Aziende

Italgas

Italgas è leader in Italia ed è uno dei principali operatori in Europa nella distribuzione del gas naturale. Vanta 180 anni di esperienza ed è la società che ha accompagnato lo sviluppo economico e sociale del Paese favorendone la crescita sostenibile.

La società è quotata nell'indice FTSE MIB della Borsa di Milano.

Fondata nel 1837 a Torino, come Compagnia di Illuminazione a Gaz per la Città di Torino, nel corso degli anni ha cambiato più volte denominazione, divenendo prima Società Italiana per il Gas e infine Italgas S.p.A.

Nel 1967 la Società passò sotto il controllo di Eni, già allora uno dei più importanti gruppi energetici al mondo. A partire dal 1970 Italgas si rese protagonista del processo di metanizzazione del Paese rafforzando notevolmente la propria presenza anche nel centro-sud.

Nel 2016, nell'ambito di un progetto di riorganizzazione industriale di Snam, Italgas viene separata e quotata in Borsa dopo 13 anni di assenza in conseguenza del delisting operato da Eni nel 2003.

Italgas detiene la partecipazione totalitaria di Italgas Reti, alla quale fanno capo le partecipazioni azionarie nelle Controllate e Collegate. Attraverso le Controllate e Collegate opera in 1.582 Comuni, gestisce una rete che si estende complessivamente per circa 65.000 chilometri con 7,4 milioni di utenze servite.

Le principali partecipazioni azionarie, per numero di utenze servite, riguardano le società Napoletanagas (99,69%), ACAM Gas (100%), Toscana Energia (48%), Metano S. Angelo Lodigiano (50%) e Umbria Distribuzione Gas (45%).

Al 31 dicembre 2016 i ricavi totali della società ammontavano a 1.079 milioni di euro, mentre gli utili netti erano pari a 221 milioni di euro.

Presidente di Italgas è Lorenzo Bini Smaghi, mentre amministratore delegato è Paolo Gallo, la sede principale della società è a Milano, in via Carlo Bo n. 11.

Ultimo aggiornamento 07 aprile 2017

Ultime notizie su Italgas
    • News24

    Wall Street in rosso sgonfia le Borse sul finale. A Milano giù Tim e Azimut

    Le Borse europee frenano sul finale e, complice il calo di Wall Street, passano all'incasso dopo una settimana in cui Piazza Affari è risalita dell'1,5% e lo Stoxx600 dell'1% circa. Il rallentamento degli acquisti sul settore auto e le vendite su tecnologici e farmaceutici hanno riportato gli

    – di C. Di Cristofaro e A. Fontana

    • News24

    I mille volti della Cdp / La separazione di Italgas da Snam

    Il vantaggio è stato duplice: per Snam che, liberandosi dell'attività no core della distribuzione, ha potuto rifocalizzarsi sulla sua mission (il trasporto del metano), e per Italgas che, staccandosi dalla sua controllante, ha gettato le basi, a valle del ritorno in Borsa, per la futura crescita.

    • News24

    Europa guardinga sui dazi. Milano chiude positiva in scia a Wall Street

    Prima seduta settimanale guardinga per le Borse europee: nonostante la chiara risalita di Wall Street, dopo il tonfo di venerdì sera, il botta e risposta a colpi di dazi Usa-Cina consiglia cautela agli investitori e a questo si aggiunge il rafforzamento dell'euro/dollaro sopra 1,23 in attesa

    – di E. Micheli e A.Fontana

    • News24

    Wall Street affonda sul timore di una guerra commerciale Usa-Cina. Exploit Tim a Milano

    La «possibilità di una guerra commerciale» tra Usa e Cina - evocata per la prima volta esplicitamente dal segretario americano al Tesoro, Steven Mnuchin - ha mandato in tilt gli investitori. Gli indici a Wall Street hanno ampliato ulteriormente le perdite toccando nuovi minimi intraday. Questo

    – di C. Di Cristofaro e A. Fontana

    • News24

    Tecnologici ko in Borsa. A Wall Street affondano Amazon e Tesla

    La revisione al rialzo del pil Usa del quarto trimestre 2017 (+2,9% la lettura finale) non scalda le Borse frenate ancora dall'ondata di vendite sui titoli tecnologici, con il settore che in Europa cede un altro 2%. Grazie alle utility Milano dà un colpo di reni nel finale e chiude a +0,55%. In

    – di Cheo Condina

    • News24

    Francoforte ko su timori dazi e super euro. A Milano male Mediaset e Tim

    Il ko della Borsa di Francoforte -secondo alcuni operatori innescato sia dalla forte risalita dell'euro/dollaro a 1,24 sia dall'arrivo di Mike Pompeo alla Segreteria di Stato Usa che aumenterebbe i timori di guerre commerciali tra gli Stati Uniti e altri Paesi - ha dato il la nel pomeriggio alla

    – di E. Micheli e A.Fontana

    • News24

    Maxi riassetto nell'energia, scambio di asset tra le tedesche E.On e Rwe

    Settore energetico in fermento in Europa (anche in Borsa) dopo l'annuncio del maxi riassetto in Germania, che coinvolge le due principali utility del Paese, ovveroE.On e Rwe. Entrambe, a completamento di un percorso dettato dalle strategie nazionali post incidente nucleare di Fukushima (nel 2011 il

    – di Cheo Condina

    • News24

    Il risiko energetico accende Francoforte. A Milano corre Italgas

    Inizio di settimana contrastato per i listini europei, che appaiono timidi dopo i dati solidi sull'occupazione statunitense (diffusi venerdì) e i record della scorsa settimana sul Nasdaq e le Borse asiatiche. Il risiko energetico ha premiato la Borsa di Francoforte, oggi la regina d'Europa, spinta

    – di A. Fontana ed E. Miele

    • News24

    Borse deboli, Milano nella settimana post voto guadagna quasi il 4%

    Nel giorno della pubblicazione del rapporto sul mercato del lavoro Usa di febbraio, con un balzo della creazione dei nuovi posti, le Borse europee si sono mosse timidamente pur chiudendo tutte in positivo ad eccezione di Francoforte, mentre Wall Street sta reagendo con rialzi superiori all'1%.

    – di S. Arcudi e A.Fontana

1-10 di 246 risultati