Persone

Giulio Andreotti

Giulio Andreotti è nato a Roma il 14 gennaio del 1919 ed è deceduto sempre a Roma il 6 maggio del 2013, è stato uno statista e scrittore italiano.

Per sette volte presidente del Consiglio, otto volte ministro della Difesa, cinque volte degli Esteri, due volte delle Finanze, del Bilancio e dell’Industria, una volta del Tesoro e una dell'Interno, sempre in Parlamento dal 1946 al 2013; Giulio Andreotti pur non essendone mai stato segretario, è stato per interi decenni il principale esponente della Democrazia Cristiana (Dc).

Conseguita la maturità classica presso il Liceo "Torquato Tasso" di Roma e laureatosi in giurisprudenza, nel 1946 è stato eletto membro all’Assemblea Costituente, mentre nel 1948 è entrato in Parlamento come deputato democristiano.

L’attività di governo di Giulio Andreotti è iniziata nel 1947 con il ruolo di sottosegretario alla presidenza del Consiglio nel governo De Gasperi.

Nel 1972 viene nominato per la prima volta presidente del consiglio, mentre alla fine del decennio è stato alla guida del governo della “solidarietà nazionale”, rimasto in carica dal 29 luglio del 1976 all'11 marzo del 1978 e nato grazie all'astensione del Partito Comunista Italiano di Enrico Berlinguer, durante la votazione in Parlamento per la fiducia.

Alla fine degli anni Ottanta, grazie al patto con Craxi e Forlani (detto Caf, dalle iniziali dei tre), Giulio Andreotti è nominato primo ministro per l’ultima volta.

Dopo il terremoto di Tangentopoli, nel quale non è mai indagato, nel 1991 è stato nominato senatore a vita.

Nel 2003 è terminato il lungo processo nel quale è stato accusato di essere colluso con la mafia, Andreotti ha ottenuto la prescrizione per i presunti reati commessi negli anni precedenti al 1980, mentre è assolto per le vicende verificatesi nel periodo successivo.

Giulio Andreotti è stato insignito di numerose onorificienze italiane e straniere, quali Cancelliere e Tesoriere dell'Ordine militare d'Italia (1959 e 1974), Gran croce al merito della Croce Rossa Italiana, Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme (Santa Sede), Gran Croce dell'Ordine di Isabella la Cattolica (Spagna, 1985), Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Falcone (Islanda) ecc.

E' stato sposato con Livia Danese (scomparsa nel 2015) ed aveva quattro figli, Lamberto, Serena, Stefano e Marilena.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Giulio Andreotti
    • Agora

    Fanfani, Renzi e l'effetto tv

    Dopo le dimissioni, il 3 marzo, del secondo governo Craxi, il presidente della Repubblica, Francesco Cossiga, affida l'incarico di formare un nuovo Governo a Giulio Andreotti che dopo quindici giorni rinuncia, per l'opposizione dei socialisti che tra i democristiani avrebbero preferito Arnaldo Forlani.

    – Gianfranco Fabi

    • News24

    Renzi, Gentiloni, Fanfani e i Governi dimissionari

    Dopo le dimissioni, il 3 marzo, del secondo governo Craxi, il presidente della Repubblica, Francesco Cossiga, affida l'incarico di formare un nuovo Governo a Giulio Andreotti che dopo quindici giorni rinuncia, per l'opposizione dei socialisti che tra i democristiani avrebbero preferito Arnaldo Forlani.

    – di Gianfranco Fabi

    • Info Data

    Tutti i premier della Repubblica degli ultimi 50 anni. Il volto del governo

    Silvio Berlusconi, con 3312 giorni da Premier ripartiti su quattro governi, è il politico più presente a Palazzo Chigi, superando uno dei principali protagonisti della storia repubblicana, Giulio Andreotti. Tra i più importanti esponenti della Democrazia Cristiana, Andreotti è la personalità politica col maggior numero di incarichi.

    – Infodata

    • News24

    Il segreto del metodo Ciampi

    Livornese sì ma atipico, schivo, Carlo Azeglio Ciampi non era un "temerario", esattamente come ha scritto di lui il suo strettissimo collaboratore, prima a Palazzo Chigi e poi al Quirinale, Paolo Peluffo.

    – di Guido Gentili

    • Agora

    Settant'anni dopo, l'eredità di Tina Anselmi per le donne

    "Dico alle mie nipoti: attente, fate la guardia perché le conquiste non sono mai definitive" Non si celebra solo il 70esimo anniversario del suffragio universale, in questo 2016 che vede in America la prima donna candidata alla presidenza. Questo è anche l'anno in cui si ricorda Tina Anselmi, la prima donna italiana a essere nominata ministro. Era il 29 luglio 1976 e Tina Anselmi, partigiana, sindacalista e deputata in Parlamento dal 1968, veniva nominata dall'allora presidente del Consiglio Gi...

    – Barbara Ganz

    • News24

    Mezzo secolo di calcoli esatti tra ingegneria e finanza

    «Palermo non è più una capitale. Qui non succede nulla. Siamo sui binari vuoti della Storia. Bisogna andare a Roma». Nel 1926 Francesco Caltagirone si rivolse così al padre, Gaetano, lasciando la Palermo dove la sua famiglia aveva edificato buona parte dei villini liberty di Via Libertà e una

    – Paolo Bricco

1-10 di 345 risultati