Aziende

Italcementi

Italcementi è un'importante azienda attiva nel settore dei materiali da costruzione.

Italcementi nasce nel 1864 come Società Bergamasca per la Fabbricazione del Cemento e della Calce Idraulica; assume l’attuale nome solo nel 1927 contestualmente alla quotazione in borsa (delistata il 12 ottobre 2016).

Negli anni Italcementi diventa la principale azienda italiana nel settore delle costruzioni, e comincia ad espandersi all’estero. Nel 1992 acquisisce Ciments Français, operazione che in un solo colpo triplica il fatturato e lancia Italcementi sul mercato mondiale. Grazie all’acquisizione infatti entra in nuovi mercati, diminuendo il peso percentuale del mercato italiano sul fatturato.

La struttura industriale italiana per la produzione del cemento è formata da 6 cementerie a ciclo completo, 1 impianto per i prodotti speciali e 8 centri di macinazione. La rete industriale vanta anche una presenza rilevante nel settore del calcestruzzo, con 124 impianti per la produzione del calcestruzzo e 17 cave per gli aggregati.

A ottobre del 2016 Heidelbergcement ha chiuso un’Opa lanciata sulla storica azienda di Bergamo. A seguito dell’operazione da 2 miliardi di euro il gruppo tedesco possiede il 96,356% del capitale. Heidelbergcement è il principale player mondiale di materiali da costruzione, con un fatturato pro-forma 2015 di circa 17,8 miliardi di euro, realizzato in oltre 60 Paesi presenti in 5 continenti, con oltre 62.000 dipendenti in più di 3.000 siti produttivi.

Dall'integrazione tra dei due gruppi la rinnovata società si trova al primo posto nel mondo nel settore degli aggregati (275 milioni di tonnellate di vendite), al secondo nel cemento (capacità produttiva di circa 200 milioni di tonnellate) e al terzo nel calcestruzzo (vendite pari a 49 milioni di metri cubi).

Ultimo aggiornamento 10 aprile 2017

Ultime notizie su Italcementi
    • News24

    Riparte il lavoro di Cementir a Taranto: gli scarti dell'Ilva non sono inquinati

    La loppa di provenienza Ilva usata dalla Cementir a Taranto non è inquinata. E' quindi revocato il sequestro disposto dal giudice delle indagini preliminari di Lecce, lo stabilimento riprende la produzione dopo due mesi di fermata e i 72 addetti, colpiti da un provvedimento di licenziamento

    – di Domenico Palmiotti

    • News24

    Dirsi addio (in azienda) costa sempre più caro

    Dirsi addio non è mai stato facile in nessun contesto, ma questi sembrano i tempi in cui canticchiare in azienda quella celebre canzone che nel 1968 è uscita dal repertorio di Caterina Caselli, Insieme a te non ci sto più, costi molto caro. Sempre più caro. Cominciamo dai giorni nostri. Il giovane

    – di Cristina Casadei

    • News24

    A Bergamo l'immobiliare cresce grazie allo sport

    E se la riorganizzazione delle aree sportive fosse anche un driver per la riqualificazione e lo sviluppo urbano? Ci prova il comune di Bergamo che mettendo a sistema alcune operazioni, sta ridisegnando il volto della città, anche con il sostegno degli imprenditori privati. «Dopo la realizzazione

    – di Paola Pierotti

    • News24

    Seduta incolore in attesa della Fed. A Milano giù Atlantia

    Seduta fiacca per le Borse europee in attesa del verdetto della Fed, che non ha mosso i tassi d'interesse americani ma ha dettato le linee guida per un cambio di registro nella politica monetaria. Con Wall Street attorno alla parità, Milano chiude in ribasso dello 0,31% mentre Madrid paga dazio per

    – di Cheo Condina

    • News24

    Cementir vende a Italcementi (HeidelbergCement) gli asset italiani

    Cementir cede tutte le attività italiane a Italcementi (gruppo HeidelbergCement) per 315 milioni. L'annuncio, a sorpresa, della società che fa parte del gruppo Caltagirone spiega che la vendita riguarda il 100% di Cementir Italia incluse le controllate Cementir Sacci e Betontir. «A seguito di

    – di Gerardo Graziola

    • News24

    Un patto «ingabbia» il Dragone

    Un buon accordo fra soci. Che conferma la cifra storica italiana anche della nuova Pirelli.

    – di Paolo Bricco

    • News24

    Europa paga le tensioni Usa-Pyongyang, Milano chiude a -0,9%

    Le tensioni geopolitiche internazionali innescate dalla querelle Usa-Corea del Nord e l'attacco a sei militari francesi alle porte di Parigi hanno fatto scattare le vendite sui listini continentali. Dopo la debolezza di Tokyo e delle Piazze asiatiche, anche il Vecchio Continente ha chiuso con il

    – di A. Fontana e F. Carletti

    • News24

    Impresa piccola, Paese debole

    E, adesso, che tutto sta cambiando alla velocità della luce? Noi, che facciamo?

    – di Paolo Bricco

    • Info Data

    Per dimensioni e redditività la grande industria italiana perde il confronto con l'Europa

    Da sola, la Volkswagen fattura il doppio rispetto al giro d'affari (84 miliardi di euro) cumulato dei primi 10 gruppi della manifattura italiani. Ampliando il confronto, i ricavi della "Top ten" italiana sono meno di un decimo rispetto ai Top 10 tedeschi (767 miliardi), un quarto di quelli francesi (327), metà dei britannici (180). I Top 10 italiani pesano per il 5% sul Pil, il 15% in Francia, il 24% in Germania. Sono numeri che colpiscono quelli emersi dalla 42esima edizione dell'Annuario R&S...

    – Infodata

1-10 di 602 risultati