Persone

Gordon Brown

James Gordon Brown è stato primo ministro nonché leader del Partito Laburista del Regno Unito fino a maggio 2010.

La carriera politica di Gordon Brown era cominciata nel 1983, anno della sua prima elezione nel collegio di Dumferline East, in Scozia. Successivamente è stato eletto ininterrottamente in questo collegio fino al 2005, anno in cui il collegio è stato soppresso. Prima di entrare nel Partito Laburista è stato Rettore dell'Università di Edimburgo, dove peraltro si era laureato e aveva anche conseguito il dottorato di ricerca in storia.

Durante i dieci anni di governo Blair, Gordon Brown ha ricoperto la carica di Chancellor of the Exchequer (Cancelliere dello Scacchiere), equivalente al nostro Ministro del tesoro, da cui si è dimesso appunto per diventare primo ministro.

Nel suo lungo incarico come ministro del tesoro Gordon Brown è riuscito a garantire un'epoca di notevole crescita economica per il Regno Unito, distinguendosi anche per politiche di rigore. Ha inoltre operato una riforma che dava alla Banca d'Inghilterra la competenza per la politica monetaria del Regno Unito.

Da ministro del tesoro Gordon Brown ha ricevuto notevole visibilità e notorietà, tanto da essere inserito dal Time Magazine nel 2005 tra le 100 persone più influenti del mondo.

Alla carica di Primo ministro Gordon Brown era giunto nel 2007, succedendo a Tony Blair, senza però essere direttamente eletto. A Tony Blair era succeduto anche nella carica di leader del Partito Laburista, sempre nel 2007.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Gordon Brown
    • News24

    Europa, la parabola degli Stati-nazione

    E dunque eccoci ancora una volta a discutere dell'Europa. Qualcuno pensa sia ovvio: non abbiamo sempre discusso dell'Europa? In realtà no: noi europei abbiamo cominciato a discutere dell'Europa solo di recente, solo a partire dalla seconda guerra mondiale.Quando l'Europa era il centro

    – di Donald Sassoon

    • News24

    La sconcertante Brexit strategy della May

    «Londra era una porta aperta sull'Europa, ora è solo una porta». La battuta attribuita a un osservatore cinese indica l'azzardo che Theresa May ha deciso di correre per inseguire i falchi brexiters sul terreno di uno strappo totale con l'Unione europea. Se questa percezione diverrà realtà e se la

    – di Leonardo Maisano

    • News24

    Quella spina nel fianco del Labour in trincea

    Chi se la ricorda più la "Terza via" di Tony Blair? Eppure sembrava, sino a una decina d'anni fa, che fosse la stella del New Labour Party a fare da bussola alla sinistra europea sulla strada di un rinnovamento tanto della sua tradizionale cassetta degli attrezzi che delle sue visuali originarie,

    – di Valerio Castronovo

    • News24

    Una nuova costituzione per il Regno (dis)Unito

    Oggi il Regno Unito è unito solo di nome. Con regioni e industrie che cercano disperatamente di scongiurare una "Brexit dura" dalla Ue e la Scozia che sta pensando all'indipendenza, qualunque siano i legami che tengono insieme il Regno Unito, sono messi a dura prova.

    – di Gordon Brown

    • News24

    «Mappamondo»: la nuova bussola online per capire con il Sole i grandi trend globali

    Benvenuti nell'era dell'incertezza planetaria. Qual è il volto autentico di Donald Trump? Il megafono rabbioso della classe media frustrata dalla crisi, l'irriducibile isolazionista nelle relazioni commerciali, il leader filorusso e anticinese in politica estera, l'amico di Wall Street e dei grandi

    – di Marco Mariani

    • News24

    La crisi d'identità dei socialisti europei

    Si tratta della fine di un lungo ciclo storico o solo di una crisi transitoria? Questo interrogativo è venuto ponendosi negli ultimi tempi a proposito della perdita di consensi elettorali e d'influenza politica dei partiti socialisti. E' quanto ha cominciato infatti a manifestarsi dalle elezioni

    – di Valerio Castronovo

    • Agora

    Il giro dell'Oca dei conservatori inglesi

    Trent'anni dopo Margaret Thatcher, i conservatori britannici, con un'inversione a 180 gradi, sono tornati, come nel gioco dell'Oca, al punto di partenza, ai tempi del vecchio ex-premier Ted Heath. Dalla destra libertaria della Lady di Ferro, secondo cui , per cui il benessere di un Paese deriva dallo sforzo degli individui singoli e l'unico nucleo solidale riconosciuto era la famiglia, passando  per la "Big Society" di David Cameron, basata non sullo statali...

    – Marco Niada

    • News24

    Lanciata la sfida a Corbyn

    Dopo i conservatori, anche i laburisti potrebbero presto andare a un ricambio della leadership in seguito al voto sulla Brexit del 23 giugno. La portavoce del partito per le questioni economiche, Angela Eagle, ha lanciato la sfida al sempre più traballante Jeremy Corbyn, ormai scaricato dai suoi e

1-10 di 785 risultati