Persone

Hassan Rohani

Hassan Rohani è nato il 12 novembre del 1948 a Sorkheh (Iran) ed è un politico iraniano, presidente dell'Iran.

Dopo gli studi religiosi, prima al Seminario di Semma, poi a quello di Qom, Rohani è stato ammesso nel 1969 all'Università di Teheran, dove nel 1972 si è laureato in giurisprudenza.

Successivamente ha continuato i suoi studi in Europa, qui si è laureato presso la "Glasgow Caledonian University", discutendo una tesi dal titolo "The Islamic legislative power with reference to the Iranian experience".

Rohani ha iniziato la sua carriera politica sostenendo l'Ayatollah Khomeini.

Nel 1980 è stato eletto all'Assemblea Islamica ed è rimasto deputato per 5 mandati consecutivi (fino al 2000).

Dopo la riforma costituzionale iraniana del 1988 è diventato segretario del Supremo consiglio per la sicurezza nazionale (organismo di nuova istituzione) mantenendo questo ruolo per 16 anni, fino al 2005.

Durante la sua attività politica, Rohani ha continuato a mantenere i suoi rapporti col mondo accademico, ricoprendo tra il 1995 ed il 1999 la carica di membro del consiglio di amministrazione dell'Università di Teheran e quella di caporedattore di tre riviste trimestrali scientifiche e di ricerca, in lingua persiana ed in inglese, Rahbord (strategia), Foreign Relations, e l'Iranian Review of Foreign Affairs.

Candidatosi alle lezioni politiche iraniane del 2013, Rohani è risultato vincitore al primo turno con 18.613.329 voti, de ha ricevuto l'incarico dal suo predecessore Ahmadinejad il 3 agosto del 2013. Il 19 maggio 2017 è stato confermato nel suo ruolo di presidente con il 57% dei voti.

Rohani ha assunto un atteggiamento di maggiore apertura, rispetto al suo predecessore Ahmadinejad, sia in politica interna (dichiarandosi favorevole ad un miglioramento della condizione delle donne nella società iraniana) che in politica estera (aprendosi, nonostante le resistenze dell'area iraniana più conservatrice, sia al dialogo con la Russia che sopratutto a quello con gli Strati Uniti d'America).

Grazie a questo atteggiamento di apertura Rohani è riuscito a firmare a Vienna, uno storico accordo sul nucleare iraniano con Washington.

Questo accordo consente agli ispettori Onu di chiedere di visitare anche i siti militari iraniani per constatare la non proliferazione nucleare per scopi bellici, offrendo in cambio la cancellazione delle sanzioni internazionali contro il regime iraniano.

Ultimo aggiornamento 22 maggio 2017

Ultime notizie su Hassan Rohani
    • News24

    La nuova paura nucleare con la quale convivere

    Il presidente iraniano Hassan Rohani ha annunciato che l'Iran potrebbe rinunciare all'accordo «nel giro di poche ore» come risposta alle nuove sanzioni imposte.

    – di Joschka Fischer

    • News24

    Il circo volante di Donald Trump

    Nella nostra analisi dei primi 100 giorni di Donald Trump abbiamo descritto due scuole di pensiero sul 45esimo presidente degli Stati Uniti: quella di chi continua a sperare che Trump possa essere un leader efficace, e quella di chi invece prevede soltanto un susseguirsi di scandali e disastri.

    – di Stuart Whatley, Jonathan Stein, Roman Frydman e Ken Murphy

    • News24

    Iran, gelata sugli investimenti esteri dopo l'attacco terroristico

    Il 20 maggio per le strade di Teheran regnava un clima di euforia. Agli occhi di molti iraniani, ma anche dei Paesi occidentali, la riconferma alle elezioni del presidente Hassan Rohani era considerata la sola alternativa per sperare di far uscire definitivamente l'Iran dall'isolamento

    – di Roberto Bongiorni

    • News24

    L'Isis semina il terrore a Teheran: perché l'Iran è finito sotto attacco

    La rivendicazione dell'Isis degli attentati a Teheran è quasi un marchio di fabbrica, una sorta di sanguinoso sigillo a decenni di politica estera dell'Iran e di contrapposizione tra la repubblica islamica e un universo sunnita che ha sempre mal sopportato l'esistenza di una "Mezzaluna sciita".

    – di Alberto Negri

    • News24

    Al Jazeera prima vittima della guerra diplomatica contro il Qatar

    Con la rottura delle relazioni diplomatiche con il Qatar annunciata da Riad, insieme ad Egitto, Emirati Arabi Uniti e Bahrain, la prima mossa che hanno fatto le autorità saudite e del Golfo è stata quella di chiudere le sedi della tv Al Jazeera. Il canale satellitare del Qatar è ritenuto il vero

    – di Alberto Negri

    • News24

    L'Italia, il G7 e la grande sfida delle migrazioni

    Se pensiamo agli ultimi vertici presieduti dall'Italia, di cui resta solo il ricordo (tragico) della morte a Genova di Carlo Giuliani e quello (sconcertante) del costo esorbitante del centro congressi della Maddalena, per considerare un successo il G7 di Taormina di questo weekend basterebbe che

    – di Andrea Goldstein

    • News24

    L'Iran sceglie ancora il riformismo e la realpolitik di Rohani

    TEHERAN -La tradizione è riconfermata: tutti i presidenti iraniani della repubblica islamica hanno avuto due mandati consecutivi di quattro anni. E' stato così anche per Hassan Rohani, netto vincitore delle elezioni sull'ultraconservatore Ebrahim Raisi, che si conferma alla guida del governo così

    – dall'inviato Alberto Negri

    • News24

    Iran al voto, il passato che ritorna

    L'appuntamento con Neda è davanti alla Hosseinieh Ershad dove già dalla mattina ci sono lunghe code per votare. Teheran Nord, quella della ricca e media borghesia iraniana, è in fila per appoggiare Hassan Rohani il presidente uscente, capo del governo che ha negoziato con la comunità internazionale

    – di Alberto Negri

    • News24

    L'Iran sceglie tra Rohani e Raisi: test sull'apertura al mondo

    TEHERAN - Le elezioni presidenziali in Iran sono le più strategiche del Medio Oriente e della «mezzaluna sciita». Scegliendo tra due ayatollah, il presidente uscente Hassan Rohani e il conservatore Ebrahim Raisi, un seyed con il turbante nero simbolo di discendenti dalla famiglia del Profeta, gli

    – dal nostro inviato Alberto Negri

1-10 di 182 risultati