Persone

Giorgio Armani

Giorgio Armani nato a Piacenza l’11 luglio del 1934 è uno stilista e imprenditore italiano. Considerato una delle punte di diamante del made in Italy, ha avuto l’indiscusso merito di portare , in tutto il mondo, un modello vincente ed elegante di creatività.Abbandonati gli studi in Medicina, nei primi anni ’60 viene assunto come merchandiser a La Rinascente di Milano, allora, vera e propria fucina di talenti creativi.Nel 1965 viene assunto da Nino Cerruti per dare un nuovo volto al marchio Hitman del Lanificio Francesco Cerruti e disegna così la sua prima linea. Dopo sette anni, su incoraggiamento dell’amico e futuro socio Sergio Galeotti, lascia Cerutti per diventare un disegnatore di moda e consulente free lance. Nel 1975 nasce la Giorgio Armani s.p.a con la primissima linea uomo-donna prèt a porter. A distanza di un anno, la collezione che lo consacra come nuovo talento della moda, è presentata nella prestigiosa Sala Bianca di Firenze ed è l’inizio di uno stile nuovo. La rigidità e le linee squadrate e severe delle giacche da uomo, cedono il passo ad una versione informale, morbida, priva di supporti interni, con i bottoni spostati e senza spalline. Forme libere e lontane dai vecchi canoni ma sempre controllate per eleganza e buon gusto. E per la donna scarpe con il tacco basso e addirittura sportive, vengono accostate agli abiti da sera. La sua notorietà si diffonde in Europa e, grazie a un contratto con il Gruppo Finanziario Tessile, il Gruppo comincia la sua espansione nelle principali capitali europee. Alla fine degli anni 60 la maison è una delle più importanti aziende di moda del globo con le seguenti linee: Le Collezioni, Armani junior, Accessori, Underwear e Swinwear. Nel 1982, la consacrazione definitiva, gli viene attribuita dal Time (Giorgio’s Gorgeous Style). Fra gli stilisti, solo Christian Dior, quarant’anni prima, aveva ottenuto tale onore. E’solo l’inizio di molti successi: nell’83 il Council of Fashion Designers of America lo elegge “stilista internazionale dell’anno”, nominato Commendatore della Repubblica nel 1985, Grande Ufficiale nel 1986 e Gran Cavaliere nel 1987. Premiato dall’associazione animalista Peta nel 1990, nel 91 il Royal College of Art di Londra, gli conferisce la laurea honoris causa e nel 1998 Il Sole 24 Ore gli tributa il Premio Risultati, il riconoscimento assegnato alle imprese italiane che creano valore e rappresentano formule imprenditoriali di successo. Gli anni 80 vedono il gruppo impegnato su diversi fronti: dalla produzione di profumi affidata alla L’Oreal, all’espansione del gruppo in Asia e, nello stesso periodo, alla nascita delle linee Armani jeans e Emporio Armani. Nel 2000 sigla un accordo con il Gruppo Zegna per produrre e distribuire le linee Armani Collezioni in joint venture. Nel 2002 nasce la partnership con Luxottica e, a seguire, le linee Giorgio Armani Cosmetics e Armani Casa.Nella classifica stilata dalla rivista americana Forbes il patrimonio di Giorgio Armani ammonta a circa 7 miliardi di dollari (dati 2017).

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Giorgio Armani
    • News24

    Pitti celebra (e spinge) il record dell'export di moda uomo

    Anche la soglia del 65% di export è stata superata. L'industria italiana della moda maschile frantuma un altro record, quello del peso delle vendite estere sul fatturato (che nell'ultimo lustro è cresciuto di oltre sei punti percentuali), e diventa sempre più internazionale. Merito delle aziende

    – di Silvia Pieraccini

    • News24

    Con Pitti Uomo Firenze diventa la capitale del lifestyle

    Qualche nube persiste all'orizzonte, soprattutto nei cieli di Usa e Giappone, ma l'industria italiana della moda maschile dimostra di avere ormai gli strumenti per affrontare le perturbazioni dei mercati, riuscendo addirittura a mettere a segno nuovi record.

    – di Silvia Pieraccini

    • News24

    Uno stile unico che continua a sedurre gli stati uniti

    L'identità del made in Italy negli Stati Uniti si è evoluta dal Secondo dopoguerra a oggi, dando spazio a eccellenze sempre più diversificate da tech a farmaceutica. Ma un punto fermo resta: quel cuore che ha reso lo stile italiano unico e riconoscibile, nella moda, negli accessori e gioielli come

    – di Marco Valsania

    • News24

    Cate Blanchett prima global ambassador di Giorgio Armani Beauty

    Cate Blanchett è la prima global ambassador di Giorgio Armani Beauty. La collaborazione dell'attrice - volto del profumo Sì, sin dalla sua creazione nel 2013, e ora anche della sua ultima declinazione, Sì Passione - con la maison è stata infatti estesa a tutte le categorie di cosmetici, dal make-up

    – di Marika Gervasio

    • News24

    Occhi, bocca e capelli 3D: le nuove frontiere della cosmesi

    L'effetto 3D è utilizzato in modo costante nel cinema, spesso nei film d'azione e di avventura per dare un valore aggiunto, ma il trend tridimensionale si estende anche ad altri campi. Al Mido, la fiera internazionale dell'occhialeria, l'azienda austriaca Neubau Eyewear ha presentato una capsule

    – di Monica Melotti

    • News24

    Pelle come il velluto con l'effetto «mat»

    Al «glow factor», quella pelle magicamente incandescente e radiosa, si affianca l'effetto «mat», non solo confinato alla stagione invernale, ma anche sdoganato per la primavera-estate. Nulla vieta poi di mixare l'effetto brillante a quello opaco per un risultato veramente sorprendente. «L'effetto

    – di Monica Melotti

    • News24

    Il fondotinta «nude» di Giorgio Armani: liquido o polvere?

    Il make-up c'è, ma non si vede: Giorgio Armani Beauty punta sulla bellezza cosiddetta nude con prodotti dalle texture impalpabili e sottili e presenta una gamma completa per pelle, guance e labbra: Neo Nude. Protagonista il fondotinta. Liquido o in polvere? La risposta è Neo Nude Fusion Powder,

    – di Marika Gervasio

    • News24

    «Quarant'anni fa arrivai a Ivrea e divenni subito olivettiano»

    «L'Olivetti è una straordinaria storia di successo nelle sue ripetute metamorfosi». Carlo De Benedetti è nella sua casa in collina, a Dogliani. Cà di Nostri è una vecchia cascina acquistata e rimessa a posto dieci anni fa. Sotto i nostri occhi si trovano i filari di Dolcetto della famiglia Einaudi.

    – di Paolo Bricco

1-10 di 837 risultati