Persone

Gianfranco Rosi

Gianfranco Rosi è nato nel 1964 ad Asmara (Eritrea) ed è un regista e documentarista italiano.

Negli anni '80 si è trasferito a New York dove si è diplomato presso la New York University Film School.

All'inizio degli anni '90 dirige il suo primo mediometraggio "Boatman", che gli consente di ottenere grande successo a vari festival internazionali (Sundance Film Festival, Festival di Locarno, Toronto International Film Festival, International Documentary Film Festival Amsterdam).

Nel 2001 dirige "Afterwords", presentato alla 57ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia.

Il 2008, gira il suo primo lungometraggio "Below sea level", vincitore tra l'altro del Prix des Jeunes al Cinéma du Réel del 2009 e del Premio Vittorio De Seta al Bif&st 2009 per il miglior documentario.

Successivamente produce il lungometraggio "El sicario - Room 164", film-intervista che gli vale il il Fripesci Award alla mostra d'arte cinematografica di Venezia 2010.

Nel 2013 è suo, nell'ambito della 70ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia, il Leone d'oro al miglior film per il documentario "Sacro GRA".

Nel 2016 vince, col docu-film "Fuocoammare" ambientato a Lampedusa e dedicato ai tragici eventi dell'emigrazione via mare, l'Orso d'oro alla LVI Berlinale 2016.

E' separato e padre di una figlia, Emma.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Gianfranco Rosi
    • News24

    Il «confine illegale» Iñárritu a Milano

    Tutto esaurito fino al 7 luglio alla Fondazione Prada di Milano per Carne Y Arena, l'installazione di realtà virtuale realizzata da Alejandro Iñárritu con la collaborazione del tre volte premio Oscar Emmanuel Lubezki. Ma c'è tempo fino al fino al 15 gennaio. E' un'esperienza che si deve realizzare

    – di Cristina Battocletti

    • Agora

    Dal 7 giugno alla Fondazione Prada "Carne Y Arena di Iñárritu: l'intervista al regista

    Il premio Oscar spiega la sua installazione alla Fondazione Prada: «Non è cinema. Uso il virtuale per capire la realtà» Da soli, senza sapere cosa accadrà. Così si inizia il percorso di Carne Y Arena , l'installazione di realtà virtuale di Alejandro Iñárritu con la collaborazione del tre volte premio Oscar Emmanuel Lubezki, che dal 7 giugno fino al 15 gennaio sarà alla Fondazione Prada di Milano. Si passa accanto a un pezzo di muro (vero) che divide gli Stati Uniti dal Messico e ci si toglie l...

    – Cristina Battocletti

    • Agora

    Da domani nelle sale "I'm not your negro", un monito contro ogni tipo di razzismo. L'intervista al regista Raoul Peck

    «Il futuro dei negri in questo Paese è luminoso o buio quanto lo è quello della nazione». Con parole cadenzate James Baldwin avvertiva l'America degli anni Sessanta, mentre fischiava e sputava sui ragazzini di colore che entravano per la prima volta, scortati dalla polizia, nelle scuole per sedere sui banchi accanto ai bianchi. La sua figura magra e sconsolata, il suo periodare secco, mai tribunizio, appaiono in I'm not your negro di Raoul Peck, in corsa questa notte agli Oscar come miglior docu...

    – Cristina Battocletti

    • News24

    «Europei guardate il mio film»

    «Il futuro dei negri in questo Paese è luminoso o buio quanto lo è quello della nazione». Con parole cadenzate James Baldwin avvertiva l'America degli anni Sessanta, mentre fischiava e sputava sui ragazzini di colore che entravano per la prima volta, scortati dalla polizia, nelle scuole per sedere

    – di Cristina Battocletti

    • News24

    Fuocoammare di Gianfranco Rosi

    Dopo la conquista dell'Orso d'oro al Festival di Berlino, Gianfranco Rosi punta agli Oscar ma parte sfavorito nei confronti di «O.J.: Made in America» e «13th». L'Italia, però, spera in una sorpresa e chissà che il film su Lampedusa e il tema dei migranti non riesca, dopo aver ottenuto tanti

    • News24

    Oscar 2017, ecco i favoriti della notte più attesa dell'anno

    Quante statuette vincerà «La La Land»? Emma Stone riuscirà ad alzare il primo Oscar della sua carriera? Chi otterrà il riconoscimento come miglior film straniero? E «Fuocoammare» tra i documentari? Sono solo alcune delle tante domande che troveranno risposta durante la notte degli Oscar, in

    – a cura di Stefano Biolchini e Andrea Chimento

    • Agora

    Al via la 67edizione della Berlinale: un solo titolo italiano "Chiamami con il tuo nome" di Luca Guadagnino. L'intervista al regista

    Con la vertigine di un irregolare, Django Reinhardt (1910-1953), jazzista rom, perseguitato dal nazismo durante la seconda guerra mondiale, si apre oggi la 67esima edizione del Festival del cinema di Berlino, che sembra tornare alla sua vocazione più autoriale, con nomi meno noti e il tappeto rosso sempre più corto. Anche il regista, Étienne Comar, che firma la pellicola di inaugurazione "Django", è alla sua prima prova nel lungometraggio, anche se da vent'anni lavora come produttore e sceneggia...

    – Cristina Battocletti

1-10 di 96 risultati