Persone

Giancarlo Pagliarini

Giancarlo Pagliarini, nato a Milano il 23 aprile 1942, consigliere comunale uscente, è dottore commercialista e corre per la poltrona di sindaco nel capoluogo milanese, supportato dalla sua stessa lista e dalla Lega padana lombarda.

Laureato in Economia e commercio all’Università Cattolica la sua carriera di contabile comincia alla multinazionale Arthur Andersen quando aveva vent’anni. Poi costituisce una sua società di revisione, la Giancarlo Pagliarini & Soci a cui affianca altre 15 società distribuite in tutta Italia, da Cuneo a Siracusa. Parallelamente è anche professore a contratto all’Università di Parma e membro del consiglio direttivo dell’AIAF (Associazione Italiana degli Analisti Finanziari) e dell’Associazione di società di revisione IA International (Independent Accountants).

La sua esperienza nella vita pubblica del Paese comincia nel 1990, grazie ad un incontro con Umberto Bossi si trasforma da indifferente all’agone politico a grande sostenitore della Lega, tanto da cedere le sue quote delle società di revisione e dimettersi da tutti gli incarichi professionali. Subito gli arridono i primi successi: nel 1992 diventa senatore e capogruppo nella Commissione Bilancio; nel 1994 è ancora senatore e raggiunge una certa fama per i tagli a spese ed enti nella sua veste di ministro del bilancio. Viene rieletto a Montecitorio nel 1996 e nel 2001. Il suo impegno per Milano nasce nel 1997, quando raggiunge il posto di consigliere comunale. Il 2007 è l’anno della svolta: lascia la Lega ed entra nel Gruppo Misto, diventando presidente della sottocommissione per il Federalismo Fiscale. Il suo leitmotiv come indipendente è il federalismo, infatti fonda l’Associazione Giancarlo Pagliarini per la riforma federale, portando avanti le idee del professor Gianfranco Miglio.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016