Le nostre Firme

Giampaolo Galli

Giampaolo Galli (nato a Milano il 13 marzo 1951) è un economista e politico italiano.

Ha una laurea in Economia Politica alla Bocconi di Milano e un Ph.D. in Economia presso il MIT (Cambridge, Ma.). Nel 1979 ha svolto attività di ricerca presso il Fondo Monetario Internazionale, Washington. Fra il 1980 e il 1995 al Servizio Studi della Banca d'Italia, si è occupato di mercato monetario, di ricerche econometriche e di previsioni economiche. Dal 1995 al 2003 è stato capo economista di Confindustria e ha svolto attività di consulenza per la Commissione Affari Monetari e Finanziari del Parlamento Europeo sulle questioni della politica monetaria europea e per il presidente della Commissione Europea (Romano Prodi).

Dal 2003 al 2009 è stato direttore generale dell'ANIA. È stato docente incaricato di Econometria, di politica monetaria e di politica economica presso l'Università Bocconi di Milano, La Sapienza di Roma e l'Università Luiss-Guido Carli.

Eletto nel febbraio 2013, alle elezioni politiche, deputato nel gruppo del Partito Democratico.

Ultimo aggiornamento 20 ottobre 2017

Ultime notizie su Giampaolo Galli
    • News24

    Il motore «imballato» dell'economia italiana

    L'Italia è un caso anomalo fra i paesi sviluppati perché da circa un quarto di secolo è il paese che registra i tassi di crescita più bassi. La ragione, secondo la generalità degli economisti, deve farsi risalire alla difficoltà di adeguare la pubblica amministrazione e la struttura produttiva alle

    – di Lorenzo Codogno e Giampaolo Galli

    • News24

    Web tax, la proposta Ue è un passo avanti ma ha ancora troppi limiti

    La web tax proposta dalla Commissione Europea rappresenta un progresso rispetto alla situazione attuale in cui ogni Paese va per la sua strada, mettendo a rischio il mercato europeo dei servizi digitali, ma presenta limiti evidenti. La Commissione propone innanzitutto di apportare delle modifiche

    – di Giampaolo Galli e Sergio Boccadutri

    • News24

    Non ignorare il debito, Flat tax fuori dal mondo

    «Questa campagna elettorale è partita male. La politica deve fare proposte compatibili con il debito pubblico altissimo dell'Italia: non servono manovre draconiane, ma dobbiamo assumere un impegno ad accrescere l'avanzo primario fino al 3-4% per arrivare al pareggio di bilancio con gradualità ma

    – di Giorgio Santilli

    • News24

    Promesse elettorali, è lite su abolizione Imu e modello Trump

    E' ancora una volta il Fisco, la promessa del taglio delle tasse l'epicentro della campagna elettorale. Nonostante l'invito del Capo dello Stato alle forze politiche affinché presentino proposte concrete, a prevalere sono gli slogan per sedurre l'elettorato. Silvio Berlusconi si dice pronto a

    – di Barbara Fiammeri

    • News24

    Un nome fuori dalle «relazioni» che può garantire autorevolezza

    La scelta di Mario Nava per la presidenza della Consob è eccellente. E' un economista di indiscussa preparazione ed esperienza, soprattutto sui mercati finanziari e sulle banche, in un mondo in cui spesso l'approccio giuridico prevale su quello economico. Con l'unione bancaria e il cantiere aperto

    – di Lorenzo Codogno e Giampaolo Galli

    • News24

    Manovra, alla Camera la battaglia si gioca su 820 emendamenti

    Anche alla Camera è attesa una pioggia di richieste di correzione del disegno di legge di bilancio, ma la vera partita sulla manovra si giocherà su non più di 800-820 emendamenti dei gruppi parlamentari. Tanti dovrebbero essere i ritocchi segnalati a disposizione delle singole formazione politiche

    – di Marco Mobili e Marco Rogari

    • News24

    La proposta sul default ordinato pericolosa per l'Italia

    L'allarme lanciato su queste colonne da Stefano Micossi e da Carlo Bastasin (il 23 e il 30 settembre, rispettivamente) è del tutto condivisibile. Sul tavolo negoziale europeo sembrano farsi strada due proposte assai azzardate che per l'Italia sarebbero estremamente pericolose.

    – di Lorenzo Codogno e Giampaolo Galli

    • News24

    La via maestra di tagli e riforme

    L'idea che il disavanzo pubblico non debba essere ridotto, ma aumentato verso il 3% e anche oltre, è ormai sostenuta dalla quasi totalità delle forze politiche.

    – di Lorenzo Codogno e Giampaolo Galli

    • News24

    Le due vie possibili per abbattere il debito

    Caro direttore,Lorenzo Codogno e Giampaolo Galli scrivono sul Sole 24 Ore del 29 agosto che nel dibattito pubblico italiano vi è una sostanziale rimozione del problema costituito dal nostro debito pubblico. Parlano del costo che una crisi del debito rischierebbe di infliggere alla generalità dei

    – di Giorgio La Malfa

    • News24

    Le imprese chiedono una transizione soft

    Sono passati già più di 100 giorni dall'attivazione dell'Articolo 50 dei Trattati che ha fatto scattare il periodo transitorio di due anni prima dell'uscita del Regno Unito dall'Unione europea, cioè Brexit. Entro il 29 marzo del 2019 vi dovrebbe dunque essere un accordo completo con l'Unione

    – di Lorenzo Codogno e Giampaolo Galli

1-10 di 241 risultati