Persone

Giovanni Falcone

Giovanni Falcone era nato il 18 maggio del 1939 a Palermo ed è deceduto a Capaci (PA), il 23 maggio del 1992, è stato un magistrato italiano vittima, insieme alla moglie Francesca Morvillo (magistrato) ed ai suoi agenti di scorta, della strage di Capaci.

E' considerato insieme a Paolo Borsellino, suo collega ed amico, un eroe italiano della lotta contro la mafia.
Allievo del Liceo classico di Palermo, negli anni '50 Giovanni Falcone ha compiuto una breve esperienza all'Accademia navale di Livorno.

Nel 1961 si è laureato con lode in giurisprudenza, presso l'Università degli Studi di Palermo.

Superato il concorso in magistratura, nel 1964 è diventato Pretore a Lentini per trasferirsi come Sostituto Procuratore a Trapani, dove è rimasto per 12 anni.

Nel 1979 Falcone è entrato sotto la guida del giodice Rocco Chinnici nell'Ufficio istruzione della sezione penale dei Tribunale di Palermo, dove ebbe occasione di lavorare insieme al giudice Paolo Borsellino.

Il processo a carico di Rosario Spatola, cosenti a Falcone di scoprire l'intreccio internazionale della crininalità organizzata, portandolo a seguire filoni d'indagine nello spaccio degli stupefacenti, che lo portarono fin negli Stati Uniti.

Le indagini del pool antimafia, alle quali ha partecipato anche Borsellino, nel 1984 hanno fatto emergere l’organizzazione di Cosa Nostra e nel 1986 hanno portato al Maxiprocesso di Palermo.

Grazie alle preziose confessioni di i Tommaso Buscetta, che catturato si pentì e cominciò a collaborare con la giustizia a partire dal luglio del 1984, Giovanni Falcone potè conoscere la struttura dell'organizzione mafiosa. In particolare Falcone intuì la struttura verticistica dell'organizzazione mafiosa, strutturata a partire da alcune famiglie in posizione di comando e caratterizzata spesso da un rapportò di contiguità con apparati dello Stato.

Nel dicembre del '86 Giovanni Falcone è stato nominato Procuratore della Repubblica di Marsala.

Dopo il fallito attentato dell'Addaura, in cui ha rischiato la vita, il Consiglio superiore della Magistratura lo ha nominato Procuratore aggiunto presso la Procura della Repubblica di Palermo.

Candidatosi alle elezioni per i membri togati del Consiglio superiore della magistratura del 1990, Falcone non venne eletto ed accettò, su proposta dell'on. Claudio Martelli, allora vicepresidente del Consiglio e ministro di Grazia e Giustizia ad interim, di dirigere la sezione Affari Penali del ministero.

Il 23 maggio del 1992, ritornato come ogni venerdì a Palermo per il fine settimana insieme alla moglie Francesca Morvillo anche lei magistrato (impegnata in quei giorni a Roma in qualità di commissario negli esami per l'accesso alla carriera di magistrato) viene ucciso nella strage di Capaci.

Uscito dal jet che lo aveva portato da Roma a Punta Raisi, Giovanni Falcone prese posto insieme alla moglie in una Fiat Croma che, preceduta e seguita dalle auto di scorta, avrebbe dovuto portarlo a Palermo ma giunto all'altezza di Capaci, viene travolto dall'esplosione di una carica di 1000 kg di tritolo, sistemati all'interno di un cunicolo di drenaggio sotto l'autostrada.

Falcone e la moglie, gravemente feriti, vennero ricoverati in codizione disperate presso i centri di neurochirurgia più specilizzati di Palermo ma morirono dopo alcune ore, con loro morirono anche tre agenti della scorta,

L'eroismo di Giovanni Falcone è stato tributato con l'attribuzione di una Medaglia d'oro al valor civile (Roma, 5 agosto 1992) e di moltissimi altri riconoscimenti.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Giovanni Falcone
    • Econopoly

    L'Italia in tre metafore (forza, altrimenti non ce la facciamo)

    Al marziano appena atterrato, l'Italia si spiega con tre metafore: 1) un bel corallo, morto; 2) i 66 funzionari addetti alla casa natale di Pirandello; e - purtroppo - 3) la figura dell'"eroe suo malgrado". 1. Un bel corallo, morto. Il corallo è costruito da colonie di piccoli polipi - gli antozoi (letteralmente: "fiori animali", dal greco ????? e ????), che per proteggersi e sostenersi si dotano di uno scheletro calcareo - ed è colorato dalle alghe che, in simbiosi con gli antozoi, li nutron...

    – Alessandro Magnoli Bocchi

    • News24

    Antiriciclaggio: per i professionisti oneri e sanzioni

    Mancata abolizione delle sanzioni per irregolarità formali, vaghezza delle norme ed eccessiva discrezionalità nell' applicazione. Sono le principali ombre che i professionisti trovano del decreto che attua la IV Direttiva antiriciclaggio, il cui testo è stato già trasmesso agli uffici che devono

    – di Patrizia Maciocchi

    • Agora

    Esce il libro "Il Mutamento: le mafie hanno davvero cambiato pelle?"

    Ha ragione il vicequestore Daniele Manganaro quando dice che bisogna andare sui Nebrodi per comprendere il mutamento della mafia. E ha ragione perché lì, sui Nebrodi, grazie alla manna dei fondi pubblici destinati all'agricoltura la mafia è diventata sempre più sfuggente e per di più sempre più integrata nei sistemi tutelati dai colletti bianchi. E' un caso da studiare e approfondire perché spesso i cittadini, in buona fede, rispondono: ma questa che mafia è? Certo questa non è una novità e dimo...

    – Nino Amadore

    • Agora

    Per quattro giorni Palermo capitale dell'editoria con "Una marina di libri: 90 gli editori presenti

    E' ormai, a buon titolo, un pezzo di Palermo capitale della cultura. Anzi, si potrebbe dire, che ha di fatto contribuito a costruire l'immagine di una città che vuole fare della cultura un asset fondamentale. E dà risposte alla fame di sapere, di lettura, di conoscenza. L'anno scorso, per dire, nei giorni della manifestazione sono stati venduti diecimila libri. Non male. Così Una marina di libri, la manifestazione che si apre domani all'Orto Botanico di Palermo festival dell'editoria indipendent...

    – Nino Amadore

    • Agora

    1° agosto 1988, Csm, seduta tesissima, Giovanni Falcone: «Mi sono sentito aggredito e non ci sono abituato»

    Amati lettori di questo umile e umido blog continuo a raccontare alcuni stralci della seduta congiunta del 1° agosto 1988 (inizio alle ore 15.40) della prima commissione referente e del Comitato antimafia presso il Consiglio superiore della magistratura (Csm). Come abbiamo visto (rimando ai link a fondo pagina ) sono giorni caldi. La polemica tra l'ufficio istruzione del Tribunale di Palermo e il suo consigliere Antonino Meli (preferito dallo stesso Csm a Giovanni Falcone) è alle stelle. Il 1°...

    – Roberto Galullo

    • Agora

    L'ufficio istruzione di Palermo nell'88: straziato dalle statistiche, abbandonato nel maxiprocesso - Parola di Ignazio De Francisci

    Amati lettori di questo umile e umido blog tengo sempre fede alle mie promesse. Ho scritto che le lacrime di coccodrillo (di Stato) sono state versate copiosamente in occasione del venticinquennale della strage di Capaci. Promisi che avrei continuato a parlare degli atti desecretati del Csm sul giudice Giovanni Falcone. Ebbene, per quel che finora ho scritto rimando ai link a fondo pagina. Oggi vorrei continuare a raccontare alcuni stralci educativi della seduta congiunta del 1°  agosto 1988 ...

    – Roberto Galullo

    • News24

    Cosa nostra, 19 arresti a New York per sospetti legami con il clan Lucchese

    Pochi giorni dopo il venticinquennale della strage di Capaci l'Fbi, che con il giudice Giovanni Falcone ebbe straordinari rapporti, ne onora la memoria arrestando 19 persone a New York accusate di essere legati alla storica famiglia Lucchese.Tra le persone arrestate dagli agenti federali con accuse

    – di Roberto Galullo

    • Agora

    Il giudice di Palermo Guarnotta al Csm nell'88: «Che per il maxiprocesso ci volessero anni di studio del neoconsigliere, voi dovevate saperlo»

    Amati lettori di questo umile e umido blog tengo sempre fede alle mie promesse. Ho scritto che le lacrime di coccodrillo (di Stato) sono state versate copiosamente in occasione del venticinquennale della strage di Capaci. Promisi che avrei continuato a parlare degli atti desecretati del Csm sul giudice Giovanni Falcone, proprio perché la memoria dei Servitori dello Stato come lui e pochi altri deve accompagnarci sempre. Non un solo giorno all'anno. Ebbene, per quel che finora ho scritto rimand...

    – Roberto Galullo

    • Agora

    25 anni dopo Capaci/5 Meli non voleva smantellare il pool antimafia di Palermo (ipse dixit) ma Giovanni Falcone pensava il contrario

    Amati lettori di questo umile e umido blog, imperterrito, continuo a scartabellare le carte su Giovanni Falcone desecretate dal Csm e di cui vi racconto dalla scorsa settimana (si vedano i link a fondo pagina). Bene, ieri eravamo rimasti con il botta e risposta tra alcuni magistrati dell'Ufficio Istruzione di Palermo (tra cui lo stesso Falcone e Leonardo Guarnotta)  e Antonino Meli, da pochi mesi capo dell'ufficio e destinatario di una lettera di fine luglio 1988 molto dura nei confronti della ...

    – Roberto Galullo

    • Agora

    25 anni dopo Capaci/4 Via Caponnetto, dentro Meli e all'ufficio Istruzione qualcuno voleva introdurre «un sistema di terrore come ai vecchi tempi»

    Ieri, immancabilmente, abbiamo assistito ad un profluvio di lacrime di coccodrillo nel giorno della memoria della strage di Capaci. Una valle di lacrime delle quali solo alcune stille erano, sono e saranno vere. Inevitabile, come ha raccontato a chi vi scrive Roberto Scarpinato, procuratore generale di Palermo nella videointervista che potete trovare nel sito del Sole-24 Ore. Ora, chi come questo umile e umido blog, non si ricorda solo un giorno o al massimo due giorni all'anno di scrivere, in...

    – Roberto Galullo

1-10 di 434 risultati