Persone

Jean-Michel Basquiat

Jean-Michel Basquiat (1960 – 1988) è stato un pittore e un writer statunitense. Insieme a Keith Haring è uno dei più importanti esponenti del graffitismo americano.

Nel 1976 Jean-Michel Basquiat ha studiato alla City-as-School di Manhattan, istituto per ragazzi talentuosi ma con difficoltà nelle scuole tradizionali. Nel 1977, all’età di 17 anni ha conosciuto il graffitista Al Diaz, con il quale ha iniziato l’attività di writer, tappezzando i muri di Manhattan con frasi rivoluzionarie e firmandosi Samo, acronimo di Same Old Shit. Nel 1978 Basquiat ha abbandonato gli studi e per guadagnarsi da vivere vendeva cartoline decorate. Ha conosciuto Henry Geldzahler ed Andy Warhol, che l’ha fatto entrare alla sua Factory. Nel 1980 Jean-Michel Basquiat ha debuttato al Time Square Show, retrospettiva che ha segnato la nascita di due avanguardie newyorkesi: la downtown (neopop) e la uptown (rap e graffiti). L’anno successivo ha partecipato al New York/New Wave. Insieme ad Andy Warhol e a Francesco Clemente, nel 1984 Jean-Michel Basquiat ha creato una serie di dipinti a sei mani, commissionati da Bruno Bischofberger. Nel 1985 ha fatto delle esposizioni alla Galerie Bischofberger di Zurigo, alla Mary Boone Gallery di New York e alla Akira Ikeda di Tokyo. Due anni più tardi ha presentato le due opere a New York, nella galleria di Vrej Baghoomian.

Jean-Michel Basquiat è morto nel 1988, all’età di 27 anni, a causa di un’overdose di eroina.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Jean-Michel Basquiat
    • News24

    "Crafting the future", al Mudec l'alta artigianalità delle eccellenze italiane

    Il Mudec, Museo delle Culture aperto un anno fa in via Tortona e da allora visitato da 650mila persone, ha fatto da sfondo all'inaugurazione della settimana della moda con la mostra "Crafting the future. Storie di artigianalità e innovazione" organizzata dalla Camera Nazionale della Moda Italiana

    – di Marta Casadei

    • News24

    Al Mudec l'alta artigianalità

    Una vetrina sulle eccellenze nostrane:in testa la moda e l'artigianato, punti di forza del made in Italy all'estero.Il Mudec, Museo delle Culture aperto un anno fa in via Tortona e da allora visitato da 650mila persone, ha fatto da sfondo all'inaugurazione della settimana della moda con la mostra

    – di Marta Casadei

    • News24

    Locarno, arte e sapori in riva al lago (parte II)

    Una passeggiata nell'arteOltre al cinema e alla musica, Locarno dedica spazi ed eventi anche all'arte. Ne è un esempio l'ormai famoso "cubo rosso", sede della Fondazione Ghisla Art Collection, un edificio avvolto da una maglia metallica e circondato da un canale di acqua che, già in sé, è un'opera

    • News24

    L'Hitler di Cattelan battuto in asta per 17 milioni di dollari

    Hitler in ginocchio, devotamente immerso nella Preghiera e con gli occhi commossi: una provocatoria scultura di Maurizio Cattelan, intitolata semplicemente "Him", è stata venduta all'asta a New York per 17, 18 milioni di dollari, cifra record per l'artista padovano. L'opera, di cera e resina,

    • News24

    Il paesaggio d'anima di Jean Dubuffet

    BASILEA - "La vostra anima è uno scelto paesaggio. | incantato da maschere e da bergamasche | che suonano il liuto e danzano, quasi | tristi sotto i loro travestimenti fantastici". Così scriveva nel celeberrimi versi di Claire de Lune Paul Verlaine. Echi di poesia sinestesica che incredibilmente si

    – Stefano Biolchini

    • News24

    Il mosaico della New Wave

    Se la sera del 15 febbraio 1981, un cartomante, uno dei tanti tarot reader di New York, gli avesse predetto che trentacinque anni dopo avrebbe festeggiato in

    – Laura Leonelli

    • News24

    Keith Haring, weekend d'arte a Rotterdam

    Un Keith Haring politico. E' quello in mostra fino al 7 febbraio 2016 alla Kunsthal, museo di Rotterdam.L'esibizione, intitolata "Keith Haring. The Political Line" comprende 120 opere, ed è la prima in Olanda a trattare gli aspetti sociopolitici del suo lavoro. ...

    – di Arianna Garavaglia

    • NovaOther

    Arte di strada per la gente di strada

    Brutti, sporchi e cattivi? Gli street artist non ci stanno. Vogliono sfuggire all'etichetta di «imbratta muri», un marchio che ancora li accompagna nonostante già da decenni questa forma di espressione sia entrata di prepotenza nella storia dell'arte. I vari Keith Haring, Jean-Michel Basquiat e, più di recente, l'idolatrato Banksy, a quanto pare non sono bastati a togliere da questa forma artistica l'alone di trasgressione che fa storcere il naso a molti. Così, sono sempre di più i writers itali...

    – Maria Rosa Pavia

1-10 di 51 risultati