Persone

Gianfranco Fini

Gianfranco Fini è nato il 3 gennaio del 1952 a Bologna ed è un politico italiano.

Dal 30 aprile del 2008 al 14 marzo del 2013 è stato Presidente della Camera dei Deputati.

Tra il 18 novembre del 2004 ed il 17 maggio del 2006 è stato Ministro degli affari esteri del Governo Berlusconi.

Dall'11 giugno del 2001 al 17 maggio del 2006 è stato Vicepresidente del Consiglio dei ministri del Governo Berlusconi.

Tra il 22 luglio del 1991 ed il 27 gennaio del 1995 è stato Segretario del Movimento Sociale Italiano.

Gianfranco Fini ha cominciato la sua carriera politica fin da giovanissimo all’interno del Fronte della Gioventù, di cui è divenuto segretario nazionale a soli 25 anni con l'appoggio del leader del Msi Giorgio Almirante.

Come politico italiano è conosciuto soprattutto per essere stato il presidente di Alleanza Nazionale (An) dal 1995 al 2008, anno nel quale An è confluita nel Pdl, fondato dallo stesso Fini assieme a Silvio Berlusconi.

La prima alleanza con Berlusconi risale al 1994, quando l’Msi (Movimento Sociale Italiano), di cui Fini era segretario, ha vinto le elezioni politiche con la coalizione di centrodestra.

Fini è stato protagonista della svolta di Fiuggi, evento nel quale ha avuto luogo la svolta politica operata dal Msi (Movimento Sociale Italiano).

In occasione del congresso di Fiuggi (25-29 gennaio 1995) Fini decise di concretizzare il suo obiettivo politico spingendo il partito verso una destra conservatrice e liberale di stampo più moderno. In questa occorrenza è stato quindi sciolto l’Msi ed al suo posto è nata Alleanza Nazionale, con Fini presidente.

Nel luglio del 2010 Fini esce dal Pdl e fonda con altri deputati il gruppo parlamentare Futuro e Libertà per l'Italia.

Il 7 novembre del 2010, in occasione della prima convention di Futuro e Libertà, ratifica la crisi di governo, chiedendo a Silvio Berlusconi di rassegnare le dimissioni, minacciando, in caso contrario, l'abbandono del governo, abbandono che avverrà Il 15 novembre dello stesso anno.

Il 13 febbraio del 2011 Gianfranco Fini viene eletto, durante l'assemblea fondativa tenutasi a Milano, presidente di Futuro e Libertà.

Alle elezioni politiche del 24 e 25 febbraio 2013 si presenta come capolista di FLI alla Camera dei Deputati in tutte le circoscrizioni, formando una coalizione con la lista di Mario Monti, Scelta Civica, e con l'UdC, tuttavia Il risultato elettorale del suo partito, lo 0,47%,, non consente l'elezione di alcun deputato.

Il 14 marzo del 2013 cessa dalla carica di Presidente della Camera dei Deputati e l'8 maggio dello stesso anno si dimette dalla carica di presidente di Futuro e Libertà.

Gianfranco Fini ha ottenuto le seguenti onorificienze:

— Gran Decorazione d'Onore in Oro con Fascia dell'Ordine al Merito della Repubblica Austriaca (Austria, 2002);
— Cavaliere di Gran Croce Onorario dell'Ordine di San Michele e San Giorgio (Regno Unito, 2005);
— Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Piano (Città del Vaticano, 2005).

Fini ha tre figlie, una nata da una precedete relazione e due nate dall'unione con l'attuale compagna Elisabetta Tulliani.

Il 14 febbraio del 2017 nell’ambito di un’inchiesta per i reati di riciclaggio, reimpiego e autoriciclaggio posti in essere dal 2008, gli viene notificato un avviso di garanzia, mentre nei confronti di Elisabetta Tulliani, il padre Sergio ed il fratello Giancarlo, viene eseguito un decreto di sequestro preventivo di beni per un valore di 5 milioni di euro.

Ultimo aggiornamento 16 febbraio 2017

Ultime notizie su Gianfranco Fini
    • News24

    Fico, da reddito zero a presidente della Camera

    «Tutto deve rimanere semplice e umile» ha detto Roberto Fico poco dopo la sua elezione a terza carica dello Stato. L'esponente del Movimento 5 Stelle ha i titoli per professare il pauperismo istituzionale: al suo esordio da deputato aveva un reddito pari a zero e, cinque anni più tardi, da

    – di Riccardo Ferrazza

    • News24

    Elezioni 2018: Casini, Bonino e Prestigiacomo i decani del nuovo Parlamento

    Alle elezioni politiche del 1983 la Democrazia cristiana portò alla Camera due esordienti: uno si chiamava Sergio Mattarella; l'altro, più giovane (28 anni), era Pier Ferdinando Casini. Un quarto di secolo dopo il primo si ritrova al Quirinale a ricoprire il più alto ruolo istituzionale, il secondo

    – di Riccardo Ferrazza

    • News24

    Fundraising, prima delle risorse ai partiti serve la fiducia degli elettori

    «Affinché al cittadino/elettore sia chiara la Buona Causa perseguita dal candidato/partito/movimento è fondamentale porre molta cura nella stesura del programma elettorale. Nel fundraising politico è infatti la chiave per raccogliere fondi». Basta attingere a uno dei molti consigli contenuti in un

    – di Riccardo Ferrazza

    • News24

    Riciclaggio, per Fini e Tulliani chiesto il rinvio a giudizio

    Chiesto il rinvio a giudizio per l'ex presidente della Camera, Gianfranco Fini, accusato dai pm di Roma di riciclaggio. Oltre all'ex leader di An, il pm BarbaraSargenti ha chiesto il processo per la sua compagna Elisabetta Tulliani, per il padre e il fratello di quest'ultima, Sergio e Giancarlo, e

    • News24

    Giulia Bongiorno in campo con la Lega, capolista in più circoscrizioni

    Sarà capolista della Lega in diverse parti del Paese, Giulia Bongiorno. E' tra i più noti penalisti d'Italia, un passato di politica in Alleanza nazionale poi al seguito di Gianfranco Fini, e ancora attivista senza risparmio di energia a difesa dei diritti delle donne. E ora il suo nome viene fatto

    – di Nicola Barone

    • News24

    Grasso: «Penso a ricostruire, nessuna preclusione a Pd dopo voto»

    «Non volevo nome nel simbolo, ma mi hanno detto che è come il braccialetto che si mette al polso dei neonati». Ieri sera, ospite di Fabio Fazio a "Che tempo che fa", il presidente del Senato e leader di "Liberi e Uguali" (LeU), Pietro Grasso, ha ufficializzato il simbolo del nuovo partito,

    – di Redazione Online

    • News24

    Dal Fisco alla sicurezza: per i trattati percorso sprint in Parlamento

    Niente a che vedere con le lungaggini e le estenuanti discussioni sul biotestamento o lo ius soli. C'è una tipologia di provvedimento che in parlamento incontra quasi sempre scarsa opposizione e un iter rapido: sono i disegni di legge di ratifica dei trattati internazionali. Sui 411 testi

    – di Andrea Marini e Marta Paris

1-10 di 2829 risultati