Persone

Giuliano Pisapia

Giuliano Pisapia è nato a Milano il 20 maggio del 1949 ed è un uomo politico e un avvocato.

E' stato sindaco di Milano dal 1º giugno del 2011 al 20 giugno del 2016 e sindaco della Città metropolitana dal 1º gennaio 2015 al 20 giugno 2016.

Dopo aver battuto, come indipendente, Stefano Boeri alle primarie nel 2011 è diventato sindaco di Milano succedendo a Letizia Moratti.

Il primo successo importante nella sua carriera politica risale al 1996, quando è stato eletto come deputato nelle liste di Rifondazione Comunista.

Nel 2001 è di nuovo deputato e presidente del Comitato carceri.

Per la coalizione di centrosinistra, alla vigilia delle elezioni del 2006, ha coordinato il gruppo che ha preparato il programma per la giustizia.

Nel 2009 è stato chiamato a presiedere la Commissione ministeriale per la riforma del codice penale.

L’altra sua carriera, quella di avvocato, è cominciata a trent’anni.

Ha avuto occasione di seguire come parte civile il processo “Toghe sporche” (imputati Previti, i giudici Squillante e Metta) ed è stato l’avvocato della famiglia di Carlo Giuliani, morto negli scontri di piazza avvenuti durante il G8 di Genova, nel 2001.

Ha preso parte anche al processo per l’omicidio dell’attivista Dax, Davide Cesare, nel 2003.

Ha partecipato anche ad alcuni collegi internazionali di difesa, tra i quali quello per il leader curdo Ocalan.

Ha scritto diversi saggi, l’ultimo si intitola: "In attesa di giustizia, dialogo sulle riforme possibili" (2010).

Giuliano Pisapia è sposato dal 2011 con la giornalista e scrittrice italiana Cinzia Sasso.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Giuliano Pisapia
    • News24

    Zingaretti si ricandida per le regionali 2018

    La volontà del governatore Nicola Zingaretti era già nota, ma poche ore fa è arrivata l'ufficialità: il presidente del Lazio punta alla conferma alle prossime regionali che si terranno nella primavera 2018. Il via libera è arrivato, per motivi diversi, da tutte le aree del Partito democratico e

    – di Andrea Marini

    • News24

    Scissione Mdp avanti piano: la mappa della frattura con gli ex compagni del Pd

    Scissione avanti piano. A quasi un mese e mezzo dalla nascita di Articolo 1-Movimento Democratico e Progressista, in 11 consigli regionali sì è già consumata la frattura con gli ex compagni del Pd. Tuttavia, solo in quattro regioni (Piemonte, Toscana, Lazio e Puglia) l'emorragia è stata di

    – di Andrea Marini

    • News24

    Def, Speranza: «Noi contro avventure, ma no a misure che aumentano tensioni»

    «Il Pd è diventato Pdr, partito personale e pigliatutto, con dentro tutto e il contrario di tutto. Non mi meravigliano alleanze strane, arriverà presto l'alleanza con Silvio Berlusconi alla quale diciamo di no». Toni ruvidi e diretti quelli usati da Roberto Speranza, aprendo questa mattina a Napoli

    • News24

    Grillo: chi non è d'accordo crei altro partito

    Beppe Grillo non arretra di un passo. Il «garante» delle regole «sono io» e chi non lo accettapuò accomodarsi fuori dal M5s e farsi «un altro partito», ha detto ieri il leader pentastellato di passaggio alla Camera per partecipare a un convegno sull'acqua pubblica. Grillo ribadisce la linea

    – di Barbara Fiammeri

    • News24

    Nasce anche in Regione Lazio il gruppo degli ex Pd

    Nasce anche in Regione Lazio il gruppo Articolo 1 - Movimento democratico e progressista, che raccoglie gli scissionisti del Pd. La formazione sarà composta da cinque consiglieri regionali, due provenienti dal Pd (Rosa Giancola e Riccardo Agostini) più i tre consiglieri di Sinistra italiana - Sel

    – di Andrea Marini

    • News24

    La differenza del Lingotto di Renzi tra proporzionale e maggioritario

    Venerdì Renzi lancerà la sua corsa alla leadership dal Lingotto di Torino, luogo di nascita del Pd. E' dunque una citazione che, però, non è tanto coerente. Per un motivo: che non c'è più vocazione maggioritaria ma spirito proporzionale. Matteo Renzi torna al Lingotto ma la scelta del posto può

    – di Lina Palmerini

    • Agora

    Tutti i federatori vengono dal Nord

    Se a Roma quelli di Gazebo ironizzano sui molti partiti a sinistra e sull'ultimo nato - quello di Pierluigi Bersani e Massimo D'Alema - che si chiama Art. 1 Modempro (Articolo 1 - Movimento democratici e progressisti) e invece sarebbe stato meglio chiamarlo "Movimento Arturo" (che ora sui social spopola), i candidati federatori dei vari schieramenti vengono dal nord. Nel centrodestra è il governatore della Liguria, Giovanni Toti, a proporre un partito unico. Sempre nel centrodestra Silvio Berlus...

    – Daniele Bellasio

    • Info Data

    Sicurezza: i Comuni che spendono (e quelli che ci guadagnano) di più

    Non più tardi di una decina di giorni fa, il Governo ha approvato un decreto che amplia i poteri dei sindaci nell'ambito della sicurezza. Tra le novità il daspo, ovvero il decreto di allontanamento dal territorio comunale nei confronti dei vandali. Ma, al netto dei nuovi poteri, quanto spendono i comuni per garantire la sicurezza ai propri cittadini? E, dall'altro lato, quanto incassano dalle multe staccate dagli agenti di Polizia locale? Per provare a rispondere a queste domande, InfoData ha u...

    – Riccardo Saporiti

    • Agora

    Civati spiega che a sinistra c'è un antidoto possibile e si chiama Arturo

    Si può chiamare un nuovo partito "Articolo 1 - Movimento democratici e progressisti"? Dal punto di vista dell'appeal in termini di comunicazione politica si può avere qualche dubbio a proposito della sua efficacia per una decina di motivi riassumibili in due: questo nome sa di antico, troppo, e sa di politicismi vari, troppi, oltre a contenere al suo interno l'idea che appena nato il movimento è già un po' diviso in due, democratici e progressisti. Pippo Civati è un tipo che si intende di rete,...

    – Daniele Bellasio

1-10 di 991 risultati