità equivale a minori guadagni attesi. Nella sua teoria della riflessività, George Soros ha esaminato questo tema nel dettaglio, affermando:"Di solito, in situ...

    – Econopoly

1-10 di 1853 risultati