Le nostre Firme

Giacomo Vaciago

Giacomo Vaciago (Piacenza 1942-2017) è stato un economista, professore universitario ed editorialista de Il Sole 24 Ore.

Si è laureato in Economia e Commercio nel 1964 presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Nel 1968 ha conseguito il Master of Philosophy in Economia alla Oxford University. Già Ordinario di Politica Economica, è stato docente di Economia Monetaria presso l'Università Cattolica; ha studiato e insegnato ad Ancona, Oxford e Washington.

Si è occupato dei molti aspetti (teorici ed empirici) della Politica economica e dell'Economia Monetaria. Ha ricoperto numerosi incarichi nella ricerca economica e in qualità di consulente per organismi pubblici e privati. È stato Membro del Comitato per la politica economica e sociale della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Direttore del Progetto Finalizzato Economia del C.N.R., Consigliere Economico del Ministro del Tesoro, Consigliere del Presidente del Consiglio dei Ministri, membro del Comitato Tecnico-Scientifico del Ministero del Bilancio, Consigliere scientifico del Ministro Urbani. E' stato co-fondatore e primo Presidente (dal 2000 al 2004) di ref. (Ricerche per l'economia e la finanza); dal 2013 è Presidente di REF Ricerche e dal giugno 2014 Consigliere Economico del Ministro del Lavoro.

Ha avuto un'esperienza amministrativa nel 1994-98, come Sindaco della sua città natale, Piacenza (il primo eletto direttamente dai cittadini).

Editorialista de Il Sole 24 Ore dal 1983.

Si è spento nella sua città natale il 23 marzo 2017 a settantaquattro anni in seguito alle crescenti complicazioni di un intervento chirurgico .

Ultimo aggiornamento 24 marzo 2017

Ultime notizie su Giacomo Vaciago
    • News24

    L'embargo contro la Russia zavorra Fermo

    Meno 6,5% secondo il Monitor dei distretti Intesa ?; -7,4% secondo l'Istat, ma con un crollo di quasi il 20% in Russia che vede allineate le due fonti: è un tonfo senza precedenti quello che sta vivendo l'export calzaturiero di Fermo nei primi tre mesi dell'anno, dopo un 2015 chiuso con 36 milioni

    – Ilaria Vesentini

    • News24

    Paolo Magri nell'Advisory board di CO.MO.I Sim

    Paolo Magri, vicepresidente esecutivo dell'Ispi (Istituto per gli studi di politica internazionale) entra Nell'Advisory Board di CO.MO.I SIM, che fa parte dell'omonimo gruppo privato indipendente attivo nei servizi finanziari e nella consulenza alle imprese. L'ingresso di Magri, che è anche

    • News24

    Se il futuro non è più quello di una volta

    Il futuro non è più quello di una volta. Lo vediamo ogni giorno, dai problemi delle banche (dovendo - anzitutto i loro azionisti - scegliere quali meritino di essere salvate, e già questa una vera "rivoluzione") ai successi delle nostre industrie (che i migliori del mondo stanno cercando di

    – Giacomo Vaciago

    • News24

    Per tagliare la spesa rileggiamo Adam Smith

    Complici le tante "feste dell'Unità", negli ultimi giorni si è tornati a parlare della necessità di ridurre la "dimensione" dello Stato, anche per ridurre un po' la spesa pubblica e quindi poter ridurre la pressione fiscale. Ma è davvero un problema di dimensione e quindi solo di soldi ? A ben

    – Giacomo Vaciago

    • News24

    Basta pagelle, pensiamo alla crescita

    Per quanti anni ancora dovremo discutere se sia meglio fare le riforme o continuare con l'austerità? Così semplificato, quel dibattito non porta da nessuna parte : ci fa perdere tempo prezioso ed alimenta polemiche e divisioni, cioè il contrario di ciò che ci servirebbe. Dovremmo invece

    – di Giacomo Vaciago

    • News24

    Perché «Grexit» è assurdo

    Un'Europa senza la Grecia non è mai esistita, come noi non saremmo chi siamo senza Platone e Aristotile . Ma come si passa dalla retorica più bella di un grande passato a meritarci tutti assieme, noi e i greci, un futuro comune? Dovremmo fare esattamente il contrario di ciò che abbiamo fatto in

    – Giacomo Vaciago

    • News24

    Merkel: «Grecia, tempo quasi scaduto»

    «Non ci è rimasto molto tempo» per risolvere la crisi greca. Il cancelliere tedesco Angela Merkel ha ripetuto ieri, alla fine del vertice del G-7, che «tutti vogliono tenere la Grecia nell'unione monetaria» ma i tempi, e la pazienza all'interno del suo stesso partito e della sua coalizione di

    – di Alessandro Merli con un'analisi di Giacomo Vaciago

    • News24

    Come ricostruire il «motore»

    Il Fondo monetario internazionale abbandona la logica delle politiche di stabilizzazione (austerità fiscale e possibili errori sui moltiplicatori) e torna ad occuparsi del lungo periodo: ciò che riguarda noi ma anche i nostri figli.

    – di Giacomo Vaciago

1-10 di 163 risultati