Persone

Gerardo D'Ambrosio

Gerardo D'Ambrosio (Santa Maria a Vico (CE) 29 novembre 1930 - Milano 30 marzo 2014) è stato magistrato e politico italiano.

Gerardo D'Ambrosio si è laureato in Giurisprudenza a Napoli nel 1952 e cinque anni più tardi è entrato in Magistratura. Dopo un periodo alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Nola (Napoli) è stato trasferito al Tribunale di Voghera (in provincia di Pavia). Passato a Milano, ha rivestito le cariche di Pretore Civile e Giudice Istruttore Penale e nel 1981 è stato assegnato alla Procura Generale di Milano con funzione di Sostituto Procuratore Generale. Nel 1989 Gerardo D'Ambrosio è stato nominato Procuratore aggiunto di Milano, dove ha diretto il Dipartimento criminalità organizzata ed a partire dal 1991 quello dei reati contro la pubblica amministrazione.

Nel 1992 è entrato nel pool dell'inchiesta Mani pulite e nel 1999 è stato eletto Procuratore Capo della Procura della Repubblica di Milano.

Nel 2002 è stato collocato a riposo per limiti di età.

Candidatosi alle elezioni politiche del 2006 con i Democratici di Sinistra, è stato eletto Senatore nel collegio della Regione Lombardia. Componente della II Commissione permanente Giustizia del Senato, nel 2008 si è riconfermato Senatore nelle file del Pd.

Non si è ricandidato nelle elezioni del 2013.

Il 21 maggio 2012, il consiglio comunale di Santa Maria a Vico ha negato, con voto contrario preso a maggioranza, la cittadinanza onoraria, precedentemente proposta per D'Ambrosio dall'associazione culturale locale Ethos Odv.

II sindaco sammariano Alfonso Piscitelli (Il Popolo delle Libertà) nel motivare la scelta ha dichiarato: «Anche se D'Ambrosio è un nostro illustre cittadino riteniamo non abbia volato troppo in alto, non sia stato al di sopra delle parti».

Diversi quotidiani nazionali hanno polemizzato a proposito della scelta, ritenendola politicizzata.

Gerardo D'Ambriosio è stato definito il giudice daltonico, per le sue scelte imparziali ed incondizionate nelle vicende giudiziarie e soprattutto indipendenti dal colore politico degli imputati.

Dopo essere stato sottoposto nel 1991 a trapianto di cuore, è deceduto il 30 marzo del 2014 presso il Policlinico di Milano, per una attacco cardiaco.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016