Persone

Giorgio Armani

Giorgio Armani nato a Piacenza l’11 luglio del 1934 è uno stilista e imprenditore italiano. Considerato una delle punte di diamante del made in Italy, ha avuto l’indiscusso merito di portare , in tutto il mondo, un modello vincente ed elegante di creatività.Abbandonati gli studi in Medicina, nei primi anni ’60 viene assunto come merchandiser a La Rinascente di Milano, allora, vera e propria fucina di talenti creativi.Nel 1965 viene assunto da Nino Cerruti per dare un nuovo volto al marchio Hitman del Lanificio Francesco Cerruti e disegna così la sua prima linea. Dopo sette anni, su incoraggiamento dell’amico e futuro socio Sergio Galeotti, lascia Cerutti per diventare un disegnatore di moda e consulente free lance. Nel 1975 nasce la Giorgio Armani s.p.a con la primissima linea uomo-donna prèt a porter. A distanza di un anno, la collezione che lo consacra come nuovo talento della moda, è presentata nella prestigiosa Sala Bianca di Firenze ed è l’inizio di uno stile nuovo. La rigidità e le linee squadrate e severe delle giacche da uomo, cedono il passo ad una versione informale, morbida, priva di supporti interni, con i bottoni spostati e senza spalline. Forme libere e lontane dai vecchi canoni ma sempre controllate per eleganza e buon gusto. E per la donna scarpe con il tacco basso e addirittura sportive, vengono accostate agli abiti da sera. La sua notorietà si diffonde in Europa e, grazie a un contratto con il Gruppo Finanziario Tessile, il Gruppo comincia la sua espansione nelle principali capitali europee. Alla fine degli anni 60 la maison è una delle più importanti aziende di moda del globo con le seguenti linee: Le Collezioni, Armani junior, Accessori, Underwear e Swinwear. Nel 1982, la consacrazione definitiva, gli viene attribuita dal Time (Giorgio’s Gorgeous Style). Fra gli stilisti, solo Christian Dior, quarant’anni prima, aveva ottenuto tale onore. E’solo l’inizio di molti successi: nell’83 il Council of Fashion Designers of America lo elegge “stilista internazionale dell’anno”, nominato Commendatore della Repubblica nel 1985, Grande Ufficiale nel 1986 e Gran Cavaliere nel 1987. Premiato dall’associazione animalista Peta nel 1990, nel 91 il Royal College of Art di Londra, gli conferisce la laurea honoris causa e nel 1998 Il Sole 24 Ore gli tributa il Premio Risultati, il riconoscimento assegnato alle imprese italiane che creano valore e rappresentano formule imprenditoriali di successo. Gli anni 80 vedono il gruppo impegnato su diversi fronti: dalla produzione di profumi affidata alla L’Oreal, all’espansione del gruppo in Asia e, nello stesso periodo, alla nascita delle linee Armani jeans e Emporio Armani. Nel 2000 sigla un accordo con il Gruppo Zegna per produrre e distribuire le linee Armani Collezioni in joint venture. Nel 2002 nasce la partnership con Luxottica e, a seguire, le linee Giorgio Armani Cosmetics e Armani Casa.Nella classifica stilata dalla rivista americana Forbes il patrimonio di Giorgio Armani ammonta a circa 7 miliardi di dollari (dati 2017).

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Giorgio Armani
    • Agora

    Italian luxury brand: Giorgio Armani entra in Altagamma

    Secondo voci di mercato, non confermate, Giorgio Armani sarebbe pronto ad entrare in Altagamma, l'esclusivo Club delle eccellenze made in Italy guidato da Andrea Illy. Costituita nel 1992 la Fondazione Altagamma associa i marchi top, da Versace a Pucci, da Frescobaldi ad Allegrini e Ferrari-Lunelli, da Bulgari a Buccellati, tanto per citarne solo alcuni. Come detto si tratta solo di voci. Fonti di Altagamma smentiscono contatti con Armani.

    – Vincenzo Chierchia

    • News24

    Sanzioni e dazi ostacolano il lusso made in Italy all'estero

    C'è chi continua a comprare e chi ha iniziato a vendere. Si vocifera su imminenti Ipo o M&A. E c'è quella che gli americani chiamano merry go round (giostra) di stilisti e manager. Nei primi tre mesi del 2018 il lusso ha dato molti segnali di vitalità. In aprile arriveranno i risultati trimestrali

    – di Giulia Crivelli

    • News24

    Rinascente, vetrine green firmate Dolce & Gabbana a Roma e Milano

    Quelle allestite verso la metà di novembre da Bergdorf Goodman sono, da oltre un secolo, una delle attrazioni natalizie di New York; quelle create da Leïla Menchari a ogni inizio di stagione, per quasi 40 anni, per la storica boutique Hermès di Faubourg-Saint-Honoré, nel cuore di Parigi, nel 2017

    – di Giulia Crivelli

    • News24

    Colomba, uovo o pastiera: ecco cosa scegliere per Pasqua

    Tempo di colombe, uova e pastiere: la Pasqua è forse la festa più "cristiana" che esista, culinariamente parlando; i riferimenti ai dolci della tradizione hanno la più forte connotazione religiosa di qualsiasi altro evento. Dalle uova simbolo di vita e rinascita: solide quanto il Santo Sepolcro,

    – di Camilla Rocca

    • News24

    La ripresa delle pellicce passa da Russia e Asia

    Uno degli annunci più dirompenti venuti dal mondo della moda nel 2017 è stato quello di Gucci sulle pellicce. Seguendo l'esempio di Giorgio Armani del marzo 2016, la maison ha spiegato che sarebbe diventata fur free.

    – di Giulia Crivelli

    • News24

    Da Emporio Armani a Philosophy tripudio di edonismo e pop

    A cosa servono i vestiti? Non certo, o forse non solo, a coprirsi: per quello bastava la pelle d'orso o le sue evoluzioni contemporanee in forma di paludamenti anonimi. I vestiti servono a rappresentarsi, raccontarsi, definire status e appartenenza, divertirsi. Se ne sono avuti esempi di ogni

    – di Angelo Flaccavento

    • News24

    Al Mido va in scena l'eccellenza italiana dell'occhialeria

    E' una felice concomitanza quella tra le sfilate e presentazioni in corso a Milano fino a lunedì e Mido, la grande vetrina dell'occhialeria che si apre domani a Rho. Un evento annuale, a differenza delle manifestazioni dedicate a pelletteria e calzature, tra i più importanti d'Europa e non solo.

    – di Giulia Crivelli

1-10 di 826 risultati