Persone

Gianfranco Fini

Gianfranco Fini è nato il 3 gennaio del 1952 a Bologna ed è un politico italiano.

Dal 30 aprile del 2008 al 14 marzo del 2013 è stato Presidente della Camera dei Deputati.

Tra il 18 novembre del 2004 ed il 17 maggio del 2006 è stato Ministro degli affari esteri del Governo Berlusconi.

Dall'11 giugno del 2001 al 17 maggio del 2006 è stato Vicepresidente del Consiglio dei ministri del Governo Berlusconi.

Tra il 22 luglio del 1991 ed il 27 gennaio del 1995 è stato Segretario del Movimento Sociale Italiano.

Gianfranco Fini ha cominciato la sua carriera politica fin da giovanissimo all’interno del Fronte della Gioventù, di cui è divenuto segretario nazionale a soli 25 anni con l'appoggio del leader del Msi Giorgio Almirante.

Come politico italiano è conosciuto soprattutto per essere stato il presidente di Alleanza Nazionale (An) dal 1995 al 2008, anno nel quale An è confluita nel Pdl, fondato dallo stesso Fini assieme a Silvio Berlusconi.

La prima alleanza con Berlusconi risale al 1994, quando l’Msi (Movimento Sociale Italiano), di cui Fini era segretario, ha vinto le elezioni politiche con la coalizione di centrodestra.

Fini è stato protagonista della svolta di Fiuggi, evento nel quale ha avuto luogo la svolta politica operata dal Msi (Movimento Sociale Italiano).

In occasione del congresso di Fiuggi (25-29 gennaio 1995) Fini decise di concretizzare il suo obiettivo politico spingendo il partito verso una destra conservatrice e liberale di stampo più moderno. In questa occorrenza è stato quindi sciolto l’Msi ed al suo posto è nata Alleanza Nazionale, con Fini presidente.

Nel luglio del 2010 Fini esce dal Pdl e fonda con altri deputati il gruppo parlamentare Futuro e Libertà per l'Italia.

Il 7 novembre del 2010, in occasione della prima convention di Futuro e Libertà, ratifica la crisi di governo, chiedendo a Silvio Berlusconi di rassegnare le dimissioni, minacciando, in caso contrario, l'abbandono del governo, abbandono che avverrà Il 15 novembre dello stesso anno.

Il 13 febbraio del 2011 Gianfranco Fini viene eletto, durante l'assemblea fondativa tenutasi a Milano, presidente di Futuro e Libertà.

Alle elezioni politiche del 24 e 25 febbraio 2013 si presenta come capolista di FLI alla Camera dei Deputati in tutte le circoscrizioni, formando una coalizione con la lista di Mario Monti, Scelta Civica, e con l'UdC, tuttavia Il risultato elettorale del suo partito, lo 0,47%,, non consente l'elezione di alcun deputato.

Il 14 marzo del 2013 cessa dalla carica di Presidente della Camera dei Deputati e l'8 maggio dello stesso anno si dimette dalla carica di presidente di Futuro e Libertà.

Gianfranco Fini ha ottenuto le seguenti onorificienze:

— Gran Decorazione d'Onore in Oro con Fascia dell'Ordine al Merito della Repubblica Austriaca (Austria, 2002);
— Cavaliere di Gran Croce Onorario dell'Ordine di San Michele e San Giorgio (Regno Unito, 2005);
— Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Piano (Città del Vaticano, 2005).

Fini ha tre figlie, una nata da una precedete relazione e due nate dall'unione con l'attuale compagna Elisabetta Tulliani.

Il 14 febbraio del 2017 nell’ambito di un’inchiesta per i reati di riciclaggio, reimpiego e autoriciclaggio posti in essere dal 2008, gli viene notificato un avviso di garanzia, mentre nei confronti di Elisabetta Tulliani, il padre Sergio ed il fratello Giancarlo, viene eseguito un decreto di sequestro preventivo di beni per un valore di 5 milioni di euro.

Ultimo aggiornamento 16 febbraio 2017

Ultime notizie su Gianfranco Fini
    • News24

    Spadafora, l'uomo ombra di Di Maio e quelle porte girevoli tra Ong e politica

    All'Ash Center di Harvard, seduto in prima fila ad ascoltare il discorso del vicepresidente pentastellato della Camera Luigi Di Maio, c'era Vincenzo Spadafora, ex presidente di Unicef Italia dal 2008 al 2011 ed ex Garante per l'infanzia. Fino alla primavera del 2016, la stagione del grande salto

    – di Manuela Perrone

    • News24

    Corallo, re delle slot machine, perde la concessione

    Francesco Corallo, il re italiano delle slot machine e video lottery, perde la concessione. L'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ha notificato all'imprenditore catanese - travolto dall'inchiesta della Procura di Roma per riciclaggio assieme all'ex leader di An Gianfranco Fini - il provvedimento di

    – di Ivan Cimmarusti

    • News24

    Perché i condannati in Italia restano a Dubai

    L'ultimo a finire, il 21 marzo, nelle mani della Squadra catturandi dei Carabinieri di Milano, è stato Manuel Ros, lo "sceicco cuneese delle truffe", che da quattro anni aveva scelto come quartier generale della sua società finanziaria Dubai, capitale degli Emirati Arabi Uniti. Ros è stato

    – Vittorio Nuti

    • News24

    Il grande ballo attorno al «bando»

    E' evidente che siamo di fronte ad un caso di prima grandezza, sia giudiziario che politico. Perché il ballo che si è consumato intorno al bando per un appalto da 2,7 miliardi (una gara per le pulizie nelle scuole italiane con l'importo più rilevante mai indetta in Europa, notano i magistrati) è di

    – di Guido Gentili

    • News24

    Fini indagato per riciclaggio: accordo col re delle slot

    Un presunto «accordo» per aiutare il re italiano delle slot machine Francesco Corallo. E' l'accusa che pende su Gianfranco Fini, quando rivestiva la carica di vice presidente del Consiglio. Tra il 2008 e il 2015 nei conti correnti a lui indirettamente riconducibili sarebbero finiti circa 4 milioni

    – Ivan Cimmarusti

    • News24

    Riciclaggio, indagato Gianfranco Fini

    L'ex presidente della Camera e leader di An Gianfranco Fini è indagato per riciclaggio nell'ambito dell'inchiesta che ha portato la Guardia di finanza a sequestrare beni per 5 milioni di euro alla famiglia Tulliani. A Fini è stato consegnato un avviso di garanzia. «L'avviso di garanzia è un atto

    • News24

    Combattente dei Ricordi

    Al nome di Predrag Matvejevi? ho sempre associato la voglia di lottare per la giustizia e la verità. Anni fa, ancora sotto l'ex Jugoslavia, era intervenuto a favore del poeta e partigiano sloveno Edvard Kocbek, cui il regime aveva impedito di partecipare a un convegno sulla poesia a Ohrid, in

    – di Boris Pahor

    • News24

    Via dal dl banche l'educazione finanziaria. «Un autogol»

    Come nel gioco dell'oca, l'obiettivo di inserire nell'ordinamento italiano una legge sull'educazione finanziaria - unico paese occidentale ancora privo di una norma specifica - rischia di tornare ancora una volta al punto di partenza. Eppure sembrava fatta: il disegno di legge che assorbiva le

    – di Marco lo Conte

    • News24

    Maxi-riciclaggio dal gioco online, tra gli arrestati un ex deputato Pdl

    Ora la ruota per l'ex parlamentare del Pdl Amedeo Laboccetta e per Francesco Corallo, catanese, re delle slot machine e figlio di Gaetano (sospettato di legami con il boss di Cosa nostra Nitto Santapaola), non gira più. Lo Scico (Servizio centrale di investigazione sulla criminalità organizzata)

    – di Roberto Galullo

1-10 di 2807 risultati