Persone

Ignazio Visco

Ignazio Visco è nato il 21 novembre del 1949 a Napoli ed è un economista italiano. Governatore della Banca d'Italia dal 1° novembre 2011 e riconfermato per un secondo mandato il 27 ottobre 2017.

In quanto Governatore della Banca d'Italia, è anche Presidente del Direttorio integrato dell'Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni (IVASS), membro del Consiglio direttivo e del Consiglio generale della Banca centrale europea (BCE), del Consiglio generale del Comitato europeo per il rischio sistemico (CERS), del Consiglio di amministrazione della Banca dei regolamenti internazionali (BRI), del Comitato direttivo del Financial Stability Board (FSB), dei Consigli dei governatori della Banca Mondiale, della Banca asiatica di sviluppo (ADB), del Fondo monetario internazionale (FMI) e della Banca interamericana di Sviluppo (IADB); partecipa alle riunioni finanziarie del G7, del G10 e del G20.

Laureatosi nel 1971 in Economia e Commercio alla Sapienza di Roma con il massimo dei voti, viene assunto l’anno successivo in Banca d’Italia ed inviato alla University of Pennsylvania per completare gli studi qui consegue un Master of Arts (1974) e un Ph.D. in Economics (1981).

Tornato in Italia nel 1974, è assegnato al Servizio Studi, di cui diviene Capo nel 1990. Coordina il Gruppo di lavoro per la costruzione del Modello trimestrale dell'economia italiana (1983-86), partecipa allo studio e alla definizione di interventi di politica monetaria e del cambio, rappresenta l'Istituto e ricopre incarichi in organismi nazionali (tra i quali, Istat, CNEL, CNR e Presidenza del Consiglio dei Ministri) e internazionali (OCSE, UE, BRI).

Dal 1997 al 2002 è chief economist e direttore del dipartimento economico dell'Ocse.

Autore di diverse pubblicazioni,è stato co-direttore della rivista Politica economica, membro del Gruppo consultivo per il settore economia della Società Editrice "Il Mulino", del Comitato consultivo della Scuola Normale Superiore di Pisa, del Comitato scientifico della Scuola Superiore di Economia (SSE) di Venezia e presidente del Consiglio scientifico dell'International Center for Monetary and Banking Studies di Ginevra.

E' membro della Società Italiana degli Economisti, della Società Italiana di Statistica, dell'American Economic Association, del Consiglio italiano per le Scienze Sociali e dell'Associazione "Il Mulino".

Ha ricevuto diverse onorificenze: Cavaliere dell'Ordine al merito della Repubblica italiana (2 giugno 1991), Ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica italiana (27 dicembre 1993), Commendatore dell'Ordine al merito della Repubblica italiana (2 giugno 2002), Grande ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica italiana (2 giugno 2007) e Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana (25 ottobre 2011).

Ignazio Visco è sposato ed è padre di tre figlie.

Ultimo aggiornamento 27 ottobre 2017

Ultime notizie su Ignazio Visco
    • News24

    I giochi per la Yalta del sistema finanziario

    L'Italia rischia di perdere la propria sovranità sul debito pubblico prima che l'Europa accetti la mutualizzazione dei debiti nazionali con il varo di qualche forma di Eurobond? La spinta in questa direzione arriva dal Nord Europa. Ma ha trovato ampia eco anche nel recente documento degli

    – di Alessandro Graziani

    • News24

    Le sfide della finanza e il «convitato di pietra» delle elezioni del 4 marzo

    Si avvertiva la presenza di un convitato di pietra nel corso del 24esimo congresso Assiom Forex che ha riunito oggi a Verona gli operatori dei mercati finanziari e anche il gotha del mondo economico italiano. Nessuno o quasi, nel corso degli interventi, delle sessioni di lavoro e delle tavole

    – di Maximilian Cellino

    • News24

    Visco: nuovo governo non lasci dubbi al mercato sui conti

    Riforme credibili per l'Italia, revisione dei modelli di business per le banche, nessuna resistenza all'attuazione della riforma delle banche di credito cooperativo, sostenibilità negli interventi per la riduzione dei crediti deteriorati e ruolo attivo del nostro Paese nel processo di costruzione

    – di Maximilian Cellino

    • News24

    Per avere più voce in Europa cruciale contenere il debito

    Aprile potrebbe essere davvero il più crudele dei mesi per il nostro paese se, per quella data, l'Italia non farà sentire in modo deciso e responsabile la sua voce nella discussione sulla riforma dell'eurozona. Proprio nel mezzo di una campagna elettorale assai poco incline a rispettare il

    – di Rossella Bocciarelli

    • News24

    Visco:?ridurre npl ma senza effetti destabilizzanti

    «La riduzione dei crediti deteriorati è necessaria per ridurre i rischi e i costi di finanziamento delle banche. Va ottenuta con interventi che tengano conto delle condizioni di partenza, siano sostenibili e non producano effetti prociclici potenzialmente destabilizzanti». Lo ha detto il

    – di Redazione Roma

1-10 di 1306 risultati