Persone

Giovanni Bazoli

Giovanni Bazoli è nato il 18 dicembre 1932 a Brescia ed è un banchiere italiano, ex presidente del Consiglio di sorveglianza di Intesa Sanpaolo e presidente onorario dello stesso gruppo.

Ha rivestito e riveste inoltre numerosi altri ruoli in diversi istituti bancari italiani, quali UBI Banca, ABI, Alleanza Assicurazioni, Mittel SpA e altri enti e fondazioni.
Giovanni Bazoli inizia a lavorare come docente di Diritto amministrativo e di Diritto pubblico dell’economia all’Università Cattolica di Milano.

Nel 1982 viene invitato dall’allora Ministro del Tesoro Andreatta al salvataggio del Banco Ambrosiano, travolto dallo scandalo delle operazioni illecite di Calvi. In quel momento Bazoli è amministratore della Banca San Paolo di Brescia.

Successivamente diviene Presidente del Nuovo Banco Ambrosiano, che aveva raccolto le attività bancarie del fallito Banco Ambrosiano di Calvi. In questo periodo, in qualità di Presidente della banca, Bazoli porta a termine la cessione del gruppo editoriale Rizzoli-Corriere della Sera. È inoltre il beneficiario della transazione in quanto Presidente della Mittel, una delle società che parteciparono all'acquisto del gruppo.
Sotto la sua presidenza nasce il Banco Ambrosiano Veneto, fusione del Nuovo Banco Ambrosiano con la Banca Cattolica del Veneto.

Nel 1997 nasce invece Banca Intesa, dall’unione dell’Ambroveneto con Cariplo.
Due anni dopo Banca Intesa si fonde con la Banca Commerciale italiana e con il Sanpaolo di Torino, dando vita all’attuale gruppo Intesa Sanpaolo. Giovanni Bazoli, oltre ad assumersi la presidenza, ricopre anche il ruolo di Presidente del Consiglio di Sorveglianza del gruppo, incarico dal quale decide di dimettersi il 27 aprile del 2016.

E' stato insignito della Medaglia d'oro ai benemeriti della Cultura e dell'Arte (Roma, 25 marzo 2013).
Giovanni Bazoli è sposato con Elena Whurer, dalla quale ha avuto tre figli, Stefano, Francesca e Chiara

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Giovanni Bazoli
    • News24

    La scommessa sul futuro di Intesa

    Il «sogno politico finanziario» accarezzato da anni dai padri fondatori di Intesa Sanapaolo (da Giuseppe Guzzetti a Giovanni Bazoli ed Enrico Salza, fino ai vecchi auspici dello scomparso Alfonso Desiata), nei tempi moderni poteva avere un senso solo se si fosse trovata una difficile quadratura industriale tra i due gruppi.

    – di Alessandro Graziani

    • News24

    Quel progetto archiviato in 5 settimane

    Davanti a lui, in prima fila, erano seduti Giovanni Bazoli ed Enrico Salza, che proprio di ritorno da Trieste, nel 2006, avevano "visto" per la prima volta quella che sarebbe diventata la prima banca italiana.

    – Marco Ferrando

    • News24

    Intesa: «Valutiamo un piano con Generali»

    Con queste parole, ad aprile, Giovanni Bazoli chiudeva davanti ai soci in assemblea la sua presidenza di Intesa Sanpaolo. ... Dunque, in teoria non si dovrà parlare dei piani su Trieste, di cui anche Giovanni Bazoli ha dichiarato ieri di non avere «nulla da dire».

    – Marco Ferrando

    • News24

    Dieci anni fa la fusione tra Intesa e Sanpaolo

    La banca del Nord. Ma, soprattutto, la banca del Paese. Intesa Sanpaolo è nata dalla fusione e dalla integrazione fra i due istituti - Banca Intesa e Sanpaolo Imi - che hanno rispecchiato e riprodotto, sostenuto e vivificato - nei termini dell'economia e delle élite - pezzi fondamentali della

    – di Paolo Bricco

    • News24

    Messina: «Ai primissimi posti per efficienza»

    Dieci anni per costruire una unica realtà industriale. Per sperimentare gli effetti della buona governance. Per sviluppare una storia che è, al contempo, una storia di classe dirigente e una storia di persone comuni - 90mila in tutto, 30mila all'estero - impegnate tutti i giorni a lavorare nelle

    – di P.Br.

    • Econopoly

    Il desiderio di capire e la responsabilità di decidere, ecco l'eredità di Ciampi

    Quando una persona ci lascia a 95 anni non si può dire che sia una morte prematura. Ma i tempi che stiamo vivendo rendono la dipartita di Carlo Azeglio Ciampi non solo triste ma anche carica di rimpianti. In anni in cui parte dell'opinione pubblica si scaglia contro le élite, in cui la delegittimazione di chiunque abbia studiato a fondo un problema è la regola, i moniti di Ciampi ci mancheranno molto. Ogni volta che mi presento in aula per la prima lezione di Sistema Finanziario - presso la Liu...

    – Beniamino Piccone

    • News24

    Quegli anni cruciali del Banco Ambrosiano

    Carlo Azeglio Ciampi è stato un esemplare servitore delle istituzioni. Ma è stato anche e soprattutto un uomo di specchiata probità e di eccezionale rigore morale. Come Presidente della Repubblica, grazie ai suoi valori semplici e autentici - e anche alla grande simpatia e spontaneità della moglie

    – di Giovanni Bazoli

    • News24

    Banchieri italiani, stipendi in crescita. Ecco i più pagati

    Molte banche sono ancora nella bufera, ma gli stipendi dei banchieri italiani sono aumentati nel 2015. L'inchiesta del Sole 24 Ore mostra un pressoché generale incremento dei compensi complessivi .

    – di Gianni Dragoni

    • News24

    Rcs, Cairo pronto per la svolta in cda

    Conquistato il controllo di Rcs, Urbano Cairo si appresta a entrare nel consiglio di amministrazione del gruppo editoriale. Dopo il disco verde della Consob, che ha garantito che l'Offerta pubblica di acquisto e di scambio di Cairo Communication su Rcs può andare avanti nonostante gli esposti

    – Marigia Mangano

1-10 di 559 risultati