Persone

Hans Jonas

Hans Jonas nasce da una famiglia ebraica di fabbricanti tessili nel 1903 a Mönchengladbach, in Germania, ed entra a far parte, molto giovane, di un gruppo sionista.

Nel 1921 il giovane Jonas si iscrive all'Università di Friburgo, dove studia filosofia con Martin Heidegger e Edmund Husserl.

Dopo Berlino, Hans Jonas sceglie di trasferirsi a Marburgo, ancora con un Heidegger ormai in cattedra e il teologo Rudolf Bultmann, che lo segue nella tesi su Il concetto di Gnosi (1928) e, con Karl Jaspers, nella stesura di Agostino e il problema paolino della libertà (1930).

Nel 1933 Hans Jonas è costretto a migrare (la madre morirà ad Auschwitz), va in Palestina da dove torna con la Brigata ebraica dell'esercito britannico. Combatte in Italia e Germania e taglia i rapporti con Heidegger. Jonas è in Palestina negli anni della fondazione dello Stato di Israele, dal quale prenderà le distanze viste le difficoltà di una convivenza pacifica.

Successivamente accetta quindi una cattedra a Montreal, poi a Ottawa e New York, dove ritrova l'amica Hanna Arendt; Hans Jonas muore a New York nel 1993.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Filosofia | Hans Jonas | Martin Heidegger | Israele | Rudolf Bultmann | Edmund Husserl | Karl Jaspers | New York | Germania | Hanna Arendt |

Ultime notizie su Hans Jonas
    • NovaCento

    La condivisione della conoscenza per una globalizzazione etica fondata sulla responsabilità

    Ma la complessità del processo di socializzazione e di formazione dell'identità di ogni individuo richiede la considerazione di un altro presupposto morale, che tra l'altro viene considerato fondamentale anche da Hans Jonas[34]: la vulnerabilità, a... ...di Max Weber e di Hans Jonas) e non una pura «etica dell'intenzione», sebbene, in quanto etica deontologica (che si propone quale trasformazione di Kant), resti distinta da ogni etica utilitaristica, come pure da ogni etica teleologica dei...

    – Piero Dominici

    • News24

    Da Dostoevskij a Kotler: Conte cita scrittori, filosofi e sociologi

    Dostoevskij, Jonas, Beck e Kotler. Sono quattro i rimandi a scrittori, filosofi e sociologi che ritornano nel discorso programmatico di Giuseppe Conte in Senato, in vista del voto di fiducia. Nel passaggio sul "populismo", fa riferimento al discorso pronunciato da Fedor Michajlkovic Dostoevskij in

    – di Redazione Roma

    • NovaCento

    #Ipercomplessità.Il "fattore" Educazione, la questione culturale e le illusioni della civiltà ipertecnologica

    #CitaregliAutori Come sempre, senza "tempi di lettura". Un testo che riprende e sviluppa "vecchi" percorsi personali di ricerca (fin dal 1995). Condivido la versione estesa e originale di un testo pubblicato tempo fa.  Al termine del contributo, è presente un epilogo che argomenta diversi punti di criticità, con la possibilità di approfondimenti ulteriori e riferimenti ad altri articoli e pubblicazioni. E, come sempre, una bibliografia per aprire altri "viaggi" #CitaregliAutori Alla fine, ...

    – Piero Dominici

    • NovaCento

    Il grande equivoco. Ripensare l'educazione (#digitale) per la Società Ipercomplessa

    "Non conosco altri modi in cui l'intelligenza o la mente potrebbero sorgere o essere sorte se non attraverso l'interiorizzazione da parte dell'individuo dei processi sociali dell'esperienza e del comportamento" G.H.Mead "La socialità non è un accidente né una contingenza; è la definizione stessa della condizione umana" T.Todorov "Il dominio della macchina ha cercato di negare l'esistenza di questa dimensione spirituale, mentre ciò che rende l'uomo veramente umano è la sua abilità a proiettare se...

    – Piero Dominici

    • NovaCento

    Decidere o discernere: questo è il problema

    Dipenda o no dalla nuova ricerca scientifica, la tecnologia è un ramo della filosofia morale, non della scienza (Paul Goodman, New Reformation. Notes on a Neolithic Conservative) L'uomo trasforma tutto ciò in cui si imbatte in uno strumento: così facendo diventa egli stesso uno strumento (Paul Tillich, teologo protestante) Se l'unico strumento che hai in mano è un martello, ogni cosa inizierà a sembrarti un chiodo (Abraham Maslow, psicologo) L'aumento della velocità e dell'impatto delle trasform...

    – Andrea Granelli

    • NovaCento

    Il digitale, la velocità e il problema della responsabilità: questioni di natura "non tecnica"

    ?come sempre, non sono previsti "tempi di lettura" Velocità vs. riflessione/ responsabilità La "nuova" velocità del digitale, nell'interazione complessa con il fattore umano e il sistema delle relazioni sociali, conserva l'ambivalenza originaria di qualsiasi "fattore" di mutamento e di qualsiasi processo sociale e culturale; un'ambivalenza che, oltre ad essere straordinaria opportunità, mette anche in evidenza i nostri limiti e le nostre inefficienze - a livello personale, organizzativo e s...

    – Piero Dominici

    • NovaCento

    Cultura digitale: oltre l'alfabetizzazione

    Siamo esseri analogici intrappolati in un mondo digitale (Donald Norman) Dietro tutte le domanda fatte nel precedente blog si aggira uno spettro: il digitale e il suo portato di innovazione, trasformazioni, fallimenti. Le tecnologie digitali non si limitano a complessificare l'ambiente in cui viviamo e a fornire con sempre maggiore frequenza strumenti nuovi e sempre più potenti (e, conseguentemente, anche pericolosi) ma ci modificano nel profondo. Tanto è vero che molti studiosi incominciano a ...

    – Andrea Granelli

    • NovaCento

    L'evoluzione complessa**: la civiltà tecnologica tra bisogno di sicurezza e solidarietà della paura**

    Con il pensiero sempre rivolto a chi soffre, a chi è in difficoltà o è discriminato... La globalizzazione ha determinato un progressivo ridimensionamento della sfera della politica, lasciando aperto un vuoto in cui si sono inseriti i poteri economici e tecnocratici ed in cui è progredito anche il potenziale autodistruttivo della civiltà tecnologica: una civiltà ipercomplessa che richiede urgentemente l'utopia di una società planetaria (azioni e politiche transnazionali) - le narrazioni e le rap...

    – Piero Dominici

    • News24

    Lettere

    La democrazia di massa ha bisogno di un'opinione pubblica consapevole Ho letto un articolo del teologo Vito Mancuso che trasudava pessimismo sulle sorti

1-10 di 23 risultati