Ultime notizie:

Hezbollah

    • News24

    Tutte le ambiguità della dottrina Trump

    In sintesi il nemico numero uno nella regione è quello di sempre, l'Iran degli ayatollah con gli Hezbollah libanesi sciiti, poi vengono Assad e il suo grande protettore Putin, con il quale eventualmente ci si può mettere d'accordo nella spartizione delle zone d'influenza.

    – di Alberto Negri

    • News24

    Autobomba sui profughi: «Cento morti»

    L'accordo, chiamato "delle quattro città", era stato mediato da Iran e Qatar per alleviare le sofferenze degli abitanti di Foah e Kefraya (città sciite sotto controllo governativo nel nord-ovest del Paese, circondate dal marzo 2015 dai ribelli e da jihadisti sunniti legati ad Al-Qaeda) e di Madaya e Zabadani, località sunnite in mano ai ribelli e vicino a Damasco, assediate dal giugno 2015 dall'esercito di Damasco e dalle milizie libanesi di Hezbollah.

    • News24

    Siria e Afghanistan, le bombe non riempiono il vuoto della politica

    La terza ragione per cui la Russia in questo momento non abbandona Assad è che vuole preservare le sue basi sulla costa siriana del Mediterraneo: un buon motivo per continuare anche l'alleanza con l'Iran e gli Hezbollah libanesi.

    – di Alberto Negri

    • News24

    Arte

    Un supporter del leader libanese di Hezbollah nel 2016 e un uomo con il cappello nero ritratto da John Bettes nel 1545.

    • News24

    Assad il «nemico perfetto» troppo spesso dato per finito

    Confina con Paesi ribollenti - Iraq, Libano, Turchia, Israele, Giordania - la popolazione è a maggioranza sunnita ma comandata da una minoranza - gli alauiti - ritenuta eretica, alleata con l'Iran e con gli Hezbollah libanesi, un anello... Così come la traiettoria di Assad è legata agli Hezbollah libanesi che hanno in Siria la loro retrovia e costituiscono una spina nel fianco di Israele. Sono stati gli Hezbollah che hanno sostenuto l'urto della rivolta e liberato dai jihadisti i...

    – di Alberto Negri

    • News24

    I missili di Trump in Siria non segnano la fine di Assad

    Israele, che dal 1967 occupa le alture israeliane del Golan, è confortato da questo raid perché vede nell'attacco Usa un via libera alle sue incursioni aeree sulla Siria diventate sempre più frequenti e trova un altro appiglio per colpire il regime di Damasco e soprattutto gli Hezbollah libanesi che utilizzano la Siria coma una loro retrovia.

    – di Alberto Negri

    • News24

    Sulla strage di Idlib, le lacrime di coccodrillo dell'Occidente

    Serve soprattutto a isolare il regime di Damasco - retrovia degli Hezbollah sciiti libanesi temuti da Israele - che stava riguadagnando spazio a livello internazionale e tra i Paesi arabi come l'Egitto e la Tunisia, interessati a collaborare con Assad per contrastare il fenomeno del jihadismo.

    – di Alberto Negri

    • News24

    Come cambia la politica Usa tra Medio Oriente e Russia

    La sopravvivenza del clan di Assad, di derivazione alauita, altro ramo eterodosso dell'Islam, è un punto a favore della "mezzaluna sciita" e dell'asse Teheran-Baghdad- Damasco- Hezbollah libanesi. ... Ma questa permanenza di Assad al potere non piace neppure a Israele: la Siria è sempre stata la retrovia dei rifornimenti bellici degli Hezbollah libanesi che nel 2006 si scontrarono direttamente con lo stato ebraico in un conflitto breve ma devastante.

    – di Alberto Negri

1-10 di 763 risultati