Persone

Helmut Schmidt

Helmut Heinrich Waldemar Schmidt è nato il 23 dicembre del 1918 ad Amburgo ed è deceduto, sempre ad Amburgo, il 10 novembre del 2015.

E' stato un politico e funzionario tedesco, Cancelliere della Repubblica Federale Tedesca dal 6 maggio del 1974 al 1º ottobre 1982.

Figlio di due insegnanti, nel 1937 ha conseguito il diploma di scuola media superiore.

Ha preso parte nelle forze armate alla seconda guerra mondiale.

Membro dal 1946 del Partito Socialdemocratico di Germania, e poi presidente della Lega degli studenti socialisti tra il 1947 e il 1948, nel 1949 si è laureato in economia.

Nel 1958 è diventato dirigente dell'SPD e tra il 1968 ed il 1984 ne è stato vicepresidente federale.

Dall'ottobre del 1953 al gennaio del 1962 e dall'ottobre del 1965 al febbraio del 1987, è stato membro del Bundestag per Amburgo .

Dal 22 ottobre del 1969 al 7 luglio del 1972, è stato Ministro della difesa della Germania sotto la presidenza di Willy Brandt.

Sempre nel governo Brandt è stato Ministro per l'economia (dal 7 luglio al 15 dicembre del 1972) e Ministro delle finanze della Germania (dal 7 luglio del 1972 al 16 maggio del 1974).

Nel 1974 è successo, in qualità di Cancelliere, a Willy Brandt per essere poi riconfermato dal 1980 al 1982, quando il governo Schmindt sfiduciato cadde per essere sostituito dal governo democristiano liberale guidato da Helmut Kohl.

Schmidt è stato insignito nel 2000 dell'onorificienza di Cavaliere dell'Ordine al Merito della Renania Settentrionale-Vestfalia.

E' stato sposato fin dal 1942 con Hannelore Glaser (scomparsa nel 2010) ed era padre di due figli.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Helmut Schmidt
    • News24

    Ora Berlino dovrà essere più europea

    Fu il cancelliere Helmut Schmidt a teorizzare che solo una moneta comune europea avrebbe messo al riparo l'industria tedesca dalle richieste americane di apprezzamenti successivi del marco nell'ordine del 30%.

    – di Carlo Bastasin

    • News24

    Alla Spd manca il pragmatismo di Schröder

    Malgrado la Spd non avesse più la stessa consistenza e autorevolezza dell'epoca di Willy Brandt e di Helmut Schmidt, Gerhard Schröder era riuscito a riportarla, dopo sedici anni, al timone del governo federale.

    – di Valerio Castronovo

    • News24

    Tietmeyer e quei dubbi sull'Italia e l'euro

    Il rapporto di fiducia era molto forte, consolidato dal fatto che Tietmeyer, iscritto alla Cdu, era stato autore nel 1982 del "dossier giallo" (o Lambsdorff-Papier) che provocò la rottura della coalizione social-liberale e la sostituzione di Helmut Schmidt con lo stesso Kohl.

    – di Carlo Bastasin

    • News24

    Il coraggio della verità e la terra «amica» da costruire

    Mi ha scritto un'altra volta Pier Giuseppe Fontanili (ricordate la lettera di Helmut Schmidt a Hans Tietmeyer? Fu lui a segnalarmela) e propone nuove riflessioni, mai banali, sulla «piega che stanno prendendo gli eventi internazionali». Riproduco di seguito uno stralcio, non breve, della sua mail:

    – Roberto Napoletano

    • News24

    Loro e noi

    L'ex consigliere economico della Cancelliera Merkel, il giovane governatore della Bundesbank Jens Weidmann, da qualche tempo si è innamorato dell'Italia. Stupiscono la frequenza delle sue visite, che assomigliano a un tour organizzato, e l'insistenza con la quale chiede di essere accolto a tutti i

    – Roberto Napoletano

    • News24

    LORO e NOI

    L'ex consigliere economico della Cancelliera Merkel, il giovane governatore della Bundesbank Jens Weidmann, da qualche tempo si è innamorato dell'Italia. Stupiscono la frequenza delle sue visite, che assomigliano a un tour organizzato, e l'insistenza con la quale chiede di essere accolto a tutti i

    • News24

    Schmidt, Tietmeyer, l'Europa e il merito di Draghi

    «La saluto, signor presidente della Bundesbank, con la massima considerazione ora come prima: ma ciò vale solo per la sua persona, non per la sua politica». Si conclude così la lettera aperta che l'ex cancelliere, Helmut Schmidt, scrisse al presidente della banca centrale tedesca dell'epoca, Hans

    – Roberto Napoletano

    • Econopoly

    Quel 24 marzo di 37 anni fa. L'attacco politico-affaristico-giudiziario alla Banca d'Italia

    A 37 anni dagli eventi possiamo ancora sostenere che il 24 marzo 1979 sia un giorno nero per la storia italiana. Paolo Baffi, governatore della Banca d'Italia e Mario Sarcinelli, vicedirettore generale con delega alla vigilanza, in modo pretestuoso e grottesco vengono accusati dalla Procura di Roma di interesse privato in atti d'ufficio e favoreggiamento personale per non aver trasmesso all'autorità giudiziaria le notizie contenute in un rapporto ispettivo sul Credito Industriale Sardo, istituto...

    – Beniamino Piccone

    • News24

    «Merkel pronta a farsi carico di parte del debito italiano»

    «A mio avviso Angela Merkel è disponibile a condividere una parte dei nostri debiti. Non tutti. A patto, però, che noi facciamo quello che ci compete». Giuseppe Vita, presidente di UniCredit, è uno dei "pontieri" che tengono vivi i complessi rapporti fra l'Italia e la Germania.

    – Paolo Bricco

1-10 di 108 risultati