Persone

Jean-Michel Basquiat

Jean-Michel Basquiat (1960 – 1988) è stato un pittore e un writer statunitense. Insieme a Keith Haring è uno dei più importanti esponenti del graffitismo americano.

Nel 1976 Jean-Michel Basquiat ha studiato alla City-as-School di Manhattan, istituto per ragazzi talentuosi ma con difficoltà nelle scuole tradizionali. Nel 1977, all’età di 17 anni ha conosciuto il graffitista Al Diaz, con il quale ha iniziato l’attività di writer, tappezzando i muri di Manhattan con frasi rivoluzionarie e firmandosi Samo, acronimo di Same Old Shit. Nel 1978 Basquiat ha abbandonato gli studi e per guadagnarsi da vivere vendeva cartoline decorate. Ha conosciuto Henry Geldzahler ed Andy Warhol, che l’ha fatto entrare alla sua Factory. Nel 1980 Jean-Michel Basquiat ha debuttato al Time Square Show, retrospettiva che ha segnato la nascita di due avanguardie newyorkesi: la downtown (neopop) e la uptown (rap e graffiti). L’anno successivo ha partecipato al New York/New Wave. Insieme ad Andy Warhol e a Francesco Clemente, nel 1984 Jean-Michel Basquiat ha creato una serie di dipinti a sei mani, commissionati da Bruno Bischofberger. Nel 1985 ha fatto delle esposizioni alla Galerie Bischofberger di Zurigo, alla Mary Boone Gallery di New York e alla Akira Ikeda di Tokyo. Due anni più tardi ha presentato le due opere a New York, nella galleria di Vrej Baghoomian.

Jean-Michel Basquiat è morto nel 1988, all’età di 27 anni, a causa di un’overdose di eroina.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Jean-Michel Basquiat
    • News24

    Sotheby's: i cinesi fanno breccia nel Cda dopo accordo con l'azionista Taikang Insurance Company

    La vendita si aprirà con 25 opere della collezione Steven e Ann Ames, tra cui due monumentali capolavori astratti di Gerhard Richter stimato 20/30 milioni di dollari ciascuno, un autoritratto di Andy Warhol (Fright Wig) della serie del 1986 (stimato 20/30 milioni di dollari), e Brother's Sausage di Jean-Michel Basquiat, un fregio monumentale di sei pannelli, che presenta una stima di 15/20 milioni di dollari.

    – di Maria Adelaide Marchesoni

    • News24

    L'arte afroamericana si riprende il suo tempo

    Sembrano, dunque, passati gli anni in cui ad emergere erano solo David Hammons, il cui record in asta supera i 5,2 milioni di euro, o Jean-Michel Basquiat, di cui un disegno del 1983 andrà in asta a New York da Christie's il 16 novembre prossimo per una stima di 700.000-1 milione di dollari.

    – di Silvia Anna Barrilà e Sara Dolfi Agostini

    • News24

    Basquiat, mix unico di cultura e passioni

    Allora, negli anni 70, ancora non usava parlare di «contaminazione», parola un po' sinistra, da manuale di epidemiologia, oggi così in voga. Però fu proprio in quel decennio, dopo le deflagrazioni del Sessantotto, che si avviò ovunque la commistione tra cultura "alta" e cultura "bassa" o, come si

    – di Ada Masoero

    • News24

    Jean-Michel sulla strada dei guai

    City as School era un liceo pubblico alternativo di New York rivolto a studenti di talento (come Jean-Michel Basquiat) che avevano difficoltà a integrarsi negli istituti convenzionali. Lo si sarebbe anche potuto definire, come fece Al Diaz, compagno di classe di Jean-Michel, come una «scuola per

    – di Jeffrey Deitch

    • News24

    Tutti i colori del Nero

    Quella di Jean-Michel Basquiat è una pittura drammatica, alimentata dall'orgoglio del proprio essere nero, dall'affermazione e dalla difesa dei valori etici e morali che si possono riscontrare nella cultura degli afro-americani. L'energia e la determinazione con cui egli ha affrontato questi temi

    – di Gianni Mercurio

    • News24

    Cento opere dalla raccolta Mugrabi

    Da 28 ottobre 2016 al 26 febbraio 2017, il MUDEC, Museo delle Culture di Milano, apre le porte a uno dei protagonisti della scena artistica americana e mondiale degli anni '80, considerato uno degli artisti più noti dei nostri tempi: parliamo di Jean-Michel Basquiat (New York, 22 dicembre 1960 -

    • News24

    Hauser & Wirth conquistano il lascito di Arshile Gorky, il 15° in portafoglio

    Hauser + Wirth continua ad attrarre i lasciti d'artista, l'ultimo è quello di Arshile Gorky (1904-48) di cui avrà la rappresentanza esclusiva a livello mondiale. "Era uno dei giganti, ma un gigante silenzioso", ha dichiarato Iwan Wirth, presidente di Hauser & Wirth. Con questa operazione: "vogliamo

    – di Marilena Pirrelli

    • News24

    "Crafting the future", al Mudec l'alta artigianalità delle eccellenze italiane

    Il Mudec, Museo delle Culture aperto un anno fa in via Tortona e da allora visitato da 650mila persone, ha fatto da sfondo all'inaugurazione della settimana della moda con la mostra "Crafting the future. Storie di artigianalità e innovazione" organizzata dalla Camera Nazionale della Moda Italiana

    – di Marta Casadei

    • News24

    Al Mudec l'alta artigianalità

    Una vetrina sulle eccellenze nostrane:in testa la moda e l'artigianato, punti di forza del made in Italy all'estero.Il Mudec, Museo delle Culture aperto un anno fa in via Tortona e da allora visitato da 650mila persone, ha fatto da sfondo all'inaugurazione della settimana della moda con la mostra

    – di Marta Casadei

    • News24

    Francesco Clemente

    Nato a Napoli nel 1952, negli anni '80 ha dipinto insieme a Andy Warhol, Alighiero e Boetti e Jean-Michel Basquiat ed è stato attivo tra l'Italia, New York, e Madras in India. Nel 1980 ha partecipato alla Biennale di Venezia e dal 1981 si è trasferito definitivamente a New York. Nel 1986 ha

    – di Jenny Dogliani

1-10 di 95 risultati