Persone

Giovanni Falcone

Giovanni Falcone era nato il 18 maggio del 1939 a Palermo ed è deceduto a Capaci (PA), il 23 maggio del 1992, è stato un magistrato italiano vittima, insieme alla moglie Francesca Morvillo (magistrato) ed ai suoi agenti di scorta, della strage di Capaci.

E' considerato insieme a Paolo Borsellino, suo collega ed amico, un eroe italiano della lotta contro la mafia.
Allievo del Liceo classico di Palermo, negli anni '50 Giovanni Falcone ha compiuto una breve esperienza all'Accademia navale di Livorno.

Nel 1961 si è laureato con lode in giurisprudenza, presso l'Università degli Studi di Palermo.

Superato il concorso in magistratura, nel 1964 è diventato Pretore a Lentini per trasferirsi come Sostituto Procuratore a Trapani, dove è rimasto per 12 anni.

Nel 1979 Falcone è entrato sotto la guida del giodice Rocco Chinnici nell'Ufficio istruzione della sezione penale dei Tribunale di Palermo, dove ebbe occasione di lavorare insieme al giudice Paolo Borsellino.

Il processo a carico di Rosario Spatola, cosenti a Falcone di scoprire l'intreccio internazionale della crininalità organizzata, portandolo a seguire filoni d'indagine nello spaccio degli stupefacenti, che lo portarono fin negli Stati Uniti.

Le indagini del pool antimafia, alle quali ha partecipato anche Borsellino, nel 1984 hanno fatto emergere l’organizzazione di Cosa Nostra e nel 1986 hanno portato al Maxiprocesso di Palermo.

Grazie alle preziose confessioni di i Tommaso Buscetta, che catturato si pentì e cominciò a collaborare con la giustizia a partire dal luglio del 1984, Giovanni Falcone potè conoscere la struttura dell'organizzione mafiosa. In particolare Falcone intuì la struttura verticistica dell'organizzazione mafiosa, strutturata a partire da alcune famiglie in posizione di comando e caratterizzata spesso da un rapportò di contiguità con apparati dello Stato.

Nel dicembre del '86 Giovanni Falcone è stato nominato Procuratore della Repubblica di Marsala.

Dopo il fallito attentato dell'Addaura, in cui ha rischiato la vita, il Consiglio superiore della Magistratura lo ha nominato Procuratore aggiunto presso la Procura della Repubblica di Palermo.

Candidatosi alle elezioni per i membri togati del Consiglio superiore della magistratura del 1990, Falcone non venne eletto ed accettò, su proposta dell'on. Claudio Martelli, allora vicepresidente del Consiglio e ministro di Grazia e Giustizia ad interim, di dirigere la sezione Affari Penali del ministero.

Il 23 maggio del 1992, ritornato come ogni venerdì a Palermo per il fine settimana insieme alla moglie Francesca Morvillo anche lei magistrato (impegnata in quei giorni a Roma in qualità di commissario negli esami per l'accesso alla carriera di magistrato) viene ucciso nella strage di Capaci.

Uscito dal jet che lo aveva portato da Roma a Punta Raisi, Giovanni Falcone prese posto insieme alla moglie in una Fiat Croma che, preceduta e seguita dalle auto di scorta, avrebbe dovuto portarlo a Palermo ma giunto all'altezza di Capaci, viene travolto dall'esplosione di una carica di 1000 kg di tritolo, sistemati all'interno di un cunicolo di drenaggio sotto l'autostrada.

Falcone e la moglie, gravemente feriti, vennero ricoverati in codizione disperate presso i centri di neurochirurgia più specilizzati di Palermo ma morirono dopo alcune ore, con loro morirono anche tre agenti della scorta,

L'eroismo di Giovanni Falcone è stato tributato con l'attribuzione di una Medaglia d'oro al valor civile (Roma, 5 agosto 1992) e di moltissimi altri riconoscimenti.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Giovanni Falcone
    • News24

    Stato-Mafia: condannati Mori e Dell'Utri, assolto Mancino

    La Corte di Assise di Palermo ha condannato a pene comprese tra 8 e 28 anni di carcere per la cosiddetta trattativa Stato-Mafia gli ex vertici del Ros Mario Mori, Antonio Subranni e Giuseppe De Donno, l'ex senatore Marcello Dell'Utri, Massimo Ciancimino e i boss Leoluca Bagarella e Nino Cinà.

    – di Roberto Galullo

    • News24

    Falciani: «Io, moneta di scambio nella questione catalana»

    «Il mio arresto è una vicenda totalmente politica. La Svizzera sta approfittando della momentanea debolezza del governo spagnolo». Hervé Falciani è finito suo malgrado nel tritacarne della questione catalana e lo ribadisce con forza in questa intervista. Mercoledì 4 aprile l'ingegnere informatico

    – di Angelo Mincuzzi

    • NovaCento

    Dario, Addiopizzo Travel, il lavoro e la legalità

    Caro Diario, Dario Riccobono è un altro degli incontri ravvicinati di lavoro ben fatto che  bellissime connessioni che ho potuto costruire grazie a Join Maremma Online 2018. Lui era lì per raccontare Addiopizzo Travel, ma quelli come lui raccontano molto di più di quello che debbono raccontare, e come sai io quelli come lui non me li faccio scappare. Senti come ha cominciato: «Diecimila anime. Poco distante dall'aeroporto e alle porte di una città di grande interesse storico-artistico, Palermo. ...

    – Vincenzo Moretti

    • Agora

    Stragi di mafia '92-94/ Per la Commissione antimafia due mani: una mafiosa, l'altra esterna - Nascita di un nuovo assetto politico-istituzionale

    A quanto risulta a questo umile e umido blog il capitolo della relazione conclusiva della Commissione parlamentare antimafia dedicato ai "Delitti e stragi di carattere politico­mafioso degli anni 1992­1994" è stato tra quelli che hanno fatto maggiormente penare gli estensori. Ignoro le motivazioni o, meglio, non mi interessano perché, presumo, non fanno parte della dialettica politica ma del "tifo" partigiano, tra chi avrebbe voluto calcare la mano sulla "mano esterna" a Cosa nostra e chi, inve...

    – Roberto Galullo

    • News24

    Pietro Grasso, giudice a latere del maxiprocesso a Cosa Nostra

    Pietro Grasso, 73 anni, è il presidente uscente del Senato ed è il leader di Liberi e uguali. Ex magistrato, Grasso è stato giudice a latere nel primo maxiprocesso a Cosa Nostra, tenutosi a Palermo tra il 10 febbraio 1986 ed il 10 dicembre 1987. Qui ebbe l'occasione di conoscere professionalmente e

    • NovaCento

    SALVINI: UNA MARY POPPINS FASCISTA?

    Dagli Stati Uniti ci osservano con attenzione e devono proprio prenderci per degli imbecilli, con mostri impresentabili come quelli che si autopropongono alle elezioni politiche di domenica 4 marzo. John Oliver (HBO) ne parla a Last Week Tonight, con profusione di dettagli. Probabilmente alcuni passaggi del suo monologo non fanno ridere noi come gli americani, perché ad alcune insensate enormità siamo assuefatti, causa il martellamento della campagna elettorale perenne, traboccante di menzogn...

    – Luca Boschi

    • News24

    De Gennaro: «Noi, gli Stati Uniti e il mondo minacciato dal caos»

    Nella foto del 2006 che mi mostra Gianni De Gennaro compaiono lui - con un sorriso e una espressione da uomo felice - e il direttore dell'Fbi che guarda dritto nell'obiettivo della macchina. «E' Robert Mueller», spiega De Gennaro. Quel Robert Mueller che, adesso, sta indagando come procuratore

    – di Paolo Bricco

    • News24

    A Vienna una mostra fotografica racconta l'eredità di Falcone e Borsellino

    Una mostra fotografica su Falcone e Borsellino è stata allestita a Vienna nel complesso della Hofburg, la residenza imperiale. Inaugurata oggi in occasione del primo Consiglio permanente a Presidenza italiana dell'Osce l'esposizione, organizzata dall'agenzia Ansa, punta a mantenere alto il ricordo

    • Agora

    Lotta alle mafie/1 Manco lo Stato ci crede: la formazione interna è svolta appena dal 7,1% delle Istituzioni, che deve pure incentivare i corsisti!

    Come sa chi segue questo umile e umido blog da oltre 10 anni, ritengo desolatamente che la lotta alle mafie e ai sistemi criminali integrati (molto più pericolosi delle mafie) sia soltanto chiacchiere e distintivo. Le poche eccezioni che ci sono non fanno che aggravare lo stato di angoscia generale e generalizzato. Ne ho avuto riprova dai lavori conclusivi degli Stati generali delle lotte alle mafie che ho seguito per il sito e per il quotidiano (chi non ha avuto modo di leggermi può rimediare ...

    – Roberto Galullo

    • News24

    Messina Denaro ma non solo. Chi sarà il nuovo capo di Cosa Nostra?

    Dopo Totò Riina chi? La domanda sulla successione di Cosa nostra è legittima visto che era ancora l'87enne corleonese l'ultimo capo riconosciuto. Né la Commissione provinciale né quella regionale, infatti, dopo il suo arresto il 15 gennaio 1993 e 24 anni di latitanza, sono mai più tornate a

    – di Roberto Galullo

1-10 di 463 risultati