Persone

Gian Luigi Rondi

Gian Luigi Rondi è nato il 10 dicembre del 1921 a Tirano (SO) ed è deceduto a Roma il 22 settembre del 2016, è stato un critico cinematografico italiano già presidente dell'Accademia del Cinema Italiano.

Conseguita la maturità classica presso il Liceo classico statale Giulio Cesare di Roma, frequenta la facoltà di Giurisprudenza e nel 1946 si iscrive all'Albo dei giornalisti professionisti.

Nel 1948 è corrispondente del quotidiano francese Le Figaro e nel 1949 diventa, per la prima volta, membro della giuria alla Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia (X edizione).

Durante gli anni '60, grazie alla sua fama ed autorevolezza crescente, prende parte alle giurie dei più prestigiosi premi internazionali cinematografici quali, quello di Berlino (1961), Cannes (1963), Rio de Janeiro (1965) e San Sebastian (1968).

Comissario della Biennale di Venezia tra il 1970 ed il 1972, nel 1983 diventa Direttore della Mostra, per essere poi successivamente nominato, dalla Presidenza del Consiglio dei ministri, membro del Consiglio direttivo della Biennale di Venezia, con durata quadriennale.

Tra il l 1993 ed il 1997 è stato Presidente della Biennale di Venezia e dal giugno del 2008 al febbraio 2012 ha assunto la carica di Presidente della Fondazione Cinema per Roma.

Gian Luigi Rondi è stato insignito di numerosissime onorificienze nazionali ed internazionali, tra le quali:

— Grande ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica italiana (27 dicembre 1968);

— Medaglia d'oro ai benemeriti della scuola della cultura e dell'arte (14 giugno 1975);

— Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana (3 gennaio 1981).

E' stato sposato con Yvette Spadaccini ed aveva due figli, Joel Umberto Rondi Nasalli e Francesco Saverio Rondi Nasalli.

Ultimo aggiornamento 22 settembre 2016

Ultime notizie su Gian Luigi Rondi
    • Agora

    Addio a Rondi, 70 anni di storia del cinema

    Da Allen a Zurlini, passando per Bergman, Bertolucci, Buñuel, Hitchcock, Scorsese, Truffaut, Visconti: Gian Luigi Rondi, decano dei critici cinematografici, ha conosciuto i mostri sacri del cinema internazionale, cui ha dedicato gran parte della sua lunga vita. Presidente dell'Accademia del Cinema Italiano, inventore dei David di Donatello, patron del festival del cinema di Roma si è spento ieri a quasi 95 anni (li avrebbe compiuti a dicembre), di cui settanta da protagonista del grande schermo...

    – Cristina Battocletti

    • News24

    Addio a Gian Luigi Rondi, pioniere della critica

    Venticinquenne, nel lontano 1947 era passato dalla critica drammatica a cui era stato indirizzato da Silvio D'Amico a quella cinematografica. Non tanto per il fascino dello schermo, che pur avrà avuto un ruolo, quanto «perché al cinema si poteva andare a tutte le ore e nel buio della sala si poteva

    – di Andrea Martini

    • News24

    Su Sky tutte le partite di Euro 2016 e i David di Donatello «emigrati» dalla Rai

    Euro 2016 se la «dividono», anche se Sky trasmetterà tutti i match e la Rai solo 27 su 51. Però fra i due c'è anche uno «scippo». O meglio per la prima volta non sarà la Rai a trasmettere la cerimonia di assegnazione dei Premi David di Donatello 2016, ma sarà la pay tv di casa Murdoch.

    – Andrea Biondi

    • News24

    La Siae alla prova governance

    «Finalmente si può aprire una fase nuova nella vita di questa associazione, necessaria per affrontare sfide difficilissime, prima fra tutte la tutela del

    – di Andrea Biondi

    • News24

    David da Romanzo

    Il film di Giordana su Piazza Fontana ottiene 16 nomination agli Oscar italiani. Seguono Habemus Papam (15) e This Must Be The Place (14)

    – La redazione

    • Agora

    Festival del cinema come la Rai, in mano ai politici...

    ...E in Italia non c'è più una pubblica opinione, se non su blog e social network, che gridi che non si può cacciare Gian Luigi Rondi dalla presidenza di un Festival da parte di un sindaco e di un presidente di Regione per mettere come direttore artistico la persona meno adatta a farlo, Marco Muller, adattissimo a dirigere un festival come Locarno più che la Mostra di Venezia, meno che mai quella che, all'inixio, voleva essere una Festa e non un Festival, senza quindi alcuna concorrenza con Vene...

    – Marco Mele

1-10 di 124 risultati