Persone

Graziano Delrio

Graziano Delrio è nato il 27 aprile del 1960 a Reggio Emilia ed è un politico italiano, dal 2 aprile del 2015 riveste la carica di Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, prima nel Governo Renzi poi in quello Gentiloni.

Tra il 22 febbraio del 2014 ed il 2 aprile del 2015, è stato Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri del primo Governo Renzi .

Laureatosi in medicina e ricercatore all'Università di Modena e Reggio Emilia, si è specializzato in Endocrinologia, con studi di perfezionamento in Gran Bretagna e Israele.

Ha assunto il suo primo incarico istituzionale nel 1999, con il Partito Popolare Italiano, subentrando, in qualità di primo dei non eletti, ad un consigliere comunale di Reggio Emilia dimmessosi per assumere la carica di assessore.

Nel 2000 è stato eletto consigliere regionale dell'Emilia Romagna, dove ha presieduto la Commissione sanità e politiche sociali.

Nel 2004 è stato eletto, al primo turno, sindaco di Reggio Emilia, carica riconfermata, sempre al primo turno, nel le elezioni comunali del 2009.

Il 5 ottobre del 2011, dopo esserne stato Vicepresidente con la delega al Welfare e alla Finanza locale, è stato eletto Presidente dell'Associazione nazionale dei Comuni (Anci).

Il 28 aprile del 2013 viene nominato, nel Governa Letta, Ministro per gli Affari Regionali e delle Autonomie, il 26 giugno dello stesso anno riceve, a causa delle dimissioni del Ministro Josefa Idem, anche la delega allo sport.

Il 22 febbraio del 2014 diventa Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri, con funzioni di segretario del consiglio, nel primo Governo Renzi.

Il 2 aprile del 2015 viene nominato, in seguito alle dimissioni di Maurizio Lupi, Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti nel primo Governo Renzi, incarico che mantiene nell'attuale Governo Gentiloni.

E' sposato con Annamaria, che lo ha reso padre di nove figli.

Ultimo aggiornamento 13 dicembre 2016

Ultime notizie su Graziano Delrio
    • News24

    La trattativa Pd-M5s parte senza Renzi, che non esclude la scissione

    Da una parte l'apertura del segretario reggente del Pd Maurizio Martina, dall'altra la chiusura del forno con la Lega da parte del leader del M5s Luigi Di Maio. Un uno-due che apre di fatto il tavolo della trattativa tra democratici e pentastellati nonostante resti, forte e chiaro, il no dell'ex

    – di Emilia Patta

    • News24

    Governisti, mediani e renziani: Pd da Fico con almeno tre linee

    Un dettaglio, in queste ore in cui la trattativa tra M5S e Pd entra nel vivo, descrive più di molte parole la spaccatura provocata nel Pd dalla decisione del Capo dello Stato di dare al presidente della Camera Roberto Fico un mandato esplorativo circoscritto all'ipotesi di un governo tra M5S e Pd:

    – di Emilia Patta

    • News24

    Governo, Di Maio: con Lega discorso chiuso, ora tavolo con Pd. Dem verso il dialogo

    Andiamo verso un Governo Pd-M5S, al centro del mandato esplorativo affidato dal capo dello Stato Mattarella al presidente della Camera? E' presto per dirlo, ma al termine della prima giornata di consultazioni di Roberto Fico qualche progresso si registra. Sul fronte Pd, in attesa di una esplicita

    – di Vittorio Nuti e Alessia Tripodi

    • News24

    Alitalia vince sugli incentivi alle low cost

    La battaglia di Alitalia contro le low cost segna un punto a favore della compagnia di bandiera, riportando l'attenzione sugli accordi con gli aeroporti spesso ritenuti poco trasparenti. Con una sentenza depositata ieri dalle sezioni unite della Cassazione si mette fine a una battaglia iniziata nel

    – di Mara Monti

    • News24

    Pd tentato dall'accordo con il M5S, ma restano i dubbi dei renziani

    Di fronte al gelo, almeno apparente, calato negli ultimi giorni tra i due "vincitori" del 4 marzo Luigi Di Maio e Matteo Salvini nel Pd vacilla sempre di più la linea del "tocca a loro, noi all'opposizione" dettata all'indomani della sconfitta elettorale da Matteo Renzi. Perché fino ad ora un po'

    – di Emilia Patta

    • News24

    Consultazioni, il Pd resta all'opposizione

    I dem (che salgono al Colle con la stessa delegazione del 6 aprile composta dal segretario reggente Maurizio Martina, dai capigruppo al Senato Andrea Marcucci e alla Camera Graziano Delrio, nonché dal presidente Matteo Orfini) vedono il capo dello Stato alle 16.30. E ribadiranno la posizione votata

    • News24

    Commissione speciale, sì della Camera. Pd: no ad accordo spartitorio

    Con due settimane di ritardo rispetto a palazzo Madama, anche Montecitorio avvia la Commissione speciale per gli atti urgenti del Governo in attesa di parere, istituita oggi dalla Conferenza dei capigruppo. La prima seduta dell'organismo temporaneo che opera in attesa della costituzione delle

    – di Vittorio Nuti

    • News24

    «Bene i programmi, ora spendere»

    «E'?il momento di scaricare a terra tutti i fondi che abbiamo a disposizione, ma per questo c'è bisogno di capacità amministrativa e di fare gioco di squadra tutti insieme». Per Stefan Pan, vice presidente di Confindustria e presidente del Consiglio delle Rappresentanze regionali e per le politiche

    – di Marzio Bartoloni

    • News24

    ...alla Camera Delrio

    C'è chi lavora per avvicinare le parti. Il reggente Maurizio Martina tesse la tela della mediazione, invoca «unità» e offre «collegialità». Da una parte conferma la linea della maggioranza del Pd, professata da Renzi e dai renziani, di opposizione a un eventuale governo Lega-M5S («Noi non facciamo

1-10 di 1367 risultati