Le nostre Firme

Giampaolo Galli

Giampaolo Galli (nato a Milano il 13 marzo 1951) è un economista e politico italiano.

Ha una laurea in Economia Politica alla Bocconi di Milano e un Ph.D. in Economia presso il MIT (Cambridge, Ma.). Nel 1979 ha svolto attività di ricerca presso il Fondo Monetario Internazionale, Washington. Fra il 1980 e il 1995 al Servizio Studi della Banca d'Italia, si è occupato di mercato monetario, di ricerche econometriche e di previsioni economiche. Dal 1995 al 2003 è stato capo economista di Confindustria e ha svolto attività di consulenza per la Commissione Affari Monetari e Finanziari del Parlamento Europeo sulle questioni della politica monetaria europea e per il presidente della Commissione Europea (Romano Prodi).

Dal 2003 al 2009 è stato direttore generale dell'ANIA. È stato docente incaricato di Econometria, di politica monetaria e di politica economica presso l'Università Bocconi di Milano, La Sapienza di Roma e l'Università Luiss-Guido Carli.

Eletto nel febbraio 2013, alle elezioni politiche, deputato nel gruppo del Partito Democratico.

Ultimo aggiornamento 20 ottobre 2017

Ultime notizie su Giampaolo Galli
    • News24

    La quadratura dei conti e lo spread in agguato

    Francis Scott Fitzgerald disse: «Datemi un eroe, e vi scriverò una tragedia». I messaggi rassicuranti sulla prossima Legge di Bilancio si susseguono, a partire da quelli del ministro Tria in una lunga intervista pubblicata l'8 agosto sul Sole 24 Ore, ma vengono continuamente contraddetti dai

    – di Lorenzo Codogno e Giampaolo Galli

    • News24

    Perché rischio sovrano e bancario sono sempre connessi

    In mancanza di sostanziali progressi verso l'unione bancaria, il nesso fra rischio sovrano e rischio bancario rimane un serio elemento di preoccupazione.

    – di Lorenzo Codogno e Giampaolo Galli

    • News24

    L'uscita dall'euro non esiste ma l'Italia faccia la sua parte

    Conosco personalmente la gran parte di loro: con Lorenzo Codogno e Mauro Maré siamo stati colleghi, Pietro Reichlin è stato mio professore al dottorato, Giampaolo Galli mi ha assunto da giovane economista, con Vito Tanzi abbiamo fatto tante belle discussioni a casa sua nel periodo in cui sono stato a Washington, con Stefano Micossi si parla delle recenti evoluzioni dell'economia italiana.

    – di Andrea Montanino

    • News24

    Ristrutturare il debito sovrano: la pericolosa proposta franco-tedesca

    Nella "Dichiarazione di Meseberg" riaffiorano alcune idee che, se recepite, sarebbero molto pericolose per l'Italia. Si tratta in sostanza dell'ipotesi della ristrutturazione ordinata di un debitore sovrano all'interno dell'area dell'euro, un tema su cui ci eravamo già soffermati in passato su

    – di Lorenzo Codogno e Giampaolo Galli

    • News24

    Btp, il rischio Italia allarga la forbice anche con Spagna e Portogallo

    Resta ai massimi la tensione sui titoli di Stato italiani. Le incertezze sul profilo del nuovo governo in tema di rapporto con l'Europa continuano a spingere gli investitori a vendere BTp i cui rendimenti sono in netto rialzo. Un'ondata di vendite che ha fatto ampliare rapidamente il differenziale

    – di Andrea Franceschi

    • News24

    Il piano B, l'euro e quelle tensioni con la Ue

    Il cosiddetto "contratto" di governo, se attuato, comporterebbe a regime un aumento del disavanzo pubblico nell'ordine di 100 miliardi di euro e sarebbe palesemente in contrasto sia con l'art. 81 della Costituzione italiana sia con le regole dell'Unione Europea.

    – di Lorenzo Codogno e Giampaolo Galli

    • News24

    La Povertà si combatte con più produttività

    Quali sono i problemi di diseguaglianza in Italia? E' in aumento o in diminuzione? Queste domande toccano la vita delle persone e determinano anche le loro scelte politiche. Le analisi di alcuni economisti della Banca d'Italia (Luigi Cannari e Giovanni D'Alessio, Brandolini et al.) confermano ciò

    – di Lorenzo Codogno e Giampaolo Galli

    • News24

    Il motore «imballato» dell'economia italiana

    L'Italia è un caso anomalo fra i paesi sviluppati perché da circa un quarto di secolo è il paese che registra i tassi di crescita più bassi. La ragione, secondo la generalità degli economisti, deve farsi risalire alla difficoltà di adeguare la pubblica amministrazione e la struttura produttiva alle

    – di Lorenzo Codogno e Giampaolo Galli

1-10 di 250 risultati