Aziende

Hermes

Storica casa di moda francese, Hermes viene fondata nel 1837, a Parigi, dal sellaio Thierry Hermes, che ha l’idea di aprire una bottega per la realizzazione di bardature e finimenti per cavalli. La svolta verso il mondo della moda è avvenuta nel 1920, quando il nipote del fondatore, Emile Maurice Hermes, ha iniziato a produrre vestiti in pelle di daino. Sette anni più tardi viene lanciata una collezione di gioielli ispirati al mondo equestre, mentre è messa in produzione nel 1929 la prima collezione femminile disegnata dalla stilista Lola Prusac. Nel 1949 Hermes ha lanciato l’innovativo sistema di pret a porter su misura, simboleggiato dall'abito da donna Hermeselle in cotone stampato, mentre il primo successo internazionale è arrivato nel 1956, grazie all’attrice Grace Kelly che ha fatto da testimonial per la borsa di cuoio creata dall’azienda francese e che prenderà anche il suo nome. Alla fine degli anni Cinquanta ha preso il via il grande sviluppo industriale del marchio Hermes: vengono create le prime boutique della maison (oggi sono 55 in tutto il mondo) e gli affari vengono allargati anche al settore dei profumi. Oggi del gruppo Hermes fanno parte 14 divisioni di prodotto che si occupano rispettivamente di capi in pelle, foulard, cravatte, abbigliamento da uomo, moda donna, profumi, orologi, scarpe, guanti, smalti, arti decorative, cancelleria, articoli per la casa e gioielleria. Tra questi prodotti, i più noti a livello mondiale sono probabilmente i foulard in seta dalle dimensioni di 90x90 cm sui quali sono stampati motivi di diverso genere.

Quotata alla borsa di Parigi, Hermes è controllata all’80% del capitale dagli eredi del fondatore, ultimo dei quali è oggi il pronipote Jean Louis Dumas Hermes. Stilista di punta della casa di moda per la quale lavorano in tutto il mondo circa 8.000 collaboratori, è il francese Jean Paul Gautier.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Hermes
    • News24

    Il lusso non si ferma e comincia con slancio il nuovo anno

    Il lusso non si ferma e, archiviato un anno di crescita a quota 260 miliardi circa secondo le stime, ne comincia uno nuovo con lo slancio. Ne sono convinti gli esperti del settore, che stimano in media un incremento delle vendite attorno al 5 per cento per il 2018. «Il 2017 è stato un anno positivo

    – di Monica D'Ascenzo

    • News24

    Bilancio Artcurial, 2017 in calo ma si allarga il perimetro d'azione

    Parigi accresce la sua posizione internazionale nel mercato mondiale dell'arte, grazie ai suoi principali attori, e in particolare alla Casa d'aste Artcurial che nel 2016 ha conseguito il titolo di terza Casa di vendita in Europa. La fine del 2017 ha visto raggiungere una nuova tappa nello sviluppo

    – di Stefano Cosenz

    • News24

    Mifid, Eurizon assorbirà i costi di ricerca

    Con l'entrata in vigore di Mifid II, le società di asset management possono scegliere se continuare a trasferire alla clientela alcuni costi legati alla ricerca esterna, oppure se coprirli. La nuova direttiva innesta un'ulteriore marcia in avanti per assicurare una maggiore trasparenza e

    – Lucilla Incorvati

    • NovaCento

    Cavalcare l'onda delle applicazioni si può! La storia del giovane imprenditore Mattia Farina

     Mattia ha 28 anni. Quattro anni fa, appena finita l'Università, ha deciso di mettesi in gioco e, assieme a Francesco e Giacomo, cavalcare l'onda delle applicazioni social. Fin da subito però, i tre si rendono conto che per sviluppare progetti digitali di qualità, che siano portali web o applicazioni mobile, occorrono specifiche competenze che spesso non sono reperibili in un'unica formula. Per questo motivo hanno fondato Mumble, che nasce come tech company specializzata in trasformazione digita...

    – Gloria Chiocci

    • News24

    Cina e farmaceutica le sorprese dell'export

    L'export italiano nel 2017 sarebbe dovuto crescere del 3,8, massimo del 4%, dicevano gli esperti a gennaio. Si sbagliavano: soltanto nei primi nove mesi il made in Italy all'estero aveva messo a segno un lusinghiero +7,3%. Tanto che gli esperti dell'Ice e di Prometeia, la scorsa settimana, hanno

    – di Micaela Cappellini

    • NovaCento

    Lettere sull'innovazione. Contro le armi con intelligenza artificiale

    Caro Luca L'applicazione dell'intelligenza artificiale alle armi è una delle più preoccupanti frontiere dell'innovazione tecnologica. La possibilità che dei sistemi d'arma automatici decidano in base a funzionalità tecniche di porre fine alla vita di persone umane impone una riflessione profonda e una decisione conseguente. Un principio fondamentale dovrebbe essere che quella decisione terribile sia comunque presa da umani in base a logiche ben codificate dai codici militari e politici. So che a...

    – Luca De Biase

    • News24

    La sfida di coniugare il dettato costituzionale e la ricerca tecnologica

    Caro Luca, l'applicazione dell'intelligenza artificiale alle armi è una delle più preoccupanti frontiere dell'innovazione. La possibilità che dei sistemi d'arma automatici (Aws) decidano in base a funzionalità tecniche di porre fine alla vita di persone impone una riflessione profonda. Un principio

    – di Luca De Biase

    • News24

    Hermès, dai classici alle ore «impazienti»

    Sono passati più di 100 anni dall'introduzione del primo segnatempo Hermès, presentato nel 1912 (la maison invece nacque nel 1837). La divisione orologi dell'azienda francese non smette di crescere e le collezioni da uomo e da donna sono un felice connubio di know-how orologiero e codici estetici

    – di Giulia Crivelli

1-10 di 390 risultati