Persone

Gianni Alemanno

Gianni Alemanno è nato il 3 marzo del 1958 a Bari ed è un politico italiano.

Tra il 28 aprile del 2008 e l'11 giugno del 2013 è stato sindaco di Roma.

Dall'11 giugno del 2001 al 17 maggio del 2006 è stato Ministro delle politiche agricole e forestali del secondo e terzo governo Berlusconi.

E' stato un esponente di primo piano del Popolo delle Libertà.

Alemanno inizia la sua carriera politica da giovanissimo, militando nelle organizzazioni giovanili dell’Msi.

Nel 1982 diviene Segretario provinciale del Fronte della Gioventù di Roma.

Dal 1988 al 1991 ricopre la carica di Segretario nazionale del Fronte della Gioventù di Roma, succedendo a Gianfranco Fini.

Nel 1990 entra per la prima volta nel Consiglio regionale del Lazio e diventa Vice Presidente della Commissione Industria, Commercio e Artigianato.

Nel 1994 aderisce ad Alleanza Nazionale, diventandone dieci anni più tardi, vicepresidente insieme ad Altero Matteoli e Ignazio la Russa.

Sempre nel 1994, Gianni Alemanno viene eletto deputato alla Camera, per essere riconfermato nel 1996, nel 2001 e nel 2006.

Alla Camera dei Deputati, Alemmano è componente della Commissione Ambiente e Lavori Pubblici, della Commissione Lavoro Pubblico e Privato e della Commissione Bilancio, Tesoro e Programmazione.

Dal 2001 al 2006, quando è ministro per l’agricoltura, si fa notare per alcune battaglie a favore dei prodotti italiani e raccoglie consensi da entrambi gli schieramenti politici.

Gianni Alemanno si candida come sindaco di Roma alle elezioni amministrative del 2006, ma queste vengono vinte dallo sfidante Walter Veltroni.

Nel 2008 il Popolo della Libertà lo candida nuovamente a Sindaco di Roma e vince la sfida contro il già sindaco capitolino Francesco Rutelli.

Dopo aver espletato il suo primo mandato come sindaco di Roma, Alemanno si è ricandidato nel 2013 ma è stato sconfitto dal candidato del Pd Ignazio Marino.

Attualmente è consigliere di minoranza in rappresentanza del gruppo consiliare Cittadini X Roma.

Il 9 ottobre del 2013 ufficializza l'abbandono del PdL e fonda un nuovo movimento politico chiamato "Prima l'Italia", con cui poi aderisce a Fratelli d'Italia - Alleanza Nazionale,

Alemmanno risulta tra gli indagati per la vicenda relativa allo scandalo Mafia Capitale.

E' sposato dal 1992 con Isabella Rauti (figlia dell'ex segretario del MSI Pino Rauti) dalla loro unione è nato un figlio, Manfredi.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Gianni Alemanno
    • Agora

    Pignatone, il "Mondo di mezzo" e il "Mondo di sopra", che tifa contro il processo su mafia Capitale

    Sarà ma ho la strana sensazione che intorno al processo cosiddetto "mafia Capitale" in corso a Roma con le sue varie articolazioni, tiri (non certo da oggi) una brutta aria. Mi riferisco al silenzio (molto più rumoroso del vociare) o al tifo da stadio (aizzato dietro le quinte) che si sollevano ogni qualvolta un pezzo di quel processo rotola verso lo smantellamento dei capi di accusa e, di conseguenza, dell'impianto accusatorio. Un caduta rovinosa accompagnata da articolesse ed editoriali (verb...

    – Roberto Galullo

    • News24

    Alemanno, Zingaretti e altri 111: il gip archivia

    «Gli elementi acquisiti non risultano idonei a sostenere l'accusa in giudizio». Così il gip di Roma Flavia Costantini, che ha accolto la richiesta della Procura di archiviare la posizione di 113 persone finite nel procedimento Mafia Capitale. Tra loro figura il presidente della Regione Lazio Nicola

    • News24

    Roma, sommersi dalle prescrizioni. Milano, giustizia al collasso

    Allarme organici di fronte a una 'giustizia al collasso' dal pg di Milano Alfonso nella relazione che apre l'Anno giudiziario: il governo deve agire, dice. Alfonso parla anche di mafia, e definisce gravi le infiltrazioni nei lavori della Fiera. Tema di cui parla anche il pg di Roma, Salvi:

    – di Nicoletta Cottone

    • News24

    Raggi e Marra, destini legati. Per il M5S il primo bagno di realtà

    Attenzione alle date: sono importanti, in questa storia, perché raccontano come i destini di Virginia Raggi e Raffaele Marra siano legati a doppio filo. Sono le prime nomine di Raggi, a giunta non ancora insediata, quelle che premiano i fedelissimi: il 28 giugno Daniele Frongia, attuale

    – di Manuela Perrone

    • News24

    Raggi e Marra, destini legati. Per il M5S il primo bagno di realtà

    Attenzione alle date: sono importanti, in questa storia, perché raccontano come i destini di Virginia Raggi e Raffaele Marra siano legati a doppio filo. Sono le prime nomine di Raggi, a giunta non ancora insediata, quelle che premiano i fedelissimi: il 28 giugno Daniele Frongia, attuale

    – di Manuela Perrone

    • News24

    Campidoglio: arrestato Raffaele Marra, fedelissimo della sindaca Raggi

    L'accusa di una tangente da 367mila euro costa a Raffaele Marra, il tanto discusso capo di gabinetto del sindaco di Roma Virginia Raggi, l'arresto in carcere. L'inchiesta, del sostituto procuratore Barbara Zuin e del procuratore aggiunto Paolo Ielo, avrebbe svelato un presunto passaggio di denaro

    – di Ivan Cimmarusti

    • News24

    Mafia Capitale, chiesta archiviazione del 416-bis per Gianni Alemanno

    Gianni Alemanno non era un sodale dell'associazione di stampo mafioso denominata Mafia Capitale. Da qui la richiesta da parte della procura di Roma al gip di archiviazione dell'accusa, prevista dall'articolo 416-bis del Codice penale, ipotizzata nel quadro degli accertamenti sul sodalizio

    • News24

    M5s, Raggi: «Non mollo». Ma deve fare dietrofront sulla nomina di De Dominicis

    «Non mollo». Così, sorridendo, la sindaca di Roma Virginia Raggi ha risposto oggi, a margine delle celebrazioni dell'8 settembre, a un cittadino che la esortava ad andare avanti. Intanto dopo il caos al Campidoglio dei giorni scorsi, il mini direttorio nato per coadiuvare Virginia Raggi nella sua

1-10 di 1040 risultati