Le nostre Firme

Gideon Rachman

Gideon Rachman è capo della sezione esteri ed editorialista del Financial Times dal 2006. Per 15 anni ha lavorato al settimanale The Economist come corrispondente da Bruxelles, Washington e Bangkok.

Ultimo aggiornamento 29 marzo 2017

Ultime notizie su Gideon Rachman
    • News24

    Le ragioni democratiche per fermare la Brexit

    La campagna per fermare la Brexit sta prendendo slancio. Il segnale più evidente sono le voci sempre più insistenti che invocano un secondo referendum. Al momento si tratta ancora prevalentemente di politici non più in attività, come Tony Blair e Nick Clegg, che dichiarano apertamente di voler

    – di Gideon Rachman

    • News24

    Trump, Xi e Merkel, una poltrona per tre

    Il primo vertice dei leader del G20 si tenne a Washington alla fine del 2008. Anche se la credibilità degli Stati Uniti era stata intaccata dal tracollo della Lehman Brothers e dalla guerra in Iraq, non c'era dubbio che il leader più importante in quella sala fosse il presidente Usa George W. Bush.

    – di Gideon Rachman

    • News24

    Cina, India e lo scontro di due civiltà antagoniste

    Nell'ultimo decennio la Cina ha sempre primeggiato, diventando il più grande produttore al mondo, il più grande esportatore al mondo, il paese con le più grandi riserve di valuta estera al mondo, il più grande mercato automobilistico al mondo. Nel 2014 il Fondo monetario internazionale ha riportato

    – di Gideon Rachman

    • News24

    Merkel, Trump e la fine dell'Occidente

    La prima visita ufficiale di Donald Trump in Europa è stata imbarazzante e le conseguenze sono state esplosive. Poco dopo il ritorno del presidente americano a Washington, nel corso di un comizio elettorale, Angela Merkel ha praticamente annunciato la fine dell'Alleanza atlantica.«E' finita l'epoca

    – di Gideon Rachman

    • News24

    Perché Macron è importante per la Francia e per il mondo intero

    Mentre assapora la sua vittoria alle elezioni per la presidenza della Francia, Emmanuel Macron potrebbe riflettere sulle parole che John Maynard Keynes indirizzò a Franklin Roosevelt nel dicembre 1933 in una lettera aperta. L'economista britannico scrisse al presidente degli Stati Uniti: «Lei si è

    – di Gideon Rachman

    • News24

    La triste deriva nazionalista dei negoziati sulla Brexit

    La scorsa settimana, mentre ero seduto sull'Heathrow Express, di ritorno dall'aeroporto londinese dopo un breve viaggio a Berlino, mi sono trovato a scrivere un discorso per Theresa May, da pronunciare il giorno successivo alla rottura definitiva dei negoziati sulla Brexit.

    – di Gideon Rachman

    • News24

    Nel duello Macron-Le Pen la tendenza comune a tutto il mondo

    Il primo turno delle elezioni per la presidenza della Francia ha confermato la nuova tendenza della politica internazionale: di Paese in Paese, la divisione politica più importante non è più tra sinistra e destra, ma tra nazionalisti e internazionalisti. L'anno della svolta per i nazionalisti è

    – di Gideon Rachman

    • News24

    Trump e il rischio di mettere la Corea del Nord in un angolo

    Nel 1950, una combinazione di parole fraintese da Washington e di errori di calcolo commessi da Pyongyang portò allo scoppio della guerra di Corea. Oggi, mentre il mondo contempla l'eventualità che nella penisola coreana possa esplodere un altro conflitto, il rischio è che i governi di Stati Uniti

    – di Gideon Rachman

    • News24

    La giravolta siriana di Trump è una buona notizia. O no?

    Normalmente la notizia che gli Stati Uniti hanno lanciato un attacco missilistico in Medio Oriente non sarebbe motivo di celebrazione. Ma il sollievo e il compiacimento con cui è stata accolta negli ambienti degli esperti di politica estera Usa la decisione dell'amministrazione Trump di sferrare un

    – di Gideon Rachman

    • News24

    Brexit e l'illusione dell'«Impero 2.0» (gli inglesi non sanno la storia)

    Come etichetta è a dir poco infelice. Tra alcuni funzionari britannici riferirsi ai tentativi di allacciare nuovi accordi commerciali con le nazioni del Commonwealth in termini di «Impero 2.0» era per lo più una battuta interna. Tale definizione, però, è stata recepita da chi critica la Brexit come

    – di Gideon Rachman

1-10 di 61 risultati