Aziende

Italcementi

Italcementi è un'importante azienda attiva nel settore dei materiali da costruzione.

Italcementi nasce nel 1864 come Società Bergamasca per la Fabbricazione del Cemento e della Calce Idraulica; assume l’attuale nome solo nel 1927 contestualmente alla quotazione in borsa (delistata il 12 ottobre 2016).

Negli anni Italcementi diventa la principale azienda italiana nel settore delle costruzioni, e comincia ad espandersi all’estero. Nel 1992 acquisisce Ciments Français, operazione che in un solo colpo triplica il fatturato e lancia Italcementi sul mercato mondiale. Grazie all’acquisizione infatti entra in nuovi mercati, diminuendo il peso percentuale del mercato italiano sul fatturato.

La struttura industriale italiana per la produzione del cemento è formata da 6 cementerie a ciclo completo, 1 impianto per i prodotti speciali e 8 centri di macinazione. La rete industriale vanta anche una presenza rilevante nel settore del calcestruzzo, con 124 impianti per la produzione del calcestruzzo e 17 cave per gli aggregati.

A ottobre del 2016 Heidelbergcement ha chiuso un’Opa lanciata sulla storica azienda di Bergamo. A seguito dell’operazione da 2 miliardi di euro il gruppo tedesco possiede il 96,356% del capitale. Heidelbergcement è il principale player mondiale di materiali da costruzione, con un fatturato pro-forma 2015 di circa 17,8 miliardi di euro, realizzato in oltre 60 Paesi presenti in 5 continenti, con oltre 62.000 dipendenti in più di 3.000 siti produttivi.

Dall'integrazione tra dei due gruppi la rinnovata società si trova al primo posto nel mondo nel settore degli aggregati (275 milioni di tonnellate di vendite), al secondo nel cemento (capacità produttiva di circa 200 milioni di tonnellate) e al terzo nel calcestruzzo (vendite pari a 49 milioni di metri cubi).

Ultimo aggiornamento 10 aprile 2017

Ultime notizie su Italcementi
    • News24

    «Essere italiani a volte ha un costo»

    Ingegneri. Italiani. Non una contraddizione in termini. E neppure una scheggia della memoria novecentesca, da maneggiare con nostalgica cautela. Piuttosto, la nuova forma dell'immaterialità della manifattura. La sua eredità non archiviata dalla Storia, ma rinnovata nella componente più tecnologica.

    – di Paolo Bricco

    • News24

    Buzzi in luce, effetto chiusura deal Cementir-Italcementi

    Ben intonati i titoli del settore del cemento a Piazza Affari, all'indomani dell'annuncio della chiusura del deal Cementir-Italcementi. In particolare, in una seduta incerta, si muovono bene le Buzzi Unicem.

    – di Chiara Di Cristofaro

    • News24

    Milano rialza la testa sul finale (+0,27%) con galassia Agnelli

    Chiusura positiva per le Borse europee (segui qui i principali indici) incoraggiate dalla performance di Wall Street (segui qui gli indici Usa), dove il Nasdaq ha aggiornato nuovi massimi. Anche i dati macro sono risultati incoraggianti: se ieri era emerso che l'attività manifatturiera del Vecchio

    – di Eleonora Micheli

    • News24

    Euro verso 1,21 dollari frena le Borse. Milano tiene con Unipol e Fca

    La corsa dell'euro/dollaro, che ha sfiorato in giornata quota 1,21 toccando i massimi da quattro mesi, ha condizionato la prima seduta del 2018 dei listini azionari europei che solo nella seconda parte della seduta con la vivacità di Wall Street (segui qui l'andamento delle Borse Usa) e gli

    – di E. Micheli e A.Fontana

    • News24

    La napoletana Tecno assume 120 persone. Ecco tutti i profili cercati

    Capodanno ha un feeling speciale con la città di Napoli. E, ai piedi del Vesuvio, porta spesso buone notizie. Quello del 2018, per esempio, arriva con prospettive occupazionali per 120 figure professionali, con competenze che spazino dal digitale alla finanza. Merito di «Talents», il programma con

    – di Francesco Prisco

    • News24

    Leonardo Del Vecchio entra nel cda dello Ieo con il 18,5% del capitale

    Leonardo Del Vecchio, il presidente e creatore di Luxottica, è entrato nel consiglio di amministrazione dello Ieo, l'istituto europeo dei tumori fondato da Umberto Veronesi, dopo che ne è diventato socio con una quota di circa il 18,5% del capitale, esattamente il 18,46 per cento. Del Vecchio è

    – di Flavia Carletti

    • News24

    Riparte il lavoro di Cementir a Taranto: gli scarti dell'Ilva non sono inquinati

    La loppa di provenienza Ilva usata dalla Cementir a Taranto non è inquinata. E' quindi revocato il sequestro disposto dal giudice delle indagini preliminari di Lecce, lo stabilimento riprende la produzione dopo due mesi di fermata e i 72 addetti, colpiti da un provvedimento di licenziamento

    – di Domenico Palmiotti

    • News24

    Dirsi addio (in azienda) costa sempre più caro

    Dirsi addio non è mai stato facile in nessun contesto, ma questi sembrano i tempi in cui canticchiare in azienda quella celebre canzone che nel 1968 è uscita dal repertorio di Caterina Caselli, Insieme a te non ci sto più, costi molto caro. Sempre più caro. Cominciamo dai giorni nostri. Il giovane

    – di Cristina Casadei

    • News24

    A Bergamo l'immobiliare cresce grazie allo sport

    E se la riorganizzazione delle aree sportive fosse anche un driver per la riqualificazione e lo sviluppo urbano? Ci prova il comune di Bergamo che mettendo a sistema alcune operazioni, sta ridisegnando il volto della città, anche con il sostegno degli imprenditori privati. «Dopo la realizzazione

    – di Paola Pierotti

1-10 di 609 risultati