Persone

Hamid Karzai

Hamid Karzai è nato il 24 dicembre del 1957 a Karz (Afghanistan) ed è un politico afghano.

Dal 7 dicembre del 2009 al 29 settembre del 2014 è stato Presidente della Repubblica Islamica dell'Afghanistan, primo presidente afghano ad essere stato eletto dopo l'occupazione del paese da parte degli Stati Uniti.
Karzai è diventato Presidente nel 2004, per essere poi riconfermato nel 2009.

Nel 2009 il suo avversario Abdullah Abdullah lo ha accusato di brogli, ma la commissione elettorale afghana ha confermato l'elezione di Karzai a presidente.

Già nel 2004 era riuscito a imporsi come presidente nelle prime elezioni libere dopo il regime dei talebani, grazie anche al notevole sostegno degli Stati Uniti.

Prima delle elezioni Karzai era stato per tre anni capo del governo provvisorio, insediato a seguito dell'invasione degli Stati Uniti e della caduta del regime dei talebani.

Durante il regime talebano Hamid Karzai aveva vissuto in esilio negli Stati Uniti, dove era stato precedentemente ambasciatore del governo afgano.

Prima dell'avvento dei talebani, l’attuale presidente era già una figura di spicco nella politica afgana, avendo ricoperto l'incarico di Viceministro degli esteri.

Karzai è di etnia pashtun, ma parla fluentemente diverse lingue tra cui il pashtu, l'urdu, il persiano, l'hindi, l'inglese ed il francese.

In qualità di presidente dell'Afghanistan si è impegnato nel ripristinare l'ordine ed il controllo sul territorio, con il sostegno delle forze militari straniere; tuttavia, nonostante gli sforzi, buona parte del territorio è ancora in mano ai ribelli ed il suo potere è circoscritto alla capitale, tanto che alcuni lo hanno definito ironicamente “sindaco di Kabul”.

Kazai è stato insignito dell'onorificienza di Cavaliere di Gran Croce Onorario dell'Ordine dei Santi Michele e Giorgio (Regno Unito, giugno 2003).

È sposato dal 1998 con Zinat Karzai, che gli ha dato un figlio, Mirwais, nato il 25 gennaio del 2007.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Hamid Karzai
    • News24

    Mosca sostiene i talebani sul ritiro di truppe straniere dall'Afghanistan

    La Russia è pronta a ripristinare il memorandum di sicurezza sulla Siria con gli Stati Uniti a patto che le azioni imprevedibili di Washington non verranno ripetute. Così il portavoce del Cremlino citato dalla Tass. Nelle stesse ore Lavrov accusa gli americani di voler minare il processo di pace e

    – di Vittorio Da Rold

    • News24

    Il padre di Omar Mateen e i suoi video "patriottici"

    Il padre di Omar Mateen, il 29enne di origini afghane che all'alba di domenica ha compiuto la strage a Orlando, in Florida, ha chiesto pubblicamente scusa per il massacro compiuto dal figlio. Ma nel passato aveva espresso simpatie per i movimenti fondamentalisti islamici e aveva anche fatto accuse

    • News24

    La vera priorità è un esercito nazionale

    In Libia un primo ministro senza esercito è come un brillante studente universitario senza i libri su cui studiare per superare gli esami.Al momento Fayez Serraj, il premier designato del Governo libico di unità nazionale, ha dalla sua solo un manipolo di uomini armati in un Paese ostaggio di

    – Roberto Bongiorni

    • News24

    Strategia e realtà

    I danni "collaterali" della dottrina militare Usa durano decenni e andranno ben oltre la fine della presidenza di Obama. Come era prevedibile dopo il disastro di Kunduz e il bombardamento dell'ospedale di Medici senza Frontiere, gli Usa hanno annunciato che resteranno in Afghanistan oltre il 2016.

    – Alberto Negri

    • News24

    Afghanistan, la missione non è compiuta

    L'attentato dell'altro giorno a Kabul, costato la vita a 14 persone (9 straniere, tra cui l'italiano Alessandro Abati e la sua fidanzata kazaka Aigerim Abulayeva) e quello di oggi davanti all'aeroporto hanno scosso fortemente l'opinione pubblica occidentale e riaperto la questione della valutazione

    – Emanuele Parsi

1-10 di 318 risultati