Persone

Graziano Delrio

Graziano Delrio è nato il 27 aprile del 1960 a Reggio Emilia ed è un politico italiano, dal 2 aprile del 2015 riveste la carica di Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, prima nel Governo Renzi poi in quello Gentiloni.

Tra il 22 febbraio del 2014 ed il 2 aprile del 2015, è stato Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri del primo Governo Renzi .

Laureatosi in medicina e ricercatore all'Università di Modena e Reggio Emilia, si è specializzato in Endocrinologia, con studi di perfezionamento in Gran Bretagna e Israele.

Ha assunto il suo primo incarico istituzionale nel 1999, con il Partito Popolare Italiano, subentrando, in qualità di primo dei non eletti, ad un consigliere comunale di Reggio Emilia dimmessosi per assumere la carica di assessore.

Nel 2000 è stato eletto consigliere regionale dell'Emilia Romagna, dove ha presieduto la Commissione sanità e politiche sociali.

Nel 2004 è stato eletto, al primo turno, sindaco di Reggio Emilia, carica riconfermata, sempre al primo turno, nel le elezioni comunali del 2009.

Il 5 ottobre del 2011, dopo esserne stato Vicepresidente con la delega al Welfare e alla Finanza locale, è stato eletto Presidente dell'Associazione nazionale dei Comuni (Anci).

Il 28 aprile del 2013 viene nominato, nel Governa Letta, Ministro per gli Affari Regionali e delle Autonomie, il 26 giugno dello stesso anno riceve, a causa delle dimissioni del Ministro Josefa Idem, anche la delega allo sport.

Il 22 febbraio del 2014 diventa Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri, con funzioni di segretario del consiglio, nel primo Governo Renzi.

Il 2 aprile del 2015 viene nominato, in seguito alle dimissioni di Maurizio Lupi, Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti nel primo Governo Renzi, incarico che mantiene nell'attuale Governo Gentiloni.

E' sposato con Annamaria, che lo ha reso padre di nove figli.

Ultimo aggiornamento 13 dicembre 2016

Ultime notizie su Graziano Delrio
    • News24

    Alitalia, dagli azionisti conferme sul rilancio

    Sul referendum dei lavoratori di Alitalia, il ministro Graziano Delrio (Trasporti), fa sapere di essere «in attesa vigile», e ribadisce che è sbagliato pensare che in caso di vittoria del "no" lo Stato possa intervenire: «Lo Stato potrà solo fare un'amministrazione straordinaria e per pochi mesi, il tempo di accompagnare la compagnia alla liquidazione».

    – di Giorgio Pogliotti

    • News24

    Per la manutenzione delle strade servono 2,5 miliardi l'anno

    Il ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio, e il suo precedessore Maurizio Lupi, e il presidente Anas Gianni Armani, stanno affannosamente cercando di recuperare il tempo perduto, ma come si sa i tempi delle opere pubbliche sono lunghi e il ministero dell'Economia non aiuta, con il Contratto di programma 2016-2020 (autonomia finanziaria e nuovi finanziamenti per 12,6 miliardi) bloccato da sei mesi in infinite negoziazioni tecniche (si parla ora di un Cipe a maggio).

    – di Alessandro Arona

    • News24

    Alitalia, soci appesi al voto del referendum

    Il ministro Graziano Delrio (Trasporti), peraltro, ha spiegato che gli accordi di co-marketing degli aeroporti minori con le low-cost valgono 40 milioni di euro annui, tra risorse pubbliche e private.

    – di Marco Ferrando e Giorgio Pogliotti

    • Agora

    #L'Italia ha bellezza, ingegno e arte ma se continuano a cadere i #ponti ...

    Quando mi alzo la mattina e apro le finestre e sento il cinguettio delle prime rondini che svolazzano nel cielo, azzurro o coperto che sia, mi rendo conto di quanto fortunato sono di essere nato e abitare in questo benedetto Paese Italia. Penso alla bellezza e varietà di paesaggi che la compongono. Penso all'estro ingegnoso che da sempre pervade gli animi delle sue genti. Penso all'incalcolabile patrimonio artistico diffuso lungo la Penisola, all'ammirevole bellezza e solidità di monumenti che ...

    – Nicola Dante Basile

    • News24

    Via al referendum sul futuro di Alitalia

    I 12.500 dipendenti di Alitalia sono chiamati alle urne per esprimersi sul preaccordo siglato da sindacati confederali, di categoria e associazioni professionali lo scorso venerdì notte, dopo una lunghissima no stop al ministero dello Sviluppo economico. Saranno allestiti sette seggi - cinque a

    – di Giorgio Pogliotti

    • News24

    Vertice al ministero: i portuali tolgono i blocchi alla Sa-Rc

    Tre croci piantate all'ingresso del porto nel venerdì santo, culmine di un'immaginaria via crucis. E' la traccia tangibile della protesta dei lavoratori dello scalo di Gioia Tauro, ieri culminata nell'occupazione delle corsie dell'autostrada Salerno-Reggio Calabria, per stigmatizzare la decisione di

    – di M.Me.

1-10 di 1155 risultati