Persone

Indro Montanelli

Indro Montanelli è stato un giornalista, da molti considerato il più grande giornalista italiano di sempre. Iniziò la sua carriera sotto il regime fascista, in principio aderendovi ma distanziandosene poco dopo. L'allontanamento dal partito fascista gli costò notevoli difficoltà, tra cui il dover lavorare per un certo periodo all'estero. Durante il regime e poi durante la guerra fu inviato in diversi paesi d'Europa, raccontando diversi fronti della guerra. Ebbe anche un'esperienza negli Stati Uniti che lo influenzò profondamente, portandolo ad adottare uno stile semplice che potesse essere compreso anche dal “lattaio dell'Ohio”. Sul finire della guerra Montanelli passò alla resistenza, fu imprigionato e condannato a morte ma si salvò grazie all'intercessione del cardinale di Milano.

Dopo la guerra inizialmente non poté lavorare al Corriere della Sera per i suoi trascorsi fascisti, ma poi iniziò una collaborazione che continuò fino al 1973. Proprio in quell'anno la proprietà aveva optato per una svolta politica del giornale, con cui Montanelli non era d'accordo e che lo portò a dimettersi. Fino al 1974 collaborò con la Stampa per poi fondare il Giornale. Pochi anni dopo nella compagine societaria del Giornale entròSilvioBerlusconi, consentendo con i propri capitali di proseguire l'attività. La coesistenza tra Berlusconi e Montanelli proseguì senza problemi fino al 1994, anno della discesa in politica di Berlusconi, che chiese al giornale di appoggiarlo. In disaccordo, Montanelli lasciò. Fondò quindi la Voce, in onore di Giuseppe Prezzolini, che però ebbe vita breve, e tornò, quindi, al Corriere della Sera dove lavorò fino alla sua morte. Fu sempre un personaggio integerrimo, tanto da rifiutare la nomina a senatore a vita, affermando che per un giornalista è necessario tenersi a distanza di sicurezza dal potere.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Indro Montanelli
    • News24

    Le «navi bianche», quando i profughi dall'Africa erano italiani

    «Donne smunte, lacerate accaldate, affrante dalle fatiche, scosse dalle emozioni? Bimbi sparuti che le lunghe privazioni e l'ardore del clima hanno immiserito e stremato fino al limite». Si presentavano così i coloni dell'ormai "ex Impero" agli occhi di Zeno Garroni, regio commissario della

    – di Riccardo Ferrazza

    • Agora

    La sala riunioni volutamente scomoda firmata Diesel (e una raccolta di idee su come ridurre le perdite di tempo in azienda)

    "Le migliori decisioni che abbia mai preso sono state rapide" Parola che rissumono la filosofia del fondatore di Diesel, frutto anche della sua esperienza diretta: ecco perchè proprio Diesel lancia "The Capsule", il prototipo di una nuova (e volutamente scomoda) sala riunioni, progettata per ridurre al minimo la durata delle riunioni nelle aziende. Secondo il The Guardian, infatti, sono circa 9mila le ore che un impiegato trascorre in media in meeting durante tutta la sua carriera: circa la met...

    – Barbara Ganz

    • News24

    La politica merita professionisti veri

    Esiste una politica come professione? E quali sono le sue tecniche? Nel senso spregiudicato si dice «far politica per professione»: da questo punto di vista il professionismo è guardato come la peste.

    – di Enrico De Mita

    • News24

    Progetto Seimilano: a Bisceglie nuove residenze, uffici e negozi

    Cambia nome da Park West a Seimilano il progetto di rigenerazione urbana che Borio Mangiarotti e Varde realizzeranno in zona Bisceglie.La joint venture tra il gruppo italiano e il fondo di private equity americano prevede un investimento di oltre 250 milioni di euro. Il complesso immobiliare

    – di Paola Dezza

    • News24

    Gorby, il marziano della perestroika

    Non era facile entrare nell'edificio piuttosto lugubre al numero 4 di Staraya Ploshchad. Ancor meno lo era per i giornalisti occidentali accreditati in Unione Sovietica, ad eccezione di Giulietto Chiesa, allora corrispondente dell'Unità: per Michail Gorbaciov, Giulietto era il portavoce a Mosca

    – di Ugo Tramballi

    • News24

    Perchè scatta quel click facile che rischia di tradirci

    L'indubbio merito del digitale e dei social media in particolare è di aver dato a tutti la possibilità di pubblicare le proprie opinioni. Il che non trasforma tutti in Indro Montanelli, giusto per fare un esempio di giornalismo, e nemmeno tutti coloro che esprimono un'opinione in influencer. Si

    – di Marco lo Conte

    • News24

    Quando i giornalisti erano letterati

    Sino a qualche decennio fa i giornalisti erano considerati dei letterati e nessuno si meravigliava quando venivano chiamati a ricoprire incarichi politici. L'accademia non li considerava scrittori dilettanti, come fa oggi; certo, continua a chiederne i favori, ma desidera non confondersi o

    – di Armando Torno

1-10 di 190 risultati