Persone

Indro Montanelli

Indro Montanelli è stato un giornalista, da molti considerato il più grande giornalista italiano di sempre. Iniziò la sua carriera sotto il regime fascista, in principio aderendovi ma distanziandosene poco dopo. L'allontanamento dal partito fascista gli costò notevoli difficoltà, tra cui il dover lavorare per un certo periodo all'estero. Durante il regime e poi durante la guerra fu inviato in diversi paesi d'Europa, raccontando diversi fronti della guerra. Ebbe anche un'esperienza negli Stati Uniti che lo influenzò profondamente, portandolo ad adottare uno stile semplice che potesse essere compreso anche dal “lattaio dell'Ohio”. Sul finire della guerra Montanelli passò alla resistenza, fu imprigionato e condannato a morte ma si salvò grazie all'intercessione del cardinale di Milano.

Dopo la guerra inizialmente non poté lavorare al Corriere della Sera per i suoi trascorsi fascisti, ma poi iniziò una collaborazione che continuò fino al 1973. Proprio in quell'anno la proprietà aveva optato per una svolta politica del giornale, con cui Montanelli non era d'accordo e che lo portò a dimettersi. Fino al 1974 collaborò con la Stampa per poi fondare il Giornale. Pochi anni dopo nella compagine societaria del Giornale entròSilvioBerlusconi, consentendo con i propri capitali di proseguire l'attività. La coesistenza tra Berlusconi e Montanelli proseguì senza problemi fino al 1994, anno della discesa in politica di Berlusconi, che chiese al giornale di appoggiarlo. In disaccordo, Montanelli lasciò. Fondò quindi la Voce, in onore di Giuseppe Prezzolini, che però ebbe vita breve, e tornò, quindi, al Corriere della Sera dove lavorò fino alla sua morte. Fu sempre un personaggio integerrimo, tanto da rifiutare la nomina a senatore a vita, affermando che per un giornalista è necessario tenersi a distanza di sicurezza dal potere.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Indro Montanelli
    • News24

    Gorby, il marziano della perestroika

    Non era facile entrare nell'edificio piuttosto lugubre al numero 4 di Staraya Ploshchad. Ancor meno lo era per i giornalisti occidentali accreditati in Unione Sovietica, ad eccezione di Giulietto Chiesa, allora corrispondente dell'Unità: per Michail Gorbaciov, Giulietto era il portavoce a Mosca

    – di Ugo Tramballi

    • News24

    Perchè scatta quel click facile che rischia di tradirci

    L'indubbio merito del digitale e dei social media in particolare è di aver dato a tutti la possibilità di pubblicare le proprie opinioni. Il che non trasforma tutti in Indro Montanelli, giusto per fare un esempio di giornalismo, e nemmeno tutti coloro che esprimono un'opinione in influencer. Si

    – di Marco lo Conte

    • News24

    Quando i giornalisti erano letterati

    Sino a qualche decennio fa i giornalisti erano considerati dei letterati e nessuno si meravigliava quando venivano chiamati a ricoprire incarichi politici. L'accademia non li considerava scrittori dilettanti, come fa oggi; certo, continua a chiederne i favori, ma desidera non confondersi o

    – di Armando Torno

    • News24

    Alla scoperta di Lucca, la città fortificata che attrae i grandi eventi

    I Rolling Stones l'hanno scelta, a sorpresa, come unica tappa italiana del loro tour, il 23 settembre scorso. E' così che tanti appassionati del gruppo rock, attratti dal concerto dell'anno, hanno scoperto - o riscoperto - Lucca e le sue mura storiche, le sue chiese, le sue piazze e la sua maestosa

    – di Silvia Pieraccini

    • News24

    Renzo Piano festeggia gli 80 anni in «bottega»

    Rue des Archives, a Parigi, taglia il cuore del Marais da rue de Rivoli a rue de Bretagne . Al numero 34, in un vecchio palazzo ristrutturato, ha sede lo studio francese di Renzo Piano che il 14 settembre vi festeggerà il suo 80mo compleanno. Se è vero che l'atelier di un artista ne riflette la

    – di Fulvio Irace

    • NovaCento

    IL PREMIO SATIRA POLITICA 2017, SABATO PROSSIMO ALLA CAPANNINA!

    Con ospiti come Fiorello, Ficarra e Picone, Liza Donnelly - cartoonist del "New Yorker" - (sue sono le deliziose vignette di questo post, grazie, Liza!) e poi il giornale satirico francese Le Canard Enchaîné, il creatore di Le più Belle Frasi di Osho, i fotomontaggi satirici dell'Istituto LUPE, il fenomeno Umarells e tanti altri, presentati da Serena Dandini, a La Capannina di Franceschi di Forte dei Marmi il prossimo 16 settembre - ore 17.30, pomeriggio di un assolato giorno marinaro 8ha pro...

    – Luca Boschi

    • News24

    Giornalismo, è morto Enzo Bettiza

    Giornalismo in lutto per la morte di Enzo Bettiza. Lo rende noto La Stampa, di cui era editorialista e commentatore politico. Aveva 90 anni. Figlio di una ricca famiglia appartenente alla minoranza italiana di Spalato, da giovane Bettiza aderì brevemente al Partito comunista italiano, da cui si

    • News24

    Giovanna Furlanetto: cerco di guardare oltre il presente

    Ore sugli aerei e periodi lontani dall'Italia Giovanna Furlanetto, presidente di Furla, ne ha trascorsi tanti. Si è invaghita di molti luoghi e Paesi e ha studiato e continua ad approfondire abitudini e culture diverse dalla nostra. Osserva con curiosità le generazioni più giovani e allo stesso

    – di Giulia Crivelli

    • News24

    Casalegno, strategia della fermezza

    Tra pochi mesi saranno passati quarant'anni, più dell'intera vita di Giacomo Leopardi. Da allora la geopolitica e la tecnologia hanno trasformato il mondo intero e la nostra vita. Nel 1977 il mondo era bipolare, i Vietcong avevano vinto da poco la guerra del Vietnam, non esisteva un terrorismo di

    – di Andrea Casalegno

1-10 di 184 risultati