Persone

Helmut Schmidt

Helmut Heinrich Waldemar Schmidt è nato il 23 dicembre del 1918 ad Amburgo ed è deceduto, sempre ad Amburgo, il 10 novembre del 2015.

E' stato un politico e funzionario tedesco, Cancelliere della Repubblica Federale Tedesca dal 6 maggio del 1974 al 1º ottobre 1982.

Figlio di due insegnanti, nel 1937 ha conseguito il diploma di scuola media superiore.

Ha preso parte nelle forze armate alla seconda guerra mondiale.

Membro dal 1946 del Partito Socialdemocratico di Germania, e poi presidente della Lega degli studenti socialisti tra il 1947 e il 1948, nel 1949 si è laureato in economia.

Nel 1958 è diventato dirigente dell'SPD e tra il 1968 ed il 1984 ne è stato vicepresidente federale.

Dall'ottobre del 1953 al gennaio del 1962 e dall'ottobre del 1965 al febbraio del 1987, è stato membro del Bundestag per Amburgo .

Dal 22 ottobre del 1969 al 7 luglio del 1972, è stato Ministro della difesa della Germania sotto la presidenza di Willy Brandt.

Sempre nel governo Brandt è stato Ministro per l'economia (dal 7 luglio al 15 dicembre del 1972) e Ministro delle finanze della Germania (dal 7 luglio del 1972 al 16 maggio del 1974).

Nel 1974 è successo, in qualità di Cancelliere, a Willy Brandt per essere poi riconfermato dal 1980 al 1982, quando il governo Schmindt sfiduciato cadde per essere sostituito dal governo democristiano liberale guidato da Helmut Kohl.

Schmidt è stato insignito nel 2000 dell'onorificienza di Cavaliere dell'Ordine al Merito della Renania Settentrionale-Vestfalia.

E' stato sposato fin dal 1942 con Hannelore Glaser (scomparsa nel 2010) ed era padre di due figli.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Helmut Schmidt
    • News24

    La Merkel, le coalizioni e i fantasmi di Weimar

    I sondaggi pubblici erano così tranquillizzanti da sembrare inutili. Tutte le maggiori società di rilevazione delle intenzioni di voto indicavano per la Cdu della cancelliera Angela Markel un risultato del 36-37% e per il suo sfidante socialdemocratico Martin Schulz un deludente ma sopportabile

    – di Carlo Bastasin

    • Agora

    Allo zoo di Berlino arrivano i panda giganti cinesi, a salutarli anche la Merkel e Xi

    AGGIORNAMENTO DELLE 21.45 IN CODA - LA CINA APPOGGIA LA GERMANIA AL G20 E I DUE PAESI SIGLANO ACCORDI +++ POST ORIGINALE Non solo G20: anche una tappa allo zoo di Berlino per la cancelliera Angela Merkel e il presidente cinese Xi Jinping, che oggi, al di là dei colloqui legati al summit di Amburgo a pranzo, salutano i due panda arrivati a fine giugno dalla Cina (nella foto Reuters/Axel Schmidt, sopra). Da domani, poi, Meng Meng (Piccolo sogno) e Jiao Qing (Tesorino) sono visitabili dal pubbli...

    – Guido Minciotti

    • News24

    La lungimiranza dell'Europa e dell'euro

    La prima fase del dibattito sull'euro ha illustrato come la moneta comune sia principalmente una scelta politica. In una democrazia le scelte politiche possono essere cambiate dagli elettori. Possiamo dedurne che se un domani gli italiani non volessero più l'euro, potrebbero facilmente uscirne?

    – di Luigi Zingales

    • News24

    Helmut Kohl, il gigante della Germania riunificata e dell'euro

    L'ultima immagine pubblica, di due anni e mezzo fa, lo ritrae in controluce, di spalle, il suo corpaccione di due metri quasi accasciato sulla sedia a rotelle sulla quale era costretto da tempo, davanti alla Porta di Brandeburgo, a venticinque anni dal giorno in cui venne riaperta, riunificando

    – di Alessandro Merli

    • News24

    Anche l'Italia al tavolo dei Grandi

    L'appuntamento di Taormina, venerdì 26 e sabato 27 maggio, è il sesto vertice dei Grandi a presidenza italiana. Nell'ormai lontano novembre 1975, quando i capi di Stato e di governo dei sei maggiori Paesi industrializzati (Francia, Germania Ovest, Gran Bretagna, Stati Uniti, Giappone e Italia) si

    • News24

    Ora Berlino dovrà essere più europea

    L'attacco dell'Amministrazione Trump alla Germania, accusata di manipolare il cambio nascondendosi dietro l'euro, era ampiamente prevedibile. Le conseguenze lo sono meno. Ma tutto spinge a far coincidere gli interessi di Berlino con una maggiore personalità politica dell'Europa.

    – di Carlo Bastasin

    • News24

    Alla Spd manca il pragmatismo di Schröder

    C'era stato un lungo periodo di tempo, dal settembre 1998, in cui la socialdemocrazia tedesca era tornata in auge. Malgrado la Spd non avesse più la stessa consistenza e autorevolezza dell'epoca di Willy Brandt e di Helmut Schmidt, Gerhard Schröder era riuscito a riportarla, dopo sedici anni, al

    – di Valerio Castronovo

    • News24

    Tietmeyer e quei dubbi sull'Italia e l'euro

    In un tempo che sembra ormai preistorico, una volta al mese per diversi anni ho aspettato Hans Tietmeyer nella hall dell'Hotel Euler a Basilea. Aveva uno spirito tutto suo, trattenuto e perfino goffo, ma si sforzava ogni volta di essere cordiale, si avvicinava chiedendo di che cosa volessi parlare

    – di Carlo Bastasin

    • Agora

    Italians Have Become More Eurosceptic Than The British - Is The Debt The Real Issue?

    Historically, Italy has been among the most pro-European countries in Europe. However, over the last few years, euroscepticism, for a lack of a better word, has gained ground. Surprisingly, the latest Eurobarometer reveals that Italians are now more eurosceptic than British citizens, who decided five months ago to leave the European Union in a very controversial referendum. According to the poll, just 33% of Italians think that Italy's membership of the EU is a "good thing", compared to a 53% EU...

    – Beda Romano

    • News24

    Il coraggio della verità e la terra «amica» da costruire

    Mi ha scritto un'altra volta Pier Giuseppe Fontanili (ricordate la lettera di Helmut Schmidt a Hans Tietmeyer? Fu lui a segnalarmela) e propone nuove riflessioni, mai banali, sulla «piega che stanno prendendo gli eventi internazionali». Riproduco di seguito uno stralcio, non breve, della sua mail:

    – Roberto Napoletano

1-10 di 113 risultati