Persone

Indro Montanelli

Indro Montanelli è stato un giornalista, da molti considerato il più grande giornalista italiano di sempre. Iniziò la sua carriera sotto il regime fascista, in principio aderendovi ma distanziandosene poco dopo. L'allontanamento dal partito fascista gli costò notevoli difficoltà, tra cui il dover lavorare per un certo periodo all'estero. Durante il regime e poi durante la guerra fu inviato in diversi paesi d'Europa, raccontando diversi fronti della guerra. Ebbe anche un'esperienza negli Stati Uniti che lo influenzò profondamente, portandolo ad adottare uno stile semplice che potesse essere compreso anche dal “lattaio dell'Ohio”. Sul finire della guerra Montanelli passò alla resistenza, fu imprigionato e condannato a morte ma si salvò grazie all'intercessione del cardinale di Milano.

Dopo la guerra inizialmente non poté lavorare al Corriere della Sera per i suoi trascorsi fascisti, ma poi iniziò una collaborazione che continuò fino al 1973. Proprio in quell'anno la proprietà aveva optato per una svolta politica del giornale, con cui Montanelli non era d'accordo e che lo portò a dimettersi. Fino al 1974 collaborò con la Stampa per poi fondare il Giornale. Pochi anni dopo nella compagine societaria del Giornale entròSilvioBerlusconi, consentendo con i propri capitali di proseguire l'attività. La coesistenza tra Berlusconi e Montanelli proseguì senza problemi fino al 1994, anno della discesa in politica di Berlusconi, che chiese al giornale di appoggiarlo. In disaccordo, Montanelli lasciò. Fondò quindi la Voce, in onore di Giuseppe Prezzolini, che però ebbe vita breve, e tornò, quindi, al Corriere della Sera dove lavorò fino alla sua morte. Fu sempre un personaggio integerrimo, tanto da rifiutare la nomina a senatore a vita, affermando che per un giornalista è necessario tenersi a distanza di sicurezza dal potere.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Indro Montanelli
    • News24

    Giornalismo, è morto Enzo Bettiza

    Giornalismo in lutto per la morte di Enzo Bettiza. Lo rende noto La Stampa, di cui era editorialista e commentatore politico. Aveva 90 anni. Figlio di una ricca famiglia appartenente alla minoranza italiana di Spalato, da giovane Bettiza aderì brevemente al Partito comunista italiano, da cui si

    • News24

    Giovanna Furlanetto: cerco di guardare oltre il presente

    Ore sugli aerei e periodi lontani dall'Italia Giovanna Furlanetto, presidente di Furla, ne ha trascorsi tanti. Si è invaghita di molti luoghi e Paesi e ha studiato e continua ad approfondire abitudini e culture diverse dalla nostra. Osserva con curiosità le generazioni più giovani e allo stesso

    – di Giulia Crivelli

    • News24

    Casalegno, strategia della fermezza

    Tra pochi mesi saranno passati quarant'anni, più dell'intera vita di Giacomo Leopardi. Da allora la geopolitica e la tecnologia hanno trasformato il mondo intero e la nostra vita. Nel 1977 il mondo era bipolare, i Vietcong avevano vinto da poco la guerra del Vietnam, non esisteva un terrorismo di

    – di Andrea Casalegno

    • News24

    Casalegno, strategia della fermezza

    Tra pochi mesi saranno passati quarant'anni, più dell'intera vita di Giacomo Leopardi. Da allora la geopolitica e la tecnologia hanno trasformato il mondo intero e la nostra vita. Nel 1977 il mondo era bipolare, i Vietcong avevano vinto da poco la guerra del Vietnam, non esisteva un terrorismo di

    – Andrea Casalegno

    • News24

    In viaggio con Ezra Pound

    Sembra incredibile, ma nell'era digitale c'è ancora qualcuno che stampa libri a tiratura limitata su carta non acida, riservandone magari dieci copie per un intervento d'artista. Eppure De Piante Editore fa proprio questo. Trecento esemplari per la gioia dei collezionisti. O libridinosi, che dir si

    – di Armando Torno

    • News24

    Week end green/ Con Orticola i fiori più belli invadono Milano

    Dal 5 al 7 maggio a Milano tutto parla di fiori. Torna Orticola, la più importante vetrina per il vivaismo di ricerca italiano, un percorso verde alla scoperta di giovani talenti e delle piante stranissime dalle mille proprietà ma anche delle associazioni di botanici, un appuntamento imperdibile

    • News24

    L'anno del «perfido» Gobetti

    Ma questo «carteggio 1923» è un libro di Piero Gobetti oppure di Ersilia Alessandrone Perona, la curatrice, amorevole investigatrice di archivi gobettiani e già artefice del precedente «carteggio 1918-22»? In fondo, neppure l'attuale tomo (579 lettere complessive) avrebbe senso, orbato dei suoi

    – di Raffaele Liucci

    • News24

    Ottone, il direttore che aprì il Corriere all'Italia inquieta

    L'anno decisivo nella vita del genovese Piero Ottone fu il 1948, quando - ventiquattrenne - salì su un treno per raggiungere Londra, corrispondente della "Gazzetta del Popolo": «Mi lasciavo alle spalle un Paese mezzo industriale, mezzo contadino e piuttosto provinciale. Ventiquattro ore più tardi

    – di Raffaele Liucci

    • News24

    Addio a Piero Ottone, ex direttore del Secolo XIX e del Corriere della Sera

    Addio a Piero Ottone, decano del giornalismo, ex direttore del Corriere della Sera e editorialista di Repubblica, scomparso a 92 anni. Ottone si è spento per cause naturali nella sua villa sul mare a Camogli dove risiedeva da tempo. L'ex direttore del Secolo XIX e del Corriere della Sera era un

    • News24

    Quando a Roma nacque l'Europa: come eravamo quel 25 marzo 1957

    Chi è stato sui banchi della scuola elementare a cavallo degli anni '50 e '60 del secolo scorso ha sentito parlare del "Mercato comune" e della "Piccola Europa", perché c'era una paginetta con la cartina sul sussidiario. Il 25 marzo 1957, giorno della firma a Roma dei Trattati istitutivi della Cee

    – di Piero Fornara

1-10 di 177 risultati