Persone

Jean-Luc Mélenchon

Jean-Luc Mélenchon (nato a Tangeri, 19 agosto 1951) è un politico francese, il più anziano dei candidati alle presidenziali. Mélenchon è stato escluso dal secondo turno e non andrà però al ballottaggio avendo ottenuto al primo il 19,6% dei voti.

E’ stato eletto senatore socialista già nel 1976 e nel 1988 è tra i fondatori della corrente di sinistra del PS, che lascia a fine del 2008 per creare il parti de gauche (sul modello del tedesco Die Linke) con il quale si è presentato alle presidenziali del 2012 raccogliendo l’11% dei suffragi.

Per la corsa delle presidenziali del 2017 ha creato un nuovo movimento “La France insoumise” (la Francia ribelle) sostenuto anche dal parttito comunista, con l’obiettivo di riunire tutta la sinistra radicale.

Ammiratore di Fidel Castro e Hugo Chavez e appassionato di nuove tecnologie, ha promesso durante la campagna elettorale iper tech e molto social (per moltiplicare i suoi comizi ha utilizzato degli ologrammi) “una rivoluzione dei cittadini per mettere fine alla monarchia”.

Ultimo aggiornamento 24 aprile 2017

Ultime notizie su Jean-Luc Mélenchon
    • News24

    Così Benalla indebolisce Macron. Due mozioni di sfiducia contro il governo

    Promotori i repubblicani, quindi il centrodestra - la cui mozione è stata respinta - ma anche tre partiti di sinistra fra cui la France insoumise il cui presidente Jean-Luc Mélenchon denuncia: «Questo affare non riguarda qualcosa che non funzionato ma un metodo di gestione».

    – di An.Man.

    • News24

    Le tensioni antisemite che agitano la Francia

    «Tutti, senza eccezione, sono invitati». E' toccato a Daniel Knoll, uno dei figli di Mireille Knoll, la superstite dell'Olocausto accoltellata e data alle fiamme nella sua casa in un delitto antisemita, tentare di soffocare le polemiche degli ultimi giorni e "aprire" le Marce bianche di denuncia

    – di Riccardo Sorrentino

    • News24

    Sinistra anno zero: perché ha perso il popolo e chi la sta sostituendo

    Nel bene e nel male, Matteo Renzi ha lasciato il segno due volte nella storia del Pd. Nessuno era riuscito a portare il centrosinistra così in alto e così in basso, dalla vertigine del 40% alle europee del 2014 al crollo sotto al 20% alle politiche del 4 marzo. Un'emorragia di cinque milioni di

    – di Alberto Magnani

    • News24

    Trattato dell'Eliseo, Berlino e Parigi pronte a consolidare i rapporti

    Entra nel vivo l'annunciata revisione del Trattato dell'Eliseo, il testo base della cooperazione franco-tedesca firmato il 22 gennaio del 1963 dal presidente Charles de Gaulle e dal cancelliere Konrad Adenauer. E' pronta infatti la risoluzione comune che l'Assemblea nazionale francese e il Bundestag

    – di Michele Pignatelli

    • News24

    Perché economia significa giustizia

    In piena crisi dell'euro, l'ex premier italiano Mario Monti ripeteva che parte del problema era che «per i tedeschi, l'economia è un ramo della filosofia morale». Voleva dire che anziché risolvere il problema, i tedeschi preferivano cercarne il colpevole, facendo notare che in tedesco la parola

    – di Gideon Rachman

    • News24

    Corsica, i nazionalisti salgono al 45%

    Netta affermazione dei nazionalisti in Corsica. La lista Pè a Corsica, che raggruppa gli autonomisti di Gilles Simeoni e gli indipendentisti di Jean-Guy Talamoni, ha raccolto al primo turno il 45,36% dei voti contro il 24,35% del 2015 (36% al secondo turno). Il movimento del presidente Emmanuel

    – di Riccardo Sorrentino

    • News24

    Nazionalismi europei: forza e debolezza

    Non c'è stata un'elezione recente che non abbia registrato uno slittamento anti-europeista dei sistemi politici nazionali coinvolti. Dopo la parentesi europeista francese della primavera scorsa, i partiti nazionalisti hanno registrato successi ovunque. Nelle elezioni tenute il 24 settembre in

    – di Sergio Fabbrini

    • News24

    Francia, doccia fredda per Macron al Senato: ora ha solo 28 seggi

    Una destra più forte, un presidente più debole. In Francia e In Europa. Le "Sénatoriales" francesi, le elezioni per il rinnovo parziale della seconda camera del Parlamento di Parigi, deludono il presidente Emmanuel Macron. Il voto, che ha coinvolto 76mila sindaci e consiglieri comunali, ha

    – di Riccardo Sorrentino

    • News24

1-10 di 99 risultati