House Ad
House Ad

Jamahiriya

Jamahiriya (o Jamahiriyyah) è un termine arabo genericamente tradotto con "Stato delle masse", a indicare una repubblica popolare, governata dalle masse. A coniare il termine, alcuni anni dopo aver preso il potere in Libia, fu Muammar Gheddafi, creando una sorta di sintesi tra le parole jamahir (masse) e jumhuriyya (repubblica). Più precisamente la Libia dal 1977 è chiamata, per volere del raìs, "Grande Jamahiriya Araba Libica Popolare Socialista". La politica della prima parte del Governo Gheddafi si può in realtà definire come una terza via tra comunismo e capitalismo nella quale cercò di coniugare i principi del panarabismo con quelli della socialdemocrazia. Questa terza via, nella visione di Gheddafi, avrebbe dovuto applicarsi all'intero terzo mondo; in pratica il termine si è riferito esclusivamente allo Stato libico, di cui Gheddafi è il Qaid, il leader. Sebbene il Colonnello non conservi più titoli o cariche pubbliche ha mantenuto finora quello onorifico di "Guida della grande rivoluzione di settembre della Jamahiriya libica del popolo socialista". Anche nell'ambito delle Nazioni Unite e del Movimento olimpico la Libia è conosciuta come Jamahiriya araba libica.

(Aggiornato il 24 agosto 2011 )

Ultime notizie su Jamahiriya

News24

Terzi a Tripoli, via a nuova partnership

07/11/2012 06:37

Lo era ai tempi di Gheddafi quando la pomposa Jamahiriya era un comitato di trìbù infeudate al capo che sognava un'egemonia africana.

News24

Quell'intreccio Tripoli-Piazza Affari

29/03/2012 08:16

La penetrazione finanziaria della Jamahiriya - che ha visto una impennata nel 2008 dopo il trattato di amicizia - era stata pensata per infilarsi (dopo l'esperienza Fiat-Lafico) nei gangli vitali del sistema finanziario nazionale, in chiave di interazione tra capitale e business.

News24

Il «tesoretto» sulla Roma-Tripoli

29/03/2012 08:07

La penetrazione finanziaria della Jamahiriya - che ha visto una impennata nel 2008 dopo il trattato di amicizia - era stata pensata per infilarsi (dopo l'esperienza Fiat-Lafico) nei gangli vitali del sistema finanziario nazionale, in chiave di interazione tra capitale e business.

News24

That Piazza Affari: Tripoli Tangle

29/03/2012 05:57

The Jamahiriya financial penetration, which occurred in 2008 after the friendship treaty, was devised to insert the Libyans, following the Fiat-Lafico experience, into the vital ganglia of the Italian financial system - a way of integrating capital and the business community.

News24

Libri per reinventare la Libia

05/02/2012 08:14

La Jamahiriya, lo "Stato delle masse", doveva essere una forma di socialismo ispirato all'Islam.

News24

La febbre politica infiamma Tripoli

19/01/2012 06:40

Caduto il divieto dell'epoca gheddafiana è boom di nuovi partiti - CAMMINO APPENA INIZIATO - Il premier Monti, in visita sabato, troverà un Paese in grande fermento dove però la vera democrazia rimane un concetto poco chiaro

News24

Arrestato Abdullah al Senussi, ricercato per crimini contro l'umanità

20/11/2011 08:15

Sposato con la sorella della moglie di Muammar Gheddafi e a capo dell'Organizzazione per la sicurezza esterna della Libia - i famigerati servizi segreti della Jamahiriya - Senussi in passato è stato anche indicato quale responsabile del tristemente noto massacro di Abu Salim, la prigione dove - era il 1996 - vennero assassinati oltre un migliaia di prigionieri.

News24

Epilogo feroce come la sua vita

21/10/2011 07:41

Fu anche un utopista: ma la Jamahiriya, il potere alle masse, si rivelò un fallimento.

News24

Nella trincea di Abu Salim

26/08/2011 02:00

TRIPOLI. Saltano sui loro pick-up esibendo le cartucciere, issano le loro bandiere, e urlano: «Si trova lì. Ad Abu Salim!». La voce corre di bocca in bocca. E'

News24

Quei segnali positivi del Cnt al business italiano

24/08/2011 02:00

Dopo 40 anni di dispotismo esce dal panorama maghrebino la Grande Jamahiriya libica e la "Guida" che l'aveva creata, l'ineffabile Muhammar Gheddafi, uno dei personaggi più anomali e imprevedibili che la storia ricordi.

  1. 1
  2. 2
  3. 3